28.8.14

LE INCHIESTE GIORNALISTICHE LIBERE E INDIPENDENTI

Se vuoi sostenere SU LA TESTA!!!!!!!


di Letizia Ricci


Questo diario internautico indipendente,ha offerto per due anni e mezzo - riscontrando 4 milioni e 300 mila visualizzazioni - contenuti informativi unici, inediti, gratuiti,tanto da realizzare una sorta di banca dati liberamente  accessibile,a costo di tempo, sacrifici, dispendio finanziario, rischi, minacce, strani "incidenti" unicamente per l'autore.

Ora, senza un sostegno economico dei lettori questa disponibilità non sarà più assicurata,poiché la ricerca della verità ai nostri tempi ha un costo economico. Per chi vuole fare la propria parte, è il momento di garantirne concretamente la vitalità e l'eventuale futuro.

Se entro il 30 agosto corrente non giungerà un significativo aiuto economico per proseguire la ricerca informativa a beneficio dell'opinione pubblica, questa esperienza informativa, potrà dirsi conclusa per sempre.
 
Per dare una mano a SU LA TESTA! è disponibile il conto corrente di Poste italiane

numero: 93227742

codice iban:

IT 80 J076 0115 7000 0009 3227 742

per l'estero codice BIC/SWIFT:

BPPIITRRXXX




oppure il numero di Poste Pay:

4023 6005 7050 9325

intestazione: Luciano Lannes


GRAZIE!

SOUVENIR ITALIA: DALLA STRAGE DEL CERMIS ALLE SCIE CHIMICHE

Val di Non (Trentino): agosto 2014 - bombardamento di scie chimiche



di Gianni Lannes


Ieri ho ricevuto - dal Trentino Alto Adige -  le prove fotografiche delle continue irrorazioni belliche sotto regia della NATO, alimentate dalle scie chimiche imbottite di sostanze pericolose che da anni inalano milioni di ignare persone. E così mi è venuta in mente una storia dimenticata, sepolta dall’oblio, non dimenticando - anche se qualche sprovveduto seguita a blaterare il contrario senza conoscere l'abc della materia - che l’Italia non ha alcuna sovranità dei propri cieli, come tra l’altro ha sentenziato addirittura la Cassazione in più occasioni, con inauditi pronunciamenti antigiuridici. Ergo: in sede giudiziaria contro l'aerosolterapia bellica coattiva non si può nulla. E allora bisogna combattere su un altro fronte per debellare il pericolo. Anche perché delle due l'una: o l'Aeronautica Militare italiana non ha alcun controllo dello spazio aereo nazionale, oppure è complice di questo continuo attentato alla salute pubblica.

27.8.14

SARDEGNA: UNO ZOO INDUSTRIALE E BELLICO

scie chimiche - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

 



di Gianni Lannes


Quando l'inquinamento gradito dallo Stato accorcia la vita. Cavie peggio che nel resto d’Italia, ignare di quanto si consuma giorno e notte sulle loro teste, da almeno 50 anni.

L'ARMA CLIMATICA CONTRO L'ITALIA

Val di Non (Trentino): scie chimiche - agosto 2014

di Gianni Lannes




Irrorazioni belliche della NATO che attentano alla vita ogni giorno. La soluzione è la ribellione! Impossibile negare un crimine così evidente contro l'umanità.



 Val di Non (Trentino): scie chimiche - agosto 2014

ITALIA, USA E GETTA: 4 INCONTRI IN SARDEGNA CON GIANNI LANNES


ITALIA, USA E GETTA: TAPPA NEL GARGANO


Presentazione a San Giovanni Rotondo  

piazza Dragano  

venerdi 29 agosto 2014, ore 19.



C
i sono momenti nella vita di una persona in cui uno si chiede se valga davvero la pena scrivere un libro, anche a fronte della fatica per trovare un editore libero e indipendente che abbia interesse a pubblicarlo.
Il punto è che ci sono sempre tanti buoni motivi per non leggere un libro. Figurarsi quanti ce ne sono per non scriverlo.
E allora vi domanderete: perché l’hai scritto? Perché ne sentivo il bisogno per l'Italia che non ha alcuna sovranità, e perché me l’hanno chiesto. Però, ora che c’è, avete almeno un buon motivo per acquistarlo e leggerlo. La ragione è disarmante: molte delle notizie documentate che trovate scritte in ITALIA, USA E GETTA, non le troverete mai da nessuna altra parte. Allora, buona lettura!

23.8.14

STATI UNITI D'AMERICA: LA PATRIA DELLA TORTURA ELETTRONICA CONTRO GLI UMANI. IN ITALIA E' LEGALE








di Gianni Lannes


Le apparenze ingannano atrocemente. Gli States a stelle e strisce non sono una nazione civile, evoluta e democratica, come tentano di far credere al resto del mondo, anche abusando a massicce dosi di cinema e televisione. Lo sterminio degli autoctoni americani è un documentato esempio. Dall'eugenetica nordamericana hanno attinto Hitler e Himmler.

22.8.14

GUERRA AMBIENTALE, TRILATERALE & NUOVO ORDINE MONDIALE





di Gianni Lannes


Fantapolitica? No, la tragica realtà. Né complotti, né dietrologie, né fantasie, ma una situazione criminale disvelata dalle carte ufficiali del governo degli Stati Uniti d’America (già ampiamente pubblicate su questo diario internautico) che smentisce - per sempre - i narcotizzatori del rischio, gli scientisti a buon mercato, i negazionisti dementi e i cialtroni che sguazzano nell'analfabetismo di ritorno.

Nel 1943 era già pronto il piano di irrorazione aerea a base di uranio impoverito sui centri abitati di Italia, Germania e Giappone, elaborato da alcuni premi nobel per la chimica nel famigerato memorandum Groves. L'opzione finale, notoriamente, fu tuttavia il bombardamento nucleare di Hiroshima e Nagasaki, ovvero una variante del progetto iniziale.

Venti anni dopo: il 17 aprile 1963 la White House licenzia il National Security Action Memorandum  numero 235. Oggetto: «Large-Scale Scientific or Technological Experiments with Possible Adverse Environmentl Effects».



E così - sotto un autorevole paravento - decolla ufficialmente il gigantesco esperimento ambientale, in cui gli umani sono ignare cavie. Quello che oggi va sotto il nome di aerosolchemioterapia bellica a tipologia coattiva: insomma, le scie chimiche (una parte del fenomeno combinato con il bombardamento elettromagnetico della Terra amplificato dall'alluminio e dal bario) - rilasciate da velivoli privi di livree di identificazione - che nebulizzano veleni cancerogeni e nanoparticelle radioattive sulla popolazione dell’Europa e delle Americhe.

Più ai giorni nostri, il 14 dicembre 1977, la Presidential Directive/NSC-25, in 4 pagine (formato A 4) riprende il precedente ordine del presidente United States of America (NSAM 235). La firma di questo documento governativo al massimo livello è di Zbigniew Brzezinski. 


21.8.14

IN SICILIA: A PASQUASIA LO STATO ITALIANO HA OCCULTATO SCORIE NUCLEARI MICIDIALI





di Gianni Lannes


Lo Stato tricolore ha nascosto nelle viscere della Sicilia, dentro una miniera nella  provincia di Enna, rifiuti nucleari estremamente pericolosi (ad alta attività di terza categoria), sulla base di precedenti studi ed esperimenti dell’Enea. La vicenda era nota all'Unione europea, all'International Atomic Energy Agency e nel microcosmo accademico da decenni, mentre in Italia la popolazione è tenuta all'oscuro dalle autorità. Perché i governi italiani non hanno mai dato una risposta all'interrogazione parlamentare numero 4-22659 dell'11 maggio 2001? Dove sono state seppellite illegalmente le scorie radioattive della centrale nucleare militare (Camen, Cresan, Cisam) di San Piero a Grado?




STRAGE DI USTICA: LE OPERAZIONI SEGRETE DELLA MEDITERRANEAN SURVEY & SERVICES





di Gianni Lannes


Carneficine di civili e traffici statali di armi, materiali nucleari strategici e rifiuti pericolosi, il tutto gestito dai servizi segreti. Attenzione alla cronologia degli eventi. Roma, 17 luglio 1980: 20 giorni dopo la strage di Ustica che ha annientato la vita a 81 persone. Dinanzi al notaio Luigi Napoleone viene fondata la Mediterranean Survey & Services spa. I presenti sono: Mario Stevenin, Albano Trombetta, Ugo Graziano e Carlo Macchi di Cellere, «il quale dichiara di intervenire al presente atto non in proprio ma quale procuratore speciale della “La Mandria”», società del banchiere Francesco Pacini Battaglia, di cui diventò presidente Franz Sesti, ex procuratore generale della corte d’appello di Roma.

Nell’estate del 1980 alcune navi per conto della MSS scandagliano ufficialmente per prospezioni geologiche - con l’intervento di esperti francesi e inglesi - i fondali dove è precipitato il Dc 9 Itavia decollato da Bologna e diretto a Palermo. Nel bilancio societario datato 1980 della Mediterranean Survey & Services si legge: «La Vostra società - riferito agli azionisti - ha acquisito una importante e particolarmente interessante e prestigiosa commessa da parte della Samin Spa (gruppo Eni), per la ricerca di sedimenti minerari sui fondali vulcanici dei Monti Palinuro e Lametini, nel Tirreno meridionale. Le operazioni si sono sviluppate tra giugno e i primi di settembre, impegnando al massimo la Vostra società, che ha operato in veste di general contractor, avvalendosi dei migliori operatori nazionali, francesi e del Regno Unito». E nel bilancio dell’anno successivo risulta annotato: «La terza campagna, per quanto funestata da incidenti meccanici ha ugualmente sortito risultati particolarmente interessanti malgrado si sia operato a profondità superiori ai 3.000 metri». Esattamente dove giaceva il relitto sparso del Dc 9 Itavia.

STRAGE DI USTICA: MOVENTE NUCLEARE CON REGIA DI ISRAELE





di Gianni Lannes



Dopo 34 anni le 81 vittime non hanno avuto giustizia, così come i numerosi testimoni assassinati in seguito dall'intelligence. Eppure il movente mai indagato a fondo dalla magistratura, è fin troppo evidente. Nel 1983 un ingegnere dell’Enea, Carlo Giglio, aveva denunciato alla magistratura un traffico di uranio puro, consegnando un voluminoso carteggio. Nel 1988 fonte “Billy” aveva depositato un altro esposto, ma i giudici avevano prontamente ed inspiegabilmente archiviato in un lampo. In seguito, nel 1995 Giglio aveva indirizzato alla procura della Repubblica di Reggio Calabria che indagava sull’affondamento delle navi dei veleni, una serie documentata di denunce. 

20.8.14

LE ECOMAFIE DI STATO CHE ANNIENTANO LA VITA DEL POPOLO ITALIANO

informativa De Grazia del 28 settembre 1995


di Gianni Lannes


La prima vittima è la verità. 30 miliardi di euro nel 2013, a tanto ammonta il fatturato delle ecomafie in Italia, equivalenti alla sparizione di circa 40 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi, comprese 500 tonnellate annue di rifiuti radioattivi di origine sanitaria e industriale.

Le persone si ammalano e muoiono a causa dei veleni che hanno inquinato l’ambiente in cui si sopravvive, ed ipotecato la possibilità di un futuro.

I governi occidentali si sono accordati a livello internazionale per nascondere e inabissare soprattutto gli scarti nucleari. Così hanno fatto il possibile per cancellare le tracce, fregandosene sommamente della salute dei popoli. Basta scandagliare i dati internazionali dell'AIEA (già evidenziati su questo diario internautico) per rendersi conto del disastro che hanno ereditato a loro insaputa le nuove generazioni, e noi con loro.

FORZE ARMATE PER LA GUERRA E IL DIRITTO ALLA DISOBBEDEDIENZA











di Gianni Lannes

I militari non hanno capito la portata involontaria della riforma, tantomeno i governi tricolore. Dal primo luglio 2005 i giovani non devono più prestare il servizio di leva obbligatorio. Le Forze armate diventano un corpo di professionisti. La leva obbligatoria, però, non è stata abolita ma sospesa. In caso di “crisi” i giovani “in età di leva” potrebbero essere richiamati fulmineamente alle armi.

Ecco la novità sottovalutata. Con la legge 331/2000 la violazione dell’articolo 11 della Costituzione si configura direttamente come reato in quanto violazione dell’articolo 1 della nuova legge sulle Forze armate. E quindi il dovere di disobbedienza a un ordine contrario all’articolo 11 della Costituzione si collega direttamente a un obbligo chiaro ed esplicito sancito dall’articolo 1 della legge 331/2000.

Negli ultimi 14 anni quanti governi tricolore hanno violato impunemente queste disposizioni normative partecipando alle guerre decise dagli angloamericani? L'Italia non ha più sovranità militare dal 1943. Un esempio? Il capo di stato maggiore della difesa unitamente al ministro della difesa e al capo dello Stato, sono tutti indistintamente subordinati al comando NATO.

GOVERNO RENZI: GIU' LE MANI DALLE PENSIONI DEI LAVORATORI!






di Franco Giusto

Quando sono stato assunto all'età di 35 anni nell 'ospedale in cui ho poi sempre lavorato, ho firmato un contratto di lavoro con lo Stato che prevedeva regole precise da rispettare a rigore di legge da ambedue le parti, per poi accedere con i diritti maturati in qualità di medico al trattamento pensionistico.

ITALIA SENZA SOVRANITA': IN GUERRA PER CONTO STRANIERO






 di Gianni Lannes


Il ritornello pretestuoso è la pace, ma basta leggere il decreto legge 107 del 12 luglio 2011 (promulgato da Napolitano su proposta del consiglio dei ministri targato Berlusconi), convertito con legge 130 del 2 agosto 2011, votata ad ampia maggioranza dal parlamento (finta opposizione di centro-sinistra inclusa), per capire quali siano le operazioni belliche in atto da anni (almeno dal 1990), mascherate per ottemperare agli ordini del governo degli Stati Uniti d’America e della NATO.

In questo calderone illegale è stata inserita la scorta armata di nuclei di fucilieri della Marina Militare su navi civili. Perché il servizio di scorta era stato affidato ai militari, invece che alle guardie giurate come hanno stabilito norme in vigore che risalgono al 1940? Infatti,  a bordo di navi civili i servizi di vigilanza privata possono essere svolti con l'impiego di particolari guardie giurate armate, a protezione delle merci e dei valori sulle navi mercantili e sulle navi da pesca battenti bandiera italiana negli spazi marittimi internazionali a rischio di pirateria, ai sensi degli articoli 133 e seguenti del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, di cui al regio decreto 18 giugno 1931, numero 773, e successive modificazioni, e dagli articoli 249 e seguenti del relativo regolamento di esecuzione, di cui al regio decreto 6 maggio 1940, numero 635, e successive modificazioni.

19.8.14

LIGURIA: SCIE CHIMICHE E TROMBA D'ARIA MILITARE

SAVONA: 19 AGOSTO 2014


di Franco Giusto


A PROPOSITO DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI ...

Gentile Gianni Lannes, dopo alcuni giorni di irrorazione continua del cielo ligure mediante scie chimiche, stanotte è arrivata una perturbazione e questi ne sono alcuni degli incredibili e dannosi effetti collaterali. La tromba marina che si vede nel video di Cogoleto si è poi abbattuta sulla città rivierasca di Arenzano provocando ingenti danni.  Anche oggi 19 agosto 2014  si intravedono continue irrorazioni al di sopra di altrettanti cumuli nuvolosi minacciosi.

18.8.14

DUE SOLDATI ITALIANI DATI IN PASTO ALL'INDIA PER UNGERE AFFARI NEBULOSI

l'omaggio dell''ammiraglio Mantelli Binelli alla X mas





 di Gianni Lannes


C’è un furbo - per cui non vale la pena spendere un nanosecondo - che ha fatto il ritaglio dei giornali indiani e italiani. E con un banale copia e incolla, spacciato per giornalismo di inchiesta, ha sfornato un volume, pompato dal famigerato sistema manipolatorio dello stivale. Bontà sua. I fatti nudi e crudi, però, dicono altro.

17.8.14

BAMBINI STRAPPATI AI GENITORI IN ITALIA: UN AFFARE DA 1,5 MILIARDI DI EURO L’ANNO





di Gianni Lannes


Lo Stato (magistrati, assistenti sociali e psicologi) toglie i bambini ai poveri per darli ai ricchi. Quanti potenti in divisa, doppiopetto e toga sorvolano le normali procedure e si aggiudicano a piacimento i minori che pretendono ad uso e consumo?

Nel Belpaese ogni giorno - mediamente - vengono portati via 80 bambini ai genitori naturali, strappati alla famiglie d’origine per rinchiuderli in centri “casa-famiglia” per anni. Quasi il 77 per cento dei minori viene allontanato per “metodi educativi non idonei” e per l’ “impossibilità di seguire i figli”. In Italia, più di 32mila bambini vengono chiusi nelle comunità o dati in affidamento.  Il numero di bambini senza famiglia è oscillato negli ultimi anni tra i 15mila e i 20mila. In realtà, dopo ben 13 anni, si è ancora inattesa di un censimento così come stabilito dalla legge 149/2001 (progressiva chiusura degli orfanotrofi, inserimento dei bambini nelle famiglie attraverso lo strumento dell'affido, per arrivare gradualmente a un'adozione, o all'inserimento dei minori nelle case famiglia).  

I DUE MARO': TUTTO QUELLO CHE NON VI HANNO DETTO...




di Gianni Lannes


I fucilieri della Marina Militare italiana Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono i due capri espiatori dei governicchi tricolore (Berlusconi, Monti, Letta & Renzi sotto regia del Napolitano). I due marò sono stati privati della libertà dal 19 febbraio 2012 e giacciono in India, lontano dalle loro famiglie, dai loro figli e dalle loro mogli. In attesa di un processo farsa rinviato al 14 ottobre 2014, senza neanche una prova o un'accusa documentata nei loro confronti. E tutto per aver obbedito agli ordini di uno Stato privo di sovranità e alla mercé di luridi affaristi, grazie alla subordinazione a prassi illegali dello Stato Maggiore Difesa e dello Stato Maggiore Marina.

AMMIRAGLIO LUIGI MANTELLI BINELLI: LA BIOGRAFIA OSCURATA DEL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA



di Gianni Lannes



Per quale ragione il 19 febbraio 2012, l'allora capo della squadra navale italiana, ossia l'ammiraglio Luigi Mantelli Binelli, ha consentito la consegna dei due fucilieri della Marina Militare italiana, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, nell'esercizio delle loro funzioni per conto dello Stato italiano, alle autorità di polizia del Kerala?