24.1.17

SU LA TESTA!

La ricerca indipendente va sostenuta concretamente!
 
 Senza il sostegno concreto dei lettori non sarà possibile garantire alcuna attività nel 2017. Ricerca, analisi e studio richiedono tempo utile.

In questo sito dove migliaia di persone quotidianamente attingono gratis informazioni documentate, non ci sono sponsor o messaggi pubblicitari, e anche ciò consente di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi questo lavoro di documentazione a disposizione di chiunque gratuitamente, puoi premiare SU LA TESTA! con una semplice  donazione.

Grazie e buon vento!
 
SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742
 

dall'estero:
 
codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

TERREMOTI DISUMANI!


Chi è interessato ad una conferenza dell'autore o all'acquisto del volume può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it

Il libro TERRA MUTA è stato pubblicato nell'aprile dell'anno 2013.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=terra+muta

23.1.17

L’ITALIA IMPORTA GRANO INQUINATO E CONTAMINATO!

di Gianni Lannes

A proposito di insane miscelazioni ignote agli ingenui consumatori. Dopo un salto a Ravenna (una centrale di smistamento della materia prima avariata) e un giro nei porti minori, chi abbia dimestichezza degli ambiti portuali, può rendersi conto che il frumento importato dall’estero non è quasi mai controllato all’arrivo nel belpaese. Perché? Forse per evitare di riscontrare ufficialmente le caratteristiche tossicologiche dei grani importati che poi miracolosamente si trasformano in pasta "made in Italy". Nei porti italiani si scaricano milioni di tonnellate di frumento estero, compreso "sub-grano" di bassa categoria, con tenori di micotossine e metalli pesanti tali da renderlo inutilizzabile al consumo umano; senza dire della contaminazione radioattiva proveniente dall’Ucraina. 

BAMBINI A PERDERE!


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it

LA DISINFORMAZIONE DEL POTERE

di Gianni Lannes

E’ una sottile, clandestina, sotterranea, scientifica, subdola falsificazione della verità, generalmente diffusa, dai mezzi di comunicazione di massa (carta stampata, televisione, radio, cinema, e così via) ma anche dai cosiddetti servizi di intelligence, per anestetizzare le capacità di resistenza, per alimentare la confusione e condizionare l’opinione pubblica. Quella che a Parigi chiamano intoxication e a Londra deception: strumento chiave della propaganda, della destabilizzazione, della guerra psicologica che stravolge il significato delle parole, la disinformazione è in tutto il mondo e da sempre, largamente e quotidianamente usata nelle comunicazioni sociali e nelle relazioni internazionali. Uno dei nuovi canali utilizzati da chi vuole censurare la realtà, è proprio il web, dove alberga ancora il respiro della libertà.

AMIANTO ALLA BARILLA: 3 ATTI PARLAMENTARI SENZA RISPOSTA!






di Antonio Santoro

In Parlamento (XVI legislatura) giacciono senza risposta governativa ben tre interrogazioni parlamentari con numerosi solleciti, basate su un'indagine giornalistica realizzata sul campo. L’11 ottobre 2008 il quotidiano La Stampa di Torino pubblicava un’inchiesta di Gianni Lannes, con dovizia di prove anche fotografiche, sulla presenza di amianto nello stabilimento Barilla di San Nicola di Melfi in Basilicata. 

BARILLA: DAI SOCI PRODUTTORI DI ARMI A MARIO MONTI & SHIMON PERES




di Gianni Lannes


Ma quanto è piccolo il mondo. L'altro giorno in una biblioteca pubblica italiana ho trovato per caso una pubblicazione dell'azienda di Parma che compra grano all'estero e lo trasforma miracolosamente in pasta italiana. E tanti credono che sia un'esclusiva produzione italiana. Miracoli del marketing tricolore. Comunque il volumone è intitolato "Eating Planet 2012". La prefazione è di Mario Monti, già presidente europeo del sodalizio criminale Bilderberg che ha dato un notevole contributo ad affondare l'Italia per salvare banche e multinazionali, ma c'è anche un contributo di uno dei sionisti più noti al mondo, ovvero Shimon Peres, responsabile della morte di migliaia di palestinesi, inclusi neonati, bambini e adolescenti. Il portaborse di Ben Gurion è stato anche un venditore internazionale di armi, addirittura nucleari, come nel caso documentato del Sudafrica razzista. Insoma un criminale santificato in vita con il nobel per la pace, che ormai non si nega a nessun macellaio di gente inerme.



ITALIA: SOTTO LA MINACCIA DI DIECIMILA VAJONT

La Stampa, 10 novembre 2008

L'Unità, 14 maggio 2009


TERREMOTI ANOMALI E DIGHE A RISCHIO!

Gran Sasso - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

 di Gianni Lannes

Procurato allarme delle autorità italiane o verità imbarazzante da occultare? Tutta la valle del fiume Vomano, ovvero i centri abitati fino a Roseto degli Abruzzi rischiano qualcosa? E' un'altra strage annunciata? «C’è un rischio Vajont a Campotosto, anzi no». Il presidente della Commissione Grandi Rischi Sergio Bertolucci ha dichiarato testualmente domenica 22 gennaio 2017, al TG3 che «Nella zona di Campotosto, una delle zone che sono sotto osservazione, c’è il secondo bacino più grande d’Europa, con tre dighe: una di queste dighe è su una faglia che si è parzialmente riattivata, ci possono essere movimenti importanti di suolo che cascano nel lago e per dirla semplice è l’effetto Vajont». 

 Diga Piaganini (Enel) nei pressi di Campotosto (13 aprile 2009) - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)



SU LA TESTA!

La ricerca indipendente va sostenuta concretamente!
 
 Senza il sostegno concreto dei lettori non sarà possibile garantire alcuna attività nel 2017. Ricerca, analisi e studio richiedono tempo utile.

In questo sito dove migliaia di persone quotidianamente attingono gratis informazioni documentate, non ci sono sponsor o messaggi pubblicitari, e anche ciò consente di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi questo lavoro di documentazione a disposizione di chiunque gratuitamente, puoi premiare SU LA TESTA! con una semplice  donazione.

Grazie e buon vento!
 
SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742
 

dall'estero:
 
codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

22.1.17

L’OMERTA’ DEL GOVERNO ITALIANO



di Letizia Ricci

Nel corso dell’attuale legislatura (XVII) sono stati indirizzati al governo ben 7 atti parlamentari basati sulla ricerca di Gianni Lannes. Di essi soltanto due hanno avuto riscontro dall’esecutivo italiano. Più di tutto inquieta la mancata risposta degli inquilini di Palazzo Chigi (prima Renzi ora Gentiloni) all’interrogazione a risposta scritta numero 4/05225 del 4 febbraio 2016, relativa alla scomparsa proprio in Italia di migliaia di minori, violentati ed espiantati in note cliniche private del nord Italia. E' impossibile smentire fatti straordinariamente documentati, se non propinando menzogne o tacendo come nel caso della autorità tricolori. Comunque, in ben due interrogazioni il governo ha confermato quanto aveva scoperto e rivelato l'ex giornalista investigativo.

IL GOVERNO ITALIANO, LA PEDOFILIA E I DISINFORMATORI WEB

di Gianni Lannes


Menzogne ufficiali a poco prezzo. Non è un caso se i governi italiani non rispondono agli atti parlamentari su temi fondamentali che toccano l'infanzia: soltanto nella XVII legislatura (in corso), si sono accumulate una quarantina fra interrogazioni , interpellanze e mozioni che non hanno ricevuto risposta.  

Per negare questo fenomeno che ogni tanto buca la rete di internet con notizie documentate, il presidente della Camera dei deputati, tale Laura Boldrini (in poltrona per ignoti meriti) ha adottato uno stuolo di disinformatori professionisti, come riferisce il quotidiano di regime La Repubblica, per propagandare la spazzatura internautica: 

«Sono in contatto con esperti, i cosiddetti debunker: - ha spiegato la presidente durante un incontro con la stampa - il debunking è l'attività che smaschera le bufale'' attraverso una verifica attenta e puntuale sulle fonti e sulla trasmissione della notizia. ''Sono Paolo Attivissimo (Il Disinformatico), Michelangelo Coltelli (Bufale un tanto al chilo), David Puente (Davidpuente.it) e Walter Quattrociocchi del CSSLab dell'IMT di Lucca - prosegue Boldrini - e consegneremo l'appello ai grandi social network che devono essere seri».


21.1.17

LA DISINFORMAZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO

di Gianni Lannes

Sulla guerra ambientale il suddetto pacco quotidiano ancora una volta è scivolato clamorosamente. Comunque copia e incolla. Si spaccia per un maestro di giornalismo, ma in realtà spesso scopiazza il lavoro altrui: è capitato qualche anno fa, quando il Travaglio riprese integralmente, modificando solo il titolo alcuni miei articoli su don Verzé e il San Raffaele di Milano. Ne chiesi conto all'allora direttore del settimanale L'espresso, per cui ho lavorato 6 anni, Bruno Manfellotto, e Travaglio mi inviò le sue scuse via posta elettronica. Per non umiliarlo non sparai sul minus habens con arie da saputello. Uno che il giornalismo investigativo non sa proprio dove abita.


 http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/08/26/terremoto-centro-italia-spuntano-teorie-complottiste-dalle-operazioni-nato-al-castigo-divino-post-unioni-civili/2997836/

https://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=verit%C3%A0

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/05/terremoto-in-abruzzo-segreto-di-stato.html

BUTAC & PEDOFILIA

di Gianni Lannes

Un caso di analfabetismo funzionale, di disinformazione pilotata dal basso,  anzi dallo sprofondo istituzionale. Che credibilità può mai avere chi innanzitutto non si espone personalmente, con nome e cognome e vomita idiozie a raffica per occultare maldestramente la realtà? Ma c'è di peggio. Ecco una situazione in cui cialtroneria e stupidità vanno pericolosamente a braccetto per negare fatti lampanti. Butac, ovvero un’accozzaglia di anonimi moralistoidi d'accatto sulla falsariga dell'attivissimo minus habens - legittimata addirittura dalla presidente della camera Laura Boldrini - che getta fango su chi non ripeta a pappardella le parole d’ordine del potere, e su internet nega verità evidenti anche ai ciechi, usando maniacalmente il trito luogo comune dei termini “bufala” e “complottismo”. Comunque, per la logica coniugata alla semantica, il “complottista” è chi ordisce e realizza appunto i complotti, e non chi li smaschera. Un classico esempio è la guerra ambientale segreta in atto, in palese violazione della Convenzione Enmod dell'Onu (risalente al 1976), ratificata in Italia dalla legge 962 del 1980 a firma del presidente della Repubblica Sandro Pertini.

A proposito di abusi di adulti sui minori, questi sgangherati dementi del nulla miscelato al niente, hanno offerto il peggio nei due seguenti post:




ITALIA: BAMBINI TORTURATI, FILMATI, TALVOLTA UCCISI!


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it

E' NECESSARIA, URGENTE, UNA SOLLEVAZIONE POPOLARE!

http://www.iene.mediaset.it/puntate/2016/05/05/viviani-un-racconto-terribile-oltre-ogni-immaginazione_10370.shtml

ESPERIMENTI SOTTERRANEI: DA GINEVRA AL GRAN SASSO


di Gianni Lannes

 
Per definizione la materia è ormai oscura. Quali esperimenti sono attualmente in corso nel laboratorio sotterraneo dell'Istituto nazionale di Fisica Nucleare del Gran Sasso che possono influire sulla faglie sismiche? C'è qualche correlazione tra l'ipocentro standardizzato dei recenti terremoti a 10-11 chilometri e le predette ricerche "scientifiche" coperte dal "segreto di Stato"? Come mai il controllo dei predetti laboratori in Abruzzo è sotto l'egida del ministero della Difesa? Per quale ragione gran parte dei sismologi italiani partecipa con cadenza annuale, in Europa, al workshop sismico della NATO? E perché in Italia viene violata almeno dal 2009 la convenzione Enmod dell'ONU che vieta la guerra ambientale? Infatti in Italia dal 3 febbraio 1981 è in vigore - e non è mai stata abrogata - la legge 29 novembre 1980 ("Ratifica ed esecuzione della convenzione sul divieto dell'uso di tecniche di modifica dell'ambiente a fini militari o ad ogni altro scopo ostile, con allegato, adottata a New York il 10 dicembre 1976 e aperta alla firma a Ginevra il 18 maggio 1977”), approvata a maggioranza dal Parlamento e promulgata dal presidente della Repubblica Sandro Pertini. Forse è in atto un altro tipo di strategia della tensione, che ha già insanguinato l'Italia nel recente passato?




BAMBINI A PERDERE


Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it

20.1.17

ENERGAS/KUWAIT PETROLEUM: L'OBLIO DI EMILIANO





di Gianni Lannes


Promessa alle calende greche. Sotto elezioni sembravano pappa e ciccia, ora chissà. Comunque, albergano strane amnesie in chi ha usato la Daunia soltanto per raccattare voti in campagna elettorale. Ecco un altro del partito democratico che forse soffre di vuoti di memoria. Michele Emiliano, il governatore pro tempore della Regione Puglia, aveva promesso pubblicamente di annullare in autotutela la delibera di giunta regionale numero 1361 del 5 giugno 2015, sottoscritta da Nichi Vendola, di compatibilità ambientale per l’impianto a rischio di incidente rilevante (secondo le direttive Seveso) che Diamante Menale vuole realizzare a tutti i costi a Manfredonia, con il beneplacito di tutte le autorità, ma contro la volontà della popolazione.

Per la cronaca, l’estensore tecnico di quell’atto amministrativo è l’ingegner Antonello Antonicelli da Bari, lo stesso che due anni fa indossava i panni di funzionario dell’assessorato regionale all’ecologia. Incredibilmente, il 21 marzo 2016 questo individuo è stato assunto direttamente dal sindaco Angelo Riccardi.

ENERGAS: MANFREDONIA TRADITA




di Gianni Lannes


Fatti documentati non opinioni a vanvera o calunnie partitocratiche per offuscare la realtà. Non è uno scherzo di Carnevale a caro prezzo (35 mila euro a Simona Ventura per una comparsata locale, quando ci sono padri e madri di famiglia che non riescono più a mettere il pane sulla tavola per i figli, mentre le casse comunali affondano sotto una montagna di debiti contratti dall'amministrazione municipale), utile a distrarre l'opinione pubblica. Basta leggere gli atti amministrativi per comprendere i fatti oltrepassando le distorsioni amministrative targate Angelo Riccardi, e le manipolazioni istituzionali della verità come nel caso dell'europarlamentare Elena Gentile. A tale proposito è particolarmente significativa la disamina della delibera di giunta comunale numero 169 del 5 agosto 2015 (che precede sulla medesima falsariga la delibera di giunta 93 del 5 maggio 2016 e la determina 765 del 20 giugno 2016):

«… a voti unanimi la Giunta delibera di demandare allo stesso Dirigente di definire compiutamente i tipi di interventi ammessi in zona DI 49 in considerazione dell’intervento proposto dalla Società Energas S.p.A.».