29.10.18

PERCHE' LE SCIE DEGLI AEREI DIVENTANO NUVOLE?


Dopo 3 anni di censure editoriali, uscirà finalmente il 31 ottobre il libro PERCHE' LE SCIE DEGLI AEREI DIVENTANO NUVOLE? Si tratta della prima inchiesta giornalistica italiana, documentata con numerose prove ufficiali, relativa al dilagante fenomeno della cosiddetta aerosolchemioterapia bellica NATO in Europa. 
 
Questo volume è il frutto di una ricerca sul campo realizzata a partire dal 2003 ai giorni nostri. Esso contiene circa 2 mila documenti ufficiali (in parte riservati e segreti).


Chi vuole acquistarlo può prenotare il volume - attualmente in edizione limitata - e chi intende organizzare una conferenza di presentazione, può scrivere al seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it

SCIE BELLICHE: L’ACCORDO SEGRETO DI BUSH & BERLUSCONI




di Gianni Lannes


(testo già pubblicato nell’aprile 2014)

Sperimentazioni: veleni di Stati dal cielo al respiro vivente. A rischio l’integrità ambientale, la salute umana e la libertà. La nocività ambientale non è soltanto una conseguenza deleteria del modo di produzione capitalistico, ma soprattutto una strategia di controllo del sistema di dominio sull'umanità. 

TAP: DI MAIO MENTE O NON HA CAPITO NIENTE!



di Gianni Lannes


Yesman, carta canta. Non ci sono penali e gli onorevoli del movimento 5 stelle lo sapevano almeno dal luglio 2017. Non è tutto: il 29 novembre 2017 fu richiesta da 16 senatori del m5s, un'inchiesta parlamentare proprio sul TAP.

«Ho studiato quelle carte per tre mesi, ci sono delle penali per quasi 20 miliardi di euro». Di Maio dice che le carte le ha lette solo da ministro, ma che poi le ha studiate per tre mesi. Ma siamo sicuri che sappia leggere e comunque comprendere quantomeno la lingua italiana? Eterodiretti e telecomandati dall'estero? Attenzione ci sono altri due gasdotti internazionali che sconquasseranno l'Italia per interessi speculativi stranieri.

28.10.18

SOLVAY, BARIO E SCIE BELLICHE NATO


Bolzano (27 ottobre 2017) - foto Rudie Redier


di Gianni Lannes

Dove finisce il tossico bario fabbricato dalla multinazionale belga Solvay a Massa, il più grande produttore al mondo? Recenti analisi hanno ritrovato il potente agente igroscopico - utilizzato anche dalla NATO per l'aerosolchemioterapia di massa in Europa - sulle montagne attorno a Bolzano. Anche tante persone che si sono sottoposte all’esame del capello (il mineralogramma) hanno scoperto di avere dentro il proprio organismo notevoli quantità di bario. Forse innumerevoli ed inconsapevoli sventurati l'avranno ingurgitato dall’aria imbottita di nanoparticolato, scaricato da velivoli a bassa quota in Italia, a partire dal 2002?
 
Chi sono i clienti della "Solvay Bario e Derivati"? Singolare coincidenza: la Solvay figura ufficialmente nell’elenco di industrie che hanno aderito all’accordo segreto sul controllo del clima, firmato a Genova il 19 luglio 2001 da George W. Bush e Silvio Berlusconi, durante la mattanza dei pacifisti, poi ratificato a Roma il 22 gennaio 2002.

REALTA’ VIRTUALE: RISCHIO E PERICOLO PER I BAMBINI



di Gianni Lannes

Attenzione alla bulimia tecnologica, corollario subliminale della violenza. Nella stagione del disamore per la vita, il virtuale liquida il reale con l’assuefazione sensoriale. I bambini hanno bisogno di costruire e manipolare cose (materiali naturali), non certo ingurgitarsi di linguaggi visivi (invasivi e consumativi) in tenera età. Essi hanno necessità di relazionarsi tra loro e sviluppare le loro qualità e la loro creatività attraverso il gioco, particolarmente all'aria aperta. La realtà virtuale li allontana da quel naturale sviluppo delle funzioni creative. Allora, più pedagogia e meno economia.

riferimenti:

 https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2018/06/tempo-rubato-allinfanzia.html

Gianni Lannes, Bambini a perdere, Lpe, Cosenza, 2016.

ORA INNATURALE



di Gianni Lannes

Convenzione contro natura? Fa bene, fa male l'alterazione dei bioritmi umani per mero lucro? Dall’ora legale all’ora solare e viceversa. Stanotte le lancette dell’orologio in Europa sono tornate indietro di un’ora in base alla direttiva 2000/84/CE datata 19 gennaio 2001. Nel febbraio 2018 il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione in cui invita la Commissione a condurre una valutazione approfondita della direttiva e, se necessario, a presentare una proposta per la sua revisione. Al contempo la risoluzione ribadisce paradossalmente che “è fondamentale mantenere un regime orario uniforme a livello dell'UE anche una volta interrotto il cambiamento semestrale dell'ora”.

27.10.18

SCIE BELLICHE: ESPERIMENTI PER IL CONTROLLO DEL CLIMA!



di Gianni Lannes

Respirare aria pulita è uno dei bisogni umani fondamentali, ma è anche un diritto di di carta, attualmente non rispettato da governi, apparati militari, multinazionali degli armamenti e aziende affaristiche su scala planetaria. Il clima è un'arma potente ed insospettabile. Dall'anno 2002 sono in corso irrorazioni aeree sui centri abitati dell'Italia - e di gran parte dell'Europa - a base di nanoparticolato, in violazione della convenzione Enmod dell'ONU e della legge italiana 962 del 1980, approvata dal Parlamento italiano e promulgata dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Quali sono le conseguenze sull'ambiente e le ripercussioni sugli esseri umani? E' un attentato reiterato alla salute pubblica, oppure un crimine contro l'umanità?


CIELO CON... O SENZA SCIE!

Cisternino (Brindisi), 27 ottobre 2018 - foto LU

 Cisternino (Brindisi), 25 e 27 ottobre 2018 - foto LU


di Gianni Lannes

Il belpaese è ormai una gigantesca camera a gas, ma tanti fanno finta di niente. Le irrorazioni aeree in Italia procedono sistematicamente dall’anno 2002, dopo l’accordo bilaterale segreto sul controllo del clima, siglato a Genova il 19 luglio 2001 da George W. Bush e Silvio Berlusconi. Attualmente l'aerosolchemioterapia bellica nel cielo italiano è stata addirittura implementata - da parte della NATO - con l'intensificazione di spargimenti notturni e diurni di nanoparticolato. Quali sono le conseguenze sull'ambiente e le ripercussioni sulla salute degli esseri viventi, in particolare i bambini? Nonostante l'inflazione di diritti legislativi, neonati, bimbi e adolescenti sono i più indifesi dalle minacce alla salubrità ambientale, come ha più volte sottolineato mediante pareri scientifici il Comitato Nazionale per la Bioetica. I crimini contro l'umanità, peggio contro l'infanzia non vanno in prescrizione. L'Aeronautica militare tricolore che ha il "controllo" dello spazio aereo nazionale tace, mentre gli eterodiretti esecutivi tricolore hanno sempre negato l'evidenza, consentendo ai cosiddetti "alleati"di avvelenare l'ignara popolazione. La nocività ambientale è una strategia del sistema di dominio. L'omertà istituzionale di tutte le più alte cariche dello Stato italiano, a partire dall'inquilino del Quirinale, non fa rima con la legalità di uno Stato di diritto che il 29 novembre 1980 con la legge 962 ha ratificato la convenzione Enmod dell'ONU, "sul divieto dell'uso di tecniche di modifica dell'ambiente a fini militari o ad ogni altro scopo ostile adottata a New york il 10 dicembre 1976". C'è un giudice almeno a Berlino?

http://disarmament.un.org/treaties/t/enmod/text 




26.10.18

PERCHE' LE SCIE DEGLI AEREI DIVENTANO NUVOLE?

  


Dopo 3 anni di censure editoriali, insulti, denigrazioni, minacce, intimidazioni ed attentati, uscirà finalmente il 29 ottobre 2018 il libro PERCHE' LE SCIE DEGLI AEREI DIVENTANO NUVOLE? Si tratta della prima inchiesta giornalistica italiana, documentata con numerose prove ufficiali, relativa al dilagante fenomeno della cosiddetta aerosolchemioterapia bellica NATO in Europa.

Chi vuole acquistarlo può prenotare il volume (contiene 1918 documenti) frutto di ricerche sul campo - attualmente in edizione limitata - e chi intende organizzare una conferenza di presentazione, può scrivere al seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it

C’ERA UNA VOLTA IL CIELO AZZURRO


Firenze (piazza San Giovanni), 22 gennaio 2018 - foto Chie Shirotori
di Gianni Lannes

Siamo diventati ciechi e codardi. Ancora 30 anni fa il cielo non aveva l'aspetto asfissiante che ha adesso e le scie degli aerei non erano così dense, quando c'erano, perché era anche relativamente raro vedere velivoli che rilasciavano scarichi di condensa. Oggi, nonostante lo sviluppo tecnologico, nelle giornate di cielo "sereno" una cappa grigiastra cela il vero colore del pianeta azzurro. La parola d'ordine è nascondere l'evidenza.


TERREMOTO IN GRECIA E RAPINA IDROCARBURI NEL MEDITERRANEO



di Gianni Lannes

Madre Natura non c'entra. Caviaga docet ma Atene svende le ricchezze naturali ai peggiori affaristi senza scrupoli, targati Parigi e Washington. In attesa della catastrofe ambientale nel Mediterraneo, provocata dall'avidità umana mescolata all'ingordigia di dominio. Il rapporto dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia parla chiaro:

«Un terremoto di magnitudo Mwp 6.8 è avvenuto nella zona: Costa Occidentale Peloponneso (GRECIA), il 26-10-2018 00:54:50 (UTC +02:00) ora italiana… con coordinate geografiche (lat, lon) 37.49, 20.6 ad una profondità di 10 km».
 
Le scosse durante la notte sono state avvertite anche nell'Italia meridionale. 10 chilometri, solo dieci chilometri in fondo al mare. Singolare coincidenza: è proprio la zona marina del blocco 10, dove il governo ellenico ha concesso l'estrazione di idrocarburi alla famigerata Total (che lucra anche in Italia, ovvero in Basilicata) in affari con Exxon Mobil. Anche la letteratura scientifica in materia non ha dubbi: tale attività può provocare terremoti. La firma inconfondibile di un sisma indotto è l’ipocentro superficiale (10 chilometri di profondità). Peraltro, simili attività speculative, unitamente agli incidenti e agli sversamenti di petrolio nel Mediterraneo sarebbero fatali per l'ecosistema marino.