31.12.16

MANFREDONIA: ALLEVAMENTI DI PESCI NEL MARE INQUINATO



 
Manfredonia è inserita tra i siti contaminati di interesse nazionale dal 1998, in base alla legge 426. Il ministero dell’Ambiente con decreto del 10 gennaio 2000 ha perimetrato un’area di appena 10,7 chilometri quadrati, di cui 8,5 in mare, che ingloba interamente il cosiddetto "porto alti fondali" e si protende al largo. Stranamente, la carta dell'Istituto Geografico Militare (in scala 1:50.000) pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 26 febbraio 2000 (serie generale numero 47) è una vecchia mappa che non riporta il porto industriale (alti fondali) ultimato nel 1978.



30.12.16

LA DIFFIDA AL MINISTRO DELRIO E LE AMNESIE DI EMILIANO



Le persone più sensibili di Manfredonia - cordinate dal professor Italo Magno, già presidente nel 1988 del comitato popolare che lottò vittoriosamente contro l'Enichem - dopo aver già inviato un argomentato esposto il 22 dicembre scorso a Mattarella, Gentiloni e Calenda - hanno indirizzato al ministro Delrio, una comunicazione in cui chiedono più che motivatamente, di non rilasciare la concessione demaniale per 40 anni alla multinazionale Energas/Kuwait Petroleum. E' in gioco lo stupro ambientale della Daunia tramite un gigantesco complesso affaristico di gas a petrolio liquefatti (300 mila tonnellate annue di gpl). Così per scongiurare questa imminente concessione (elargizione) oggi è partita la pre-diffida a Roma.

24.12.16

LA TERRA DELL'ANGELO

 
 Gargano - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

di Gianni Lannes

In alto dalle parti della grotta di San Michele le pecore calavano in silenzio, la massa bianco sporco rotolava sul pendio, e pareva una slavina giù dal monte dell’angelo guerriero. A dicembre era caduta tanta neve, e in mezzo alla montagna del sole il gregge si trascinava verso la candida Mattinata per ripararsi dal freddo e dal vento insidioso. Gli animali rotolavano nel soffice tappeto farinoso che ammantava boschi e praterie, dal mare ruggente su fino alle colline più aspre. Cani, pastori, pelame lanoso nuotavano affamati verso valle; era una massa liquida e silente. Tutto lì taceva. Fu allora che un suono modulato si sentì fluire dalla terra. Era più di un richiamo pastorale lanciato con maestria da qualcuno; piuttosto, era una cosa antica e senza tempo, che risvegliava le persone, ed era ovunque e in nessun luogo. A udirlo nel silenzio più assoluto il gregge si fermò senza bisogno di un richiamo, e anche i cani ammutolirono e poi latrarono lanciando un eco risonante. Era la voce del luogo che tuonava, quella che avevano udito gli esseri viventi, un canto dimenticato nel silenzio transumante. Svegliato dal richiamo tra i pini d’Aleppo cantava il Gargano all’unisono sotto la neve del generale inverno.
 

ENERGAS: ITALO MAGNO SCRIVE A DIAMANTE MENALE



 LETTERA APERTA

                    Manfredonia, 24 dicembre 2016

Alla cortese attenzione del

Signor Diamante Menale

Presidente di Energas S.p.A

                                                                     

            Gentile Signor  Menale,

Le scrivo questa lettera per dire che mi dispiace per i rapporti che si sono così incrinati tra Lei e la nostra città. Avremmo voluto che fossero diversi, come facilmente avviene tra noi e le persone che si avvicinano a questa città, solitamente cordiale con i forestieri.

            È Natale, ma non solo a Natale occorre saper mettere da parte i pensieri negativi, per far emergere i sentimenti migliori, finora sopiti, da parte nostra, nella difesa di interessi che fanno riferimento alla propria casa, alla bellezza del nostro habitat, alle sue possibilità di sviluppo, perfino alla nostra esistenza, che si ritiene esposta “a rischio rilevante” con l’insediamento dell’impianto che la Sua Azienda vorrebbe tumulare nei nostri luoghi. 

23.12.16

TAP: UN ALTRO LOSCO AFFARE DI GAS



 di Gianni Lannes

L’attuale stima si aggira sui 40 miliardi di euro per un rifornimento di gas azero alternativo a quello russo. La sua capacità comunque si esaurirà nel 2021, come ha documentato Bankwatch. Nel rapporto “Affari pericolosi - Chi approfitta del Corridio meridionale del gas?” c’è scritto: “Nella sua corsa per costruire il Corridoio Sud, l’Ue ha accettato di sacrificare i controlli - scrive l’ong -. Questo potrebbe ritorcersi contro l’Unione”. Il tratto dalla Grecia all’Italia vale 2 miliardi di euro: a erogarlo sarà la Banca europea degli investimenti, istituto a cui contribuiscono Paesi europei e Commissione (l’Italia detiene il 16 per cento del capitale). Allora, perché distruggere la Puglia? E la Xylella c'entra qualcosa?

riferimenti:


GAS, TANGENTI & RIFIUTI

Un lancio dell'Ansa attesta: «Un sequestro preventivo di beni per 239,7 milioni di euro, disposto dal gip di Napoli, è stato eseguito stamane nei confronti della società Kuwait Petroleum Italia. L'ammontare è pari, secondo l'accusa della Dda partenopea, al profitto ottenuto mediante lo smaltimento illecito, a Napoli, di rifiuti di lavorazione pericolosi: 42mila metri cubi di acque oleose. Otto gli indagati. Nell'ambito dell'inchiesta erano stati sequestrati due anni fa alcuni impianti dell'azienda».

Kuwait Petroleum Corporation - una multinazionale petrolifera di proprietà dello Stato totalitario del Kuwait (a cui l’Italia ha venduto recentemente ben 28 velivoli da guerra con la benedizione di Renzi e Pinotti) - è comproprietaria di Energas: la sua quota è pari al 33,31per cento, attesta l’archivio ufficiale della camera di commercio di Napoli. Il 61,88 per cento è nella mani della Zeta Gas, mentre il rimanente 4,81 per cento appartiene a Di Mauro Vincenzo. Il mastodontico deposito di Gpl a Manfredonia è  la contropartita irrinunciabile della predetta vendita bellica?
 

22.12.16

GPL: L'ULTIMO DISASTRO!



È salito a una trentina il numero dei feriti del grave incidente ferroviario avvenuto nelle prime ore di sabato 10 dicembre 2016 a Hitrino, nel nordest della Bulgaria. Alcuni di loro sono in gravi condizioni. Resta fermo per ora a cinque il bilancio dei morti. I vigili del fuoco continuano a cercare eventuali altre vittime o superstiti tra le macerie delle case distrutte dall’esplosione e dal successivo incendio. Secondo fonti della polizia, gli ultimi due vagoni cisterna pieni di Gpl, del treno merci deragliato, che era composto da 26 vagoni cisterna di Gpl e propilene, sono esplosi dopo aver urtato alcuni pali elettrici provocando distruzioni su vasta scala. Il panorama è quelo di una città bombardata.


19.12.16

MATTARELLA E GENTILONI DEVONO ARRESTARE L'ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM

Ecco in anteprima il testo integrale dell'istanza redatta da Gianni Lannes, che il 20 dicembre sarà sottoscritta dalla cittadinanza sensibile di Manfredonia, e che il 21 dicembre sarà trasmessa al capo dello Stato, al primo ministro e al ministro dello sviluppo economico. Dopodiché, ovvero trascorsi 30 giorni dal ricevimento della presente, se tali autorità non arresteranno ufficialmente l'affare Energas/Kuwait Petroleum, il caso sarà portato direttamente all'attenzione della Corte di Giustizia Europea, della Commissione europea, della Corte dei diritti dell'Uomo e dell'ONU. Una strategia risolutiva non si improvvisa, ma va condivisa alla luce del sole. Ora è scacco al re: 10 a zero e palla al centro.




Al Presidente della Repubblica
Sergio Mattarella
c/o Palazzo del Quirinale
00187 Roma

Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Paolo Gentiloni
c/o Palazzo Chigi
Piazza Colonna, 370
00187 Roma

Al Ministro dello Sviluppo Economico
Carlo Calenda
via Vittorio Veneto, 33
00187 Roma

Manfredonia, 21 dicembre 2016

Raccomandata A/R

N
oi cittadine e cittadini italiani, nati e residenti a Manfredonia, con l’ausilio dello scrittore Gianni Lannes (autore del dossier A tutto gas, di prossima pubblicazione), in ossequio ai dettami della Costituzione repubblicana e alla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, nonché alla Dichiarazione dei diritti del fanciullo e alla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia, in virtù della Convenzione di Aarhus, ratificata dalla legge 108/2001, ai sensi del Trattato che istituisce la Comunità Europea, ratificato dalla legge 1203/1957 (in particolare l’articolo 174), nonché in considerazione della “Dichiarazione per il diritto del bambino ad un ambiente non inquinato” del 24 settembre 1999: «Il Comitato Nazionale per la Bioetica ha sempre avvertito l’esigenza di sottolineare la gravità e l’urgenza delle questioni connesse alla tutela dell’ambiente… e ha richiamato l’attenzione sulla necessità di stimolare un serio processo di sensibilizzazione riguardo l’improprio sfruttamento delle risorse ambientali, al degrado, all’inquinamento ed ai rischi ad essi associati per la salute umana… la tutela dell’ambiente chiama in causa valori e beni fondamentali come la qualità della vita, il rispetto per la comunità biotica, la tutela della salute umana… la politica e il diritto hanno e devono mantenere un ruolo prioritario in quanto la loro ragion d’essere è data proprio dalla tutela dei diritti e valori umani per i quali non è ammissibile alcuna forma di negoziazione… Il diritto ad un ambiente non inquinato va considerato ormai parte integrante del diritto alla salute in quanto quest’ultimo è evidentemente pregiudicato dalla violazione sistematica dell’equilibrio ambientale»,

16.12.16

UNA BOMBA AD OROLOGERIA AL POSTO DEL TRENO PASSEGGERI!


Sipontum: area archeologica, distributore Energas e stazione fantasma - foto Manfredonianews
 

Altro che energie rinnovabili, altro che modernità, altro che futuro, altro che qualità della vita, altro che democrazia. Il presente è ancora un tombino industriale per il Sud Italia, usato come la discarica dell’Europa. Bentornati nell’era della pietra, anzi dei fossili sopravviventi. Non è uno scherzo di Carnevale. Il capoluogo della Daunia doveva essere la seconda stazione più importante d’Italia, dopo quella di Bologna. Invece il nevralgico scalo ferroviario (collegamenti nord-sud, est-ovest della Penisola) è stato gradualmente e volutamente trasformato in un ramo secco; adesso il governo tricolore ha congelato i fondi già stanziati per tutte le dorsali ferroviarie nel Mezzogiorno d’Italia. Dal 12 dicembre 2016 Trenitalia ha pure soppresso lo storico collegamento passeggeri da Manfredonia a Foggia e viceversa. L'inghippo dell'imbroglio legalizzato, si fa per dire, è sepolto qui.

15.12.16

MERCURIO ENI NELL'ADRIATICO

 
 
Avvelenamento infinito ed impunito. Peggio della mafia c'è soltanto l'omertà dello Stato italiano. Le autorità tricolori ad ogni livello hanno consentito all'Eni di  seminare malattie e morte in un paradiso terrestre. E' accaduto a Manfredonia, ma non solo: una strage legalizzata di ignara popolazione e ancora speculazioni in grande stile, incluse le trivelle petrolifere, a danno della gente. La legge 426 del 1998 ha inserito questa zona nei 16 siti di interesse nazionale da bonificare. Con decreto del ministero dell'ambiente datato 10 gennaio 2000, il territorio da mettere in sicurezza e bonificare è stato perimetrato. Soltanto l'area marina inquinata dall'Eni - senza contare la terraferma - si estende per 853 ettari, pari a 8,5 chilometri quadrati. Nel 2008 l'Ispra ha rilevato proprio in loco, ovvero nella zona prospiciente il petrolchimico Anic-Enichem concentrazioni abnormi di veleni industriali, ma soprattutto il letale mercurio. A tutt'oggi, grazie anche all'evidente disinteresse istituzionale, nonostante i recenti rilievi dell'Arpa, non è stato disinquinato un centimetro quadrato di questo mare in agonia. Proprio qui dove il pericolo sismico e idrogeologico è notoriamente presente, il governo italiano intende autorizzare l'Energas/Kuwait Petroleum ad installare un impianto produttivo di gas a petrolio liquefatto, a rischio di incidente rilevante (secondo le direttive Seveso) da 300 mila tonnellate annue. Nel 2013 l'Italia ha aderito alla convenzione mondiale di Minamata, un trattato internazionale legalmente vincolante. Siamo alla resa dei conti, al redde rationem. E' l'ora di chiamare ufficialmente dinanzi alla Commissione europea, al Consiglio d'Europa, al Parlamento Ue, alla Corte di giustizia Ue e alla Corte dei diritti dell'Uomo, lo Stato italiano e l'Eni ad un atto concreto di responsabilità, in ossequio alla Convenzione di Aarhus (chi inquina paga). Occorre una nuova etica tra giustizia sociale ed ecologia, per un progetto che abbia il rispetto della vita e la conservazione dell'ambiente, come parte fondamentale delle scelte economiche, politiche e sociali.
 

12.12.16

ENI E STATO ITALIANO: FINTE BONIFICHE!




Manfredonia è uno dei 16 siti italiani ricompresi dalla legge 426 del 1998 nelle aree a grave rischio ambientale, a causa dell'inquinamento industriale provocato dall'Eni. Il ministero dell'Ambiente con decreto del 10 gennaio 2000 ha perimetrato il territorio da disinquinare. A tutt'oggi, nonostante una montagna di denaro pubblico elargita alla Syndial, ovvero alla stessa Eni, la bonifica a Manfredonia è appena al 5 per cento sulla terraferma, e addirittura a zero negli 8,5 chilometri quadrati (853 ettari) nell'area marina prospiciente il petrolchimico. Nel 2008, peraltro, l'Ispra ha trovato in questo mare anche il mercurio. Il folle progetto dell'Energas/Kuwait Petroleum  (un gigantesco deposito di gas a petrolio liquefatto da 300 mila tonnellate annue di gpl) non potrà essere mai realizzato, anche perché insiste in una di queste aree contaminate, quella del porto alti fondali. 

ITALIA: PRESENTE E FUTURO!

di Gianni Lannes

In Italia i rifiuti si riciclano soltanto in politica. Che fare in un belpaese reso agonizzante da una casta di  politicanti  eterodiretti palesemente da interessi speculativi stranieri? Ma pensate davvero che chi ha provocato questa situazione disastrosa possa trovare e mettere in atto le soluzioni per il bene comune? Prima cosa: spazzare via i tutti i parassiti. La perdita più grave è quella delle intelligenze, costrette ad emigrare ancora più di un secolo e mezzo dopo l'annessione d'Italia targata Savoia. Da noi vige la morte per pena e la tortura non è reato. Allora, una prima prova è quella di riconquistare la sovranità perduta e lo Stato diritto, attraverso una nuova Costituente. Ma perché no? Coltivare il futuro nella propria terra. Puntiamo sui giovani e diamo vita ad ecosistemi dove le persone si incontrano per mettere a valore passioni e idee concrete. La prima rivoluzione è interiore: passare dal paradigma dell'economia all'etica. Sciopero generale ad oltranza ed obiezione fiscale a tappeto per cominciare.

IL DIRITTO DI CREPARE!

 di Gianni Lannes


Nel Mezzogiorno d'Italia non si ha diritto alla vita, tantomeno a viaggiare. Mancano infatti all'appello circa 11 miliardi di euro per concludere le dorsali ferroviarie Napoli-Bari-Lecce-Taranto, Salerno-Reggio Calabria, Messina-Catania Palermo. Basta andare sul sito dei contratti istituzionali di sviluppo del ministero dei Trasporti per rendersi conto di un'altra beffa ai danni del Sud. Ma c'è di peggio. Della serie: come assassinare un territorio e tutta la sua popolazione in breve tempo. E la casta politica? Al solito latitante. Dunque, niente più treno civile. Da oggi, è stato abolito lo storico collegamento ferroviario passeggeri da Manfredonia per Foggia e Termoli. La stessa linea a binario unico sarà utilizzata esclusivamente dalle numerose e pericolose ferrocisterne cariche di gas a petrolio liquefatto (a rischio di incidente rilevante secondo le direttive Seveso) dell'Energas, che stazioneranno nell'ex capoluogo provinciale all'insaputa della popolazione, e senza alcun piano sia pure "obbligatorio" di sicurezza. 

11.12.16

LE REGALIE SEGRETE DI GENTILONI ALLA FRANCIA

  



di Gianni Lannes

Ecco chi è Gentiloni: uno che di nascosto da ministro degli esteri ha regalato una fetta di mare italiano ad una nazione straniera. La notizia della cessione segreta di ben 339, 9 chilometri quadrati dell’Alto Tirreno è emersa per caso, soltanto perché le autorità marittime transalpine  (una motovedetta della Gendarmerie Maritime) hanno sequestrato il 13 gennaio 2016, il peschereccio italiano Mina intento a pescare gamberi rossi. La motivazione del fermo è lo sconfinamento dell'imbarcazione italiana in acque territoriali francesi.  



Le acque in cui la barca è stata fermata dai prepotenti transalpini, però, al capitano di bordo risultavano nostre: avrebbero «cambiato colore» proprio nel bilaterale Gentiloni-Fabius del 21 marzo 2015, avente per oggetto lo scambio di acque territoriali. Le autorità francesi, infatti, hanno giustificato il sequestro sulla base dei nuovi confini stabiliti con l'accordo bilaterale tra Italia e Francia il 21 marzo 2015.

30.11.16

DAL CULTO DELLE ACQUE ALLA CURA MORTALE DEL CEMENTO ARMATO!






Qui nel Gargano ha avuto origine il popolo dei Dauni, vale a dire dei lupi. Lucani, Sanniti e Irpini sono discendenti degli antichi Dauni. E’ uno dei principali ambiti europei di interesse archeologico. «Il complesso di Scaloria Occhiopinto ha fornito il maggior numero di informazioni sul Neolitico di tutta l’Italia sud orientale - spiega Marija Gimbutas, archeologa, condirettrice degli scavi del 1978-79 - La Grotta Scaloria è unica in Italia per il luogo sacro e per le sue sepolture». Dal 1967 è stata avviata l’indagine della parte più profonda della labirintica caverna, dove gli studiosi localizzeranno i resti di un cerimoniale religioso, collegato ad un culto delle acque praticato attorno alla fine del V millennio avanti Cristo.

il nuovo mercato Scaloria

INFERNO UMANO!





di Gianni Lannes

Invisibili eppure ad un soffio dai nostri occhi e dal cuore dell'umanità, mentre imperversa il cinismo e l'indifferenza. Senza luce, senza riscaldamento, senza servizi igienici, senza acqua corrente, senza solidarietà, senza compassione, senza amore. Un vasto accampamento di poverissime baracche cadenti flagellate dalla tramontana e accartocciate con poveri materiali di risulta, attorno ad una masseria diroccata. Grazie alla pioggia di ieri nella bidonville scorre un torrente di fango misto a rifiuti d’ogni genere, compresi brandelli di eternit. I bambini giocano comunque all’aria aperta anche se il freddo è pungente, attenuato in questi tuguri da rudimentali stufe singhiozzanti.



28.11.16

ELOGIO DELL'INFANZIA

La mia Africa - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

“Elogio dell’infanzia” di Peter Handke. Su questi suoi versi inizia uno dei più grandi capolavori del cinema, ovvero “Il cielo sopra Berlino” che Wim Wenders firmò nel 1987...

https://www.youtube.com/watch?v=W8nKl6qtLMs 

 di Peter Handke

Quando il bambino era bambino,
camminava con le braccia ciondoloni,
voleva che il ruscello fosse un fiume,
il fiume un torrente
e questa pozzanghera il mare.

Quando il bambino era bambino,
non sapeva di essere un bambino,
per lui tutto aveva un’anima
e tutte le anime erano un tutt’uno.

27.11.16

GLI SPRECHI DELL’EUROPA




di Gianni Lannes

Almeno sulla carta l’unione europea doveva garantire progresso e prosperità ai popoli del vecchio continente, ma invece di assicurare una vita migliore a cittadine e cittadini, incrementa il malaffare. Basta dare un'occhiata ai fondi europei elargiti a pioggia, per rendersi conto.

Quanto al cattivo governo dell’Unione da parte di soggetti addirittura non eletti dai popoli, non vi è alcun controllo correttivo. La Commissione europea iperattiva nel richiamare gli Stati per il rispetto delle regole dell’euro, vanta un deficit iperbolico: 4,8 per cento, nettamente superiore alla soglia del 3 per cento del trattato di Maastricht.

ATTENZIONE AI BONIFICATORI DELLA NATURA!



di Letizia Ricci

Occhio alle istituzioni. Ancora una volta e come sempre il Gargano è a rischio! Presunta "valorizzazione" fa rima con speculazione? Giù le mani dalla montagna del sole!

riferimenti:

Gianni Lannes, La montagna profanata, Edizioni del Rosone, Foggia, 2015.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=gargano 

25.11.16

JP MORGAN & RENZI: UNA DITTATURA PER L'ITALIA






 di Gianni Lannes

L’ineletto Renzi ha dichiarato che bisogna votare “si” al referendum anticostituzionale del 4 dicembre, perché l’Italia deve cambiare. Le sedicenti riforme non sono state sfornate dal piddì, bensì imposte da JP Morgan. Il 28 maggio 2013, infatti, questa gigantesca banca d’affari ha pubblicato un documento intitolato “Aggiustamenti nell’area euro" in cui spiega dettagliatamente come vanno riformati certi paesi del Sud Europa. In particolare JP Morgan ha scritto che la Costituzione italiana va cambiata. Ecco, appunto, cosa recita uno stralcio del testo datato 2013: “I sistemi politici dei Paesi del Sud e in particolare le loro Costituzioni (…) presentano una serie di caratteristiche che appaiono inadatte a favorire la maggiore integrazione dell’area europea”.

SEGRETO DI STATO SULLO SPERPERO DI DENARO PUBBLICO





di Gianni Lannes

L’Italia vanta il primato di perdite per derivati di Stato dell'Eurozona: oltre 6,75 miliardi di euro di perdite effettive soltanto nel 2015. Sono stati segretamente stipulati 13 contratti di derivati sul debito pubblico, per decine di miliardi di euro dal ministero delle Finanze con Banca Imi S.p.A., Bank of America, Barclays Bank PLC, BNP Paribas, Citibank N.A. –London, Credit Suisse International, Deutsche Bank AG, Dexia Crediop S.p.A., FMS Wertmanagement Anstalt Des, Goldman Sachs International, HSBC Bank PLC, ING Bank N.V., JP Morgan Securities PLC, Morgan Stanley and Co. Int. PLC, Nomura International PLC, Societe Generale, The Royal Bank of Scotland PLC, UBS Limited e Unicredit Bank AG.

24.11.16

INQUINAMENTO DELL’ARIA: ASSASSINO SILENZIOSO



di Gianni Lannes

In Europa uccide ogni anno quasi mezzo milione di persone. E’ un pericolo a piede libero, coadiuvato dalle irrorazioni belliche della NATO, nei cieli del vecchio continente. Mister Renzi, proprio quello che ora vuole stuprare la Costituzione repubblicana, in televisione (alla trasmissione Ballarò allora di Rai 3) aveva minacciato di trattamento sanitario obbligatorio gli iscritti del partito democratico che osavano parlare di questo tabù.