21.11.16

LA FESTA AGLI ALBERI

Faggi - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)



di Gianni Lannes

Protegge dall’inquinamento atmosferico, bellico e acustico, contribuisce a mitigare gli effetti del mutamento climatico indotto dalle attività militari e industriali, riduce il pericolo di frane e smottamenti, offre bellezza, ombra, frutta e provvidenzialmente legna.

Il patrimonio arboreo italiano è stimato in circa 20 miliardi di alberi, secondo l’ultimo inventario nazionale delle foreste. Una superficie arborea che popola quasi 11 milioni di ettari di boschi, scampati momentaneamente ai bonificatori della natura.

Il guaio è che l’Italia vanta al contempo il più alto tasso di consumo di territorio d’Europa. Asfalto e cemento armato uccidono gli alberi.

Il belpaese vanta norme inapplicate, come ad esempio la legge 113 del 1992 (poi legge 10 del 2013): un albero messo a dimora per ogni bambino nato. Cosa accadrebbe se invece di abbatterli e tagliarli in Italia si piantumassero in gran quantità alberi? 

Già, la festa degli alberi: il ministro Guido Baccelli il 27 giugno del 1899 ne ordinava la celebrazione nelle scuole. E il 2 febbraio dell’anno 1902, con regio decreto numero 18, la faceva proclamare nazionale, ordinandone la celebrazione ogni anno, in un giorno festivo di primavera e di autunno.


Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.