31.1.19

MEDITERRANEO: UNA STRAGE AL GIORNO DI MIGRANTI


 
I decessi in mare sono aumentati da 202 nel 2017 a 777 nel 2018 (ma addirittura i dati ufficiali appaiono sottostimati). I numeri dell’Unhcr nella loro crudezza parlano chiaro: sei vittime ogni 24 ore nel 2018. In totale 777 vittime, un morto ogni 14 arrivi per l’assenza di soccorsi. "Complimenti Salvini"!

SCIE DI MORTE



(Foggia: sopra gli Ospedali Riuniti, mattino del 30 gennaio 2019, foto AB)

30.1.19

SCIE NEL CIELO!


Troppo caldo, tanto freddo, tempeste ed uragani. Tutto normale? Il clima è un'arma insospettabile. La prima inchiesta giornalistica italiana, documentata con numerose prove ufficiali, relativa al dilagante fenomeno della cosiddetta aerosolchemioterapia bellica NATO in Europa. 
 
Questo volume di 678 pagine è il frutto di una ricerca sul campo realizzata a partire dal 2003 ai giorni nostri. Esso contiene migliaia di documenti ufficiali (in parte riservati e segreti).

Chi vuole riceverlo può prenotare il volume - attualmente in edizione limitata - e chi intende organizzare una conferenza di presentazione del libro, può scrivere al seguente indirizzo:


sulatestaitalia@libero.it

29.1.19

ITALIA: MISSIONI DI GUERRA


di Gianni Lannes

Ufficialmente 120 milioni di euro all’anno per fare la guerra per conto terzi (a guida Nato/USA), in palese violazione della Costituzione repubblicana. Attualmente sono 5.950 i militari italiani lautamente dislocati in 34 missioni belliche in 23 paesi del mondo: dal Libano (1.135 soldati) alla Somalia e Gibuti, dal Mali al Niger, dall’Egitto alla Libia, dall’Iraq alla Turchia, dagli Emirati Arabi Uniti al Kuwait.

Ora solo dopo l’accordo di Trump con i Talebani, a Roma viene annunciato il ritiro (nel 2020) dei 950 turisti di guerra nostrani, stanziati in Afghanistan (Herat e Kabul) dal 30 dicembre 2001. In loco sono caduti 54 militari avvolti dal tricolore, si annoverano circa 700 feriti (senza contare i tanti malati in divisa sottoposti a bombardamento vaccinale) e sono stati sperperati quasi 10 miliardi di euro dell’ignaro contribuente italidiota per obbedire allo zio Sam.

SALVINI-DI MAIO & CONTE: MINORI SCOMPARSI O SEQUESTRATI





di Gianni Lannes

L'odissea di una barbarie per mero calcolo elettoralistico e razzistico. A bordo della nave Sea Watch 3, ostaggio del governicchio Salvini-Di Maio-Conte, ci sono 13 minori, di cui 8 soli, senza genitori e senza parenti accanto. Essi sono stati torturati in Libia e stanno subendo un maltrattamento istituzionale dagli onorovili del belpaese. Per i minori non accompagnati la legge esclude categoricamente il respingimento. Il fermo di minori viola la Convenzione dei diritti del fanciullo. Dunque, in punta di diritto, nazionale ed internazionale, Salvini-Di Maio & Conte in concreto hanno commesso e stanno reiterando un gravissimo reato penale a danno di essere umani inermi, appena affacciati alla vita. Inoltre, sempre Salvini-Di Maio&Conte devono rispondere della scomparsa in Italia, dai centri di cosiddetta “accoglienza” sotto la responsabilità dello Stato italiano, di ben 5.229 minori, definiti “irreperibili” dalle statistiche ministeriali. Si ponga fine a tale orrore, destituendo seduta stante la disumanità dell’esecutivo grullo-leghista. Ci troviamo tutti dinanzi a un dilemma: o chiudiamo entrambi gli occhi facendo finta di niente di fronte alle violenze istituzionali italiane contro persone uguali a noi, oppure ci battiamo contro questa deriva xenofoba degli inquilini senza attributi etici di Palazzo Chigi. L'Italia non ha neanche ratificato la convenzione europea contro il traffico di organi umani, un fenomeno criminale impunito nel belpaese, che ha come vittime principali proprio i più piccini. C’è un giudice almeno a Berlino?

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2019/01/5229-minori-scomparsi-in-italia-nel.html 

C’ERA UNA VOLTA…


di Luisa Piarulli*

In questa fase storica la deriva è generale, deriva umana e deriva politica. Si può ancora definire "politica" quella di oggi? Vedo voglia di protagonismo esasperatamente narcisistico, da ogni parte. Perciò il vero obiettivo, secondo me, è coinvolgere, sensibilizzare,  educare, in primis i giovani che si lasciano scivolare le cose, quasi indifferenti, privi del desiderio di conoscere in modo autentico. In questa nostra società massmediale nella quale già nei primi anni di vita si tende a regalare a un bambino un bel tablet, con bellissime e molteplici immagini e colori che scorrono alla velocità della luce. Cosicché non c'è attività di riflessione, di attenzione, di pensiero. Oggi va riscoperta una pedagogia narrativa.

I BAMBINI CI RI-GUARDANO

di Gianni Lannes

Spesso sono i più piccoli a dare lezione ai grandi. Ma noi cosa sappiamo dei bambini che abbiamo intorno, e dei pargoli che siamo stati? Il modo in cui ci guardano, il modo in cui li guardiamo: non è neppure un dialogo, piuttosto un gioco di riflessi. I bimbi dovrebbero essere tutti vivi. I bambini sono vivi sempre, anche quando non ci sono più, anche quando si sono smarriti diventando adulti.

28.1.19

REDDITO DI CITTADINANZA: ELEMOSINA AL RIBASSO!

 di Gianni Lannes

Il male corrente è la rassegnata attesa del peggio, ma attenzione alle distrazioni di massa propinate dai politicanti grullo-leghisti. In soldoni: la cassa piange, non ci sono i quattrini. Il governo del cosiddetto "cambiamento" (di facciata, sic!) era partito con 17 miliardi di euro per finanziarlo, poi li ha ridotti a 9, dopo a 6, ma sul decreto sono esattamente 5,9, comunque comprensivi di 2 miliardi già stanziati dal precedente esecutivo per il reddito di inclusione. Questo significa che i 3,9 miliardi in più non bastano neanche per l'adeguamento a 780 euro per quelli che sono già fruitori del reddito di cittadinanza.

Peggio: chi bivacca a Palazzo Chigi alimenta il bluff per mantenere la poltrona pagata dagli ignari contribuenti, mentre la Rai elargisce ben 30 mila euro (denaro pubblico) a Beppe Grillo in un colpo solo, ovvero quanto guadagna un impiegato comunale in un anno.

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=reddito+di+cittadinanza

27.1.19

BIODIVERSITA' UMANA: ITALIA PRIMA IN EUROPA




di Gianni Lannes

I politicanti italidioti, in particolare i razzisti di governo, dovrebbere sapere che il riconoscimento della biodiversità umana non equivale all’odio o alla supremazia razziale, così come amare la propria famiglia non significa disprezzare quella degli altri.