30.5.17

SU LA TESTA!

Senza il sostegno concreto dei lettori non sarà possibile garantire più alcuna inchiesta. Ricerca, analisi e studio richiedono tempo utile e dispendio di denaro per le spese occorrenti.


In questo sito dove migliaia di persone quotidianamente attingono gratis informazioni documentate, non ci sono sponsor o messaggi pubblicitari, e anche ciò consente di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi questo lavoro di documentazione a disposizione di chiunque gratuitamente, puoi premiare SU LA TESTA! con una semplice  donazione.

Grazie e buon vento!
 
SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742
 

dall'estero:
 
codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

BAMBINI A PERDERE

   

Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
   

VACCINI: LETTERA A GIANNI LANNES

Gentile Gianni, concordo in tutto e sono cose per le quali mi spendo da molto prima che le cose precipitassero con il disastro del secolo: il noto decreto.
Per esempio all'indomani del discorso di Mattarella sulla giornata per la ricerca sul cancro, udendo il presidente della repubblica pronunciare parole quali : "Guai a quei medici...."...avevo subito invito una missiva al Quirinale che trova a margine della presente.

La pregherei di evitare i riferimenti al titolo di studio del ministro della sanità. La valenza o l'idiozia di una persona si giudica dal suo comportamento e dai suoi atti. Potrebbe essere analfabeta o avere  laureee come Garattini e Remuzzi, ma il risultato non cambierebbe. Ad udire cosa vanno raccontando in giro gli ultimi due citati non resta che chiedersi: "Uomini o caporali?".
Se poi pensiamo che alle spalle di questi ministri ci sono fior fior di giuristi, il noto decreto ci lascia ancora più esterrefatti.

La conclusione è che il potere oscuro, la finanza internazionale più becera, non ha più ritegno né timore, tanto da chiedere e ottenere dai suoi caporali la scrittura di decreti di tal fatta!
La scelta del tema vaccinale, agitato come il terrore di una terribile pestilenza, non è un caso. Facendo leva sull'idea sbagliata, ma che ormai è luogo comune di quasi tutti, che i vaccini siano uno scudo protettvo, provano a forzare la mano per vedere fino a che punto siamo gregge.

29.5.17

VACCINI IN ITALIA: MIGLIAIA DI BAMBINI INVALIDI


 di Gianni Lannes

«In Italia sono stati accertati numerosissimi casi di bambini con gravissime patologie invalidanti e irreversibili causate dalle vaccinazioni obbligatorie; che detti casi ammontano a migliaia e 600 tra quelli accertati sono trattati dal solo dottor Massimo Montinari (Azienda Policlinico di Bari)». E’ quanto si legge in un passaggio cruciale dell’interrogazione 3/00177 del 28 novembre 2001. 

ATTENTI A QUEI DUE: GRILLO&RENZI

di Gianni Lannes

Hanno la spudoratezza di chiamarla addirittura “democrazia”, ma invece è la dittatura delle banane. Due gruppi di potere eterodiretti, anzi telecomandati dall’estero,  e uno quello dei grullini che vanta addiritura un padrone pluripregiudicato. Quale altro scambio di favori si profila all’orizzonte dopo l’appoggio renziano al diplomato Di Maio per sedersi sulla poltrona di vice presidente della Camera? Fingono di accapigliarsi ma poi sono pappa e ciccia. La capovolta grullina sui vaccini obbligatori di massa ai minori è una prova inequivocabile. Ora stanno approntando addirittura una terza legge elettorale incostituzionale, dopo il Porcellum e l’Italicum. La grande coalizione scalda i motori. Niente preferenze:  i listini saranno bloccati in barba al pronunciamento della Consulta (sentenza 1/2014). A quanto pare gli elettori non hanno diritto di scegliere i candidati, come stabiliscono le regole elementari della democrazia. La Corte Costituzionale, dunque, era già intervenuta, ritenendo “illegittimo impedire all’elettore di esprimere almeno una preferenza per i candidati, al fine di determinarne l’elezione”.  Al di là delle incoerenze dei pentastelluti, un alto partito cooptato fin dagli albori dal potere a stelle e strisce, di cui prima o poi gli italidioti si renderanno conto, qui è in gioco la legge elettorale, non della organizzazione interna antidemocratica di un partito come tanti altri, utile a dividere il popolo italiano, e ad incanalare la protesta civile in uno sterile vicolo cieco. Lo zio Sam come sempre ringrazia per tanta cieca obbedienza.

riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=grillo

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=renzi

BAMBINI A PERDERE

   

Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
   

VACCINI: SPECULAZIONI IN ITALIA!


Verona, 27 settembre 2016

 di Gianni Lannes

Sporchi affari sulla pelle di bambini indifesi. Richard Horton il direttore di Lancet, una delle più famose riviste scientifiche al mondo, ha scritto che fino alla metà dei cosiddetti “articoli scientifici” apparsi sulle riviste mediche accreditate potrebbe avere una base non scientifica. E ciò non solo a causa della poco ortodossia del metodo o della grandezza dei campioni utilizzati, ma anche per il flagrante conflitto di interessi che vige tra studiosi, medici e multinazionali farmaceutiche. Sul British Medical Journal un’altra delle riviste internazionali leader degli studi medici, nel 2016 è stato pubblicato un articolo intitolato Medical error—the third leading cause of death in the US  in cui si dimostra che un terzo della mortalità negli Stati Uniti è causata da errori di tipo medico.

 Verona, 27 settembre 2016

DE LORENZO INTASCO' UNA TANGENTE DA 600 MILIONI DI LIRE PER RENDERE OBBLIGATORIO UN VACCINO

14 giugno 2001 – La Corte di Cassazione condanna a 5 anni di carcere Francesco De Lorenzo giudicato colpevole di avere incassato tangenti dalle industrie farmaceutiche durante il mandato come ministro.



Nel mese di febbraio del 1991 il presidente della  Smith Kline Beechm (Glaxo) - produttrice del vaccino Engerix B - ha versato per sua ammissione  600 milioni di vecchie lire, all'allora ministro della sanità De Lorenzo per ottenere vari favori. Poichè la predetta ditta è l’unica produttrice del vaccino “Engerix B”, vaccino reso obbligatorio per l’epatite B a maggio’91. A tale proposito possono essere sentiti, perche' a conoscenza dei fatti e di queste problematiche, il dottor Squarcione del Settore Igiene Pubblica del Ministero della Sanità, Roma, gli ex deputati Gianni Tamino e Franca Bassi, i quali ultimi, in quanto membri della Commissione Sanità, possono anche testimoniare sulle modalità con le quali l'allora ministro della Sanità è riuscito ad imporre le sue determinazioni. Con quali modalità è stata ottenuta dalla società svizzera “vaccini Berna” una deroga per l’autorizzazione alla vendita dei vaccini di sua produzione, obbligatori in Italia (per la pollo, difterite, tetano) senza controlli e/o analisi di qualità come prassi ma autorizzati e controllati solamente per via protocollare? Il dottor Grandolfo dell’Istituto Superiore Sanità nel 1991 scrisse una relazione sui principi e metodi della prevenzione, nella quale egli fa riferimento a presunti illeciti compiuti per l’attuazione di detta vaccinazione obbligatoria (legge 165/1991). De Lorenzo è stato condannato con sentenza passata in giudicato in Cassazione, a 5 anni di carcere per associazione a delinquere e corruzione e poi, con altra sentenza di Cassazione del 2012 per danno all’immagine dello Stato, al pagamento di 5 milioni di euro, la stessa somma a cui è stato condannato anche Duilio Poggiolini.
 

28.5.17

VACCINI: DA DE LORENZO A LORENZIN & RENZI



Verona: 27 settembre 2016

di Gianni Lannes

C'è corruzione politica nel belpaese? Sputate che indovinate. Attenzione alla radice etimologica. 
 
                                        GLAXO + RENZI = DL LoRENZIn?


I politicanti italidioti hanno intascato soldi in nero dalla Glaxo per far approvare un decreto legge fuorilegge che consenta di bombardare di vaccini i bambini? Ci sono scheletri negli armadi? Rammento a Matteo Renzi che si è permesso anche di minacciarmi con una ridicola e-mail che rispedisco al mittente con gli interessi, che il popolo sovrano lo ha definitivamente trombato con il referendum anticostituzionale propagandato dal piddì. Nel 2015 Renzi ha aperto ai mammasantissima del farmaco.


AL S. RAFFAELE DI MILANO SI ESPIANTANO ORGANI DI BAMBINI?




di Gianni Lannes

Carne da macello. 5.271: un numero a caso? No migliaia di vite spezzate. L’ultimo rapporto ufficiale dello Stato italiano (30 aprile 2017, ministero delle politiche sociali) attesta la sparizione dai centri di accoglienza sotto la responsabilità del governo Gentiloni di ben 5.271 minori (cifra ampiamente sottostimata). Che fine hanno fatto questi bambini e adolescenti? Perché nessuna autorità li cerca? Perché la magistratura italiana non si attiva? Per caso in alcune cliniche private del nord Italia, tra cui il San Raffaele fondato dal famigerato don Luigi Verzé, si effettuano impunemente da anni espianti di organi umani prelevati da neonati, bambini e fanciulle, ovvero inermi esseri umani spariti nel nulla? Previa compravendita fuorilegge ovvero in nero, l'assegnazione degli organi avviene in base alle caratteristiche del gruppo sanguigno (A, B, O) e del sistema maggiore di istocompatibilità (HLA). Quanti sono attualmente i medici italiani coinvolti in questo giro d'affari basato su crimini contro l'umanità? Perché i camici bianchi italidioti non vengono processati, condannati e radiati? Per quale ragione l'Italia non ha ratificato la convenzione del Consiglio d'Europa sulla tratta di organi umani? C'è almeno un giudice a Berlino o bisogna sperare in un intervento divino?

riferimenti:

Gianni Lannes, BAMBINI A PERDERE, Lpe, Cosenza 2016.


BAMBINI A PERDERE

   

Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
   

BOMBE A...MARE!


Un libro di inchiesta sul campo, in uscita a fine agosto 2017, che fa emergere una pericolosa verità sull'inquinamento bellico. Segreti di Stati alleati nascosti alla bersagliata popolazione italiana.



LA MAFIA DEL GAS


27.5.17

DITTATURA VACCINALE IN ITALIA




di Gianni Lannes

Il belpaese si ritrova una ministra della salute come l'ex ballerina di fila berlusconiana poi a braccetto dello striminzito partito di Alfano, Beatrice Lorenzin neanche laureata, ma appena diplomata, che il 29 settembre 2014 ha preso direttamente ordini dalla White House (Obama). In seguito, nel 2015, Matteo Renzi ha presentato a Verona il piano, attesta un comunicato della Glaxo Smith Kline, la multinazionale inglese (tra le più corrotte al mondo) che ha investito un miliardo di euro sui vaccini in Italia, e deve far cassa sulla salute di neonati, bambini e adolescenti italiani, ma non solo.


15 PAESI EUROPEI NON HANNO OBBLIGHI VACCINALI




di Gianni Lannes

A livello mondiale alcune vaccinazioni sono obbligatorie soltanto in 14 Paesi europei, negli Usa e in Canada. In totale sono 15 i Paesi europei che non hanno vaccinazioni obbligatorie, mentre i restanti 14 Paesi hanno almeno una vaccinazione obbligatoria inclusa nel loro programma vaccinale. Gli Stati Uniti e il Canada, in parte come la Germania, hanno scelto una via intermedia: assenza di sanzioni per la mancata vaccinazione. Il comunicato stampa di Palazzo Chigi del 19 maggio scorso contiene un falso clamoroso: 

 "In questa prospettiva, che tiene conto anche degli obblighi assunti e delle strategie concordate a livello europeo e internazionale, il decreto in primo luogo estende il novero delle vaccinazioni obbligatorie in coerenza con il Piano nazionale di prevenzione vaccinale".


VACCINI: DOV’E’ IL DECRETO LEGGE ?




di Gianni Lannes

Quale urgenza? Quale emergenza? Soltanto sporchi affari sulla pelle di esseri umani senza voce. A tutt’oggi 27 maggio 2017 dopo ben 8 giorni, in barba alla procedura d’urgenza richiamata pretestuosamente dal consiglio dei ministri numero 30 del 19 maggio scorso, il famigerato decreto legge dettato a tavolino alla ministra Lorenzin dalla White House sotto Obama il 29 settembre 2014 in ossequio ai voleri delle multinazionali farmaceutiche, non è ancora uscito allo scoperto, ovvero non è stato ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale con la controfirma del presidente della Repubblica. Adesso la ministra Lorenzin annuncia a sorpresa: «In arrivo un vademecum per chiarire modalità e tempi. Prevista una norma transitoria per evitare problemi burocratici a famiglie, Asl e scuole». Si ma il decreto legge? E la legge di conversione entro 60 giorni? Il Parlamento sarà riunito ad agosto?


26.5.17

VACCINI PER TUTTI IN ITALIA O NIENTE!

di Gianni Lannes

Perché sacrificare i più indifesi che non hanno voce? Se bambini e adolescenti in salute dovranno essere forzatamente sottoposti ad un molteplice bombardamento di inoculazioni vaccinali per rallegrare gli affari delle multinazionali, allora per mera logica, l’obbligo vaccinale dovrà valere anche per tutti i componenti del governo tricolore che ha varato il 19 maggio scorso il decreto legge a partire dalla Lorenzin e da Gentiloni, dai medici favorevoli al tso vaccinale a cominciare da Burioni del San Raffaele, tanto per dare il buon esempio alla nazione, nonché per il personale della scuola: insegnanti, ausiliari, presidi, provveditori e così via. Troppo comodo vaccinare i bambini con il ricatto ed esentare gli adulti. Vaccinati o licenziati. 

ORGANI UMANI: PEZZI DI RICAMBIO AL MERCATO MEDICO

di Gianni Lannes

Trapianti ed espianti di organi. Può decidere il mercato? C’è tutta un’industria che tratta gli esseri umani come macchine. Se si rompe un pezzo, chi ha i soldi lo cambia con un altro, magari di un bambino appositamente rapito ed assassinato su commissione medica. Questi crimini contro l'umanità possono essere impediti solo se le leggi avranno una profonda moralità, superiore agli interessi della casta medica, e a tutti coloro che speculano sulla vita umana. 

BAMBINI A PERDERE

   

Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it
   

VACCINI: DECRETO LEGGE FANTASMA!



ROMA, 19 MAGGIO 2017

di Gianni Lannes

Nel belpaese inoculazione forzata su neonati, bambini e adolescenti fa rima con speculazione. Il comunicato stampa licenziato il 19 maggio 2017 dal trio Gentiloni, Lorenzin e Madia recita così:

«VACCINAZIONI OBBLIGATORIE IN ETÀ INFANTILE. Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale (decreto legge). Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Paolo Gentiloni e della Ministra della salute Beatrice Lorenzin, ha approvato un decreto legge contenente misure urgenti in materia di prevenzione vaccinale. Il decreto è diretto a garantire in maniera omogenea sul territorio nazionale le attività dirette alla prevenzione, al contenimento e alla riduzione dei rischi per la salute pubblica con particolare riferimento al mantenimento di adeguate condizioni di sicurezza epidemiologica in termini di profilassi e di copertura vaccinale, superando l’attuale frammentazione normativa. In questa prospettiva, che tiene conto anche degli obblighi assunti e delle strategie concordate a livello europeo e internazionale, il decreto in primo luogo estende il novero delle vaccinazioni obbligatorie in coerenza con il Piano nazionale di prevenzione vaccinale».

Dov’è finita l’urgenza? Chi ha stabilito a tavolino le misure urgenti? Nessuna pandemia, soltanto una decisione del 29 settembre 2014 presa alla White House, come da fonte AIFA. Chi ha dettato la linea affaristica? Forse le solite e famigerate multinazionali che hanno già incontrato Renzi e la Lorenzin? A tutt’oggi, 26 maggio 2017 il predetto decreto legge non è stato ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, tarda la firma del presidente della Repubblica. Al Quirinale hanno fiutato il peso di questo atto fuorilegge, ovvero incostituzionale?


GUERRA NUCLEARE: ITALIA IN PRIMA FILA




di Gianni Lannes

Dal 17 giugno al 7 luglio 2017 presso le Nazioni Unite a New York, si svolgerà una sessione della "United Nations conference to negotiate a legally binding instrument to prohibit nuclear weapons, leading towards their total elimination" per discutere e approvare la "Draft Convention on the Prohibition of Nuclear Weapons".

24.5.17

BAMBINI A PERDERE

   

Chi è interessato ad una presentazione dell'autore può contattare il seguente indirizzo:

sulatestaitalia@libero.it