19.8.19

LEI


 Gilan ©
di Gianni Lannes

L’estate è un tempo ideale per fermarsi, per voltarsi indietro e riflettere sulla strada percorsa. A volte siamo fragili, persi nel dolore. Approdiamo alla vita da stranieri, apparentemente estranei a tutto. E sono il corpo e le parole di una donna particolare che ci introducono all'esistenza. È la relazione con la madre che offre il suo cuore e ci rende umani. Per un bambino la perdita della persona che l'ha messo al mondo è un dolore immenso, il più grande che si possa provare. È l’amore per una donna unica al mondo che ci fa esseri umani sensibili.

13.8.19

ITALIDIOTI


di Gianni Lannes

Pieni poteri all’ultimo fantoccio razzista oppure agli inconcludenti voltagabbana grullini? L'importante è prendere in giro come sempre il "popolo sovrano".  Quello che non dicono i servi telecomandati della disinformazione di massa: l’Italia è un paese a sovranità non più limitata, bensì azzerata, eterodiretto dall’estero e privo di indipendenza. I politicanti italidioti (centro&destra&sinistra) fingono di accapigliarsi tra di loro, ma poi eseguono di buon grado gli ordini provenienti da Washington (pure da Mosca) e non solo, pur di restare incrostati ai crassi privilegi delle poltrone parlamentari, mentre il belpaese va in rovina. Da decenni la nostra Costituzione repubblicana è carta straccia, sia pure vergata in punta di diritto dopo Yalta, poi triturata dal Trattato di Lisbona. Qualcuno ha quantomeno belato nel gregge partitocratico? Nello Stivale (isole comprese) l'ipocrisia istituzionale regna sovrana. Allora: i governanti e i finti oppositori (scansafatiche) per conto terzi mandiamoli tutti a quel paese.

5.8.19

PUGLIE


 Gilan ©

 di Gianni Lannes

Non esiste la Puglia, unica, omogenea, lineare e standardizzata (stile uso e consumo), bensì esattamente il contrario di una mera cartolina turistica. Insomma, più anime e tanti idiomi: un microcosmo del Mediterraneo ricco di visioni, ma anche contraddizioni e speculazioni. Più Oriente che Occidente, di certo non una merce. Crocevia di culture: dai Monti Dauni al Gargano, dalla Murgia al Salento fino allo squarcio di Taranto e dintorni. Una terra segreta, misteriosa, ancestrale, dai tanti volti e radici, che abbaglia per i suoi paesaggi naturali, i suoi colori e per la sua luce meridiana, approdo e punto di partenza per un viaggio nella storia, sospeso tra presente e futuro. Lo stereotipo è duro da scalfire. C'è stato un tempo in cui tutto qui era un paradiso.

3.8.19

PERCHE' LE SCIE DEGLI AEREI DIVENTANO NUVOLE?

   

Troppo caldo, tanto freddo, tempeste ed uragani. Tutto normale? Il clima è un'arma insospettabile. La prima inchiesta giornalistica italiana, documentata con numerose prove ufficiali, relativa al dilagante fenomeno della cosiddetta aerosolchemioterapia bellica NATO in Europa. 
 
Questo volume di 678 pagine è il frutto di una ricerca sul campo realizzata a partire dal 2003 ai giorni nostri. Esso contiene migliaia di documenti ufficiali (in parte riservati e/o segreti).

Chi vuole riceverlo può prenotare il volume - attualmente in edizione limitata - e chi intende organizzare una conferenza di presentazione del libro invitando l'autore, può scrivere al seguente indirizzo:


1.8.19

ELETTROSMOG: DAL 4 AL 5G






MAL…ARIA




di Gianni Lannes

Le emissioni inquinanti volano in alto e scendono in basso, fin dentro i polmoni umani e nei gangli della Terra mescolandosi all'acqua.

Nel 2020, secondo una stima dell’International Civil Aviation Organization, le emissioni inquinanti dell’aviazione (civile e militare) saranno del 70 per cento più elevate che nel 2005. Senza contare le ripercussioni atmosferiche, territoriali ed acustiche.

22.7.19

ARIA INQUINATA E MORTI PREMATURE




di Gianni Lannes

L’Agenzia europea per l’ambiente ha stimato che nel 2015, solo in Italia, ben 60.200 morti premature sono attribuibili all’esposizione a lungo termine alle polveri sottili (PM 2,5), 20.500 al biossido d’azoto (NO2) e 3.200 all’ozono (O2). Il non detto: un notevole contributo è causato dall'aerosolchemioterapia bellica - in violazione della convenzione Enmod dell'ONU - attuata nel belpaese dal 2002, con la tacità approvazione degli esecutivi italidioti sottomessi a Washington.

18.7.19

F35: CACCIABOMBARDIERI NUCLEARI ITALIANI

 

di Gianni Lannes

Guerra a capacità nucleare. Al posto dei mandorleti, aerei da guerra non convenzionale, costruiti solo per l'attacco e non per la difesa aerea. Come mai il governo italiano viola la Costituzione repubblicana (articolo 11) nonché il Trattato di non proliferazione nucleare? Nella base dell’Aeronautica militare tricolore di Amendola (attualmente un cantiere a cielo aperto) in provincia di Foggia, ad un tiro di schioppo da Manfredonia, proprio ai piedi del Gargano, sono stati dislocati i cacciabombardieri nucleari F35, in grado di caricare a lanciare le micidiali bombe nucleari tattiche nordamericane modello B61. 

GIANNI LANNES A CORTINA D’AMPEZZO



CIELO IRRORATO

Capitanata (18 luglio 2019)



di Gianni Lannes

Che aria tira nella colonia italidiota? Dopo una breve tregua di cielo terso, ecco nuovamente la tempesta bellica sotto mentite spoglie. Oggi i padroni della NATO hanno ripreso a scaricare nel cielo d'Italia (ed in gran parte dell'Europa sotto il dominio dell'alleanza atlantica), acqua di colonia, modello Washington, grazie all’omertà del governo eterodiretto grullin-leghista (alla stregua di tutti gli esecutivi precedenti dal 2001 in poi). Nella provincia di Foggia non esistono aeroporti civili operativi, se non la base militare di Amendola, dove stazionano - nell'indifferenza generale - i cacciabombardieri nucleari F35 battenti bandiera tricolore. Oggi, proprio in loco, tuttavia, era tutto un andirivieni di velivoli a bassa quota che hanno trasformato l'orizzonte in una caligine plumbea. Che veleni respira ed ingoia l'ignara popolazione? Perché i sovranisti Salvini (autore di un'interrogazione europarlamentare) e Di Maio tacciono?


PIU’ MALTEMPO E MENO MIELE


Italia: "area protetta" - luglio 2019 foto LDB

di Gianni Lannes

Il clima impazzito, anzi, telecomandato, ha falcidiato la produzione: il 2019 è a dir poco disastroso. Vento, pioggia, grandine, neve fuori stagione e in quantità enormi, hanno distrutto la quasi totalità delle fioriture primaverili da miele e molti allagamenti - provocati da autentici uragani - hanno spazzato via interi alveari, uccidendo milioni di api; senza contare l'inquinamento indotto dall'uomo e gli incendi dolosi. Il freddo di maggio e la scarsità di polline hanno riportato gli alveari ad una situazione invernale, alterando l’intero ciclo produttivo delle api. Secondo l’Osservatorio nazionale miele la crisi riguarda tutta l’Italia. A proposito, c’è un nesso fra le irrorazioni del cielo (riprese oggi a più non posso sul belpaese) a base di velivoli Nato, più o meno mascherati ed il mutamento indotto del tempo metereologico? La manipolazione ed il controllo del clima è un'arma insospettabile, come stabilisce la convenzione Enmod dell'ONU?
  
Italia: cielo irrorato (luglio 2019)- foto LDB


Riferimenti:

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=enmod 

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2019/07/italia-sempre-piu-maltempo-distruttivo.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2019/06/ghiaccio-in-puglia-2-giugno-2019.html 

https://archivio.unita.news/assets/derived/2007/05/21/issue_full.pdf 

17.7.19

SCOMPARSI 344 MINORI IN ITALIA AFFIDATI ALLO STATO!


Ministero Politiche Sociali (31 gennaio 2019)
 Ministero Politiche Sociali (30 giugno 2019)
 

 
di Gianni Lannes

Il conto è elementare: grazie anche all'indifferenza generale. Ne sono spariti tanti altri. I numeri ufficiali, sia pure ampiamente sottostimati, parlano chiaro, mentre il ministro pro tempore dell’interno distrae le masse seminando odio sociale contro gli stranieri (in tempi recenti contro i meridionali). Secondo i dati istituzionali, sono ben 344 i minori “stranieri” non accompagnati, nonostante il calo degli sbarchi nel belpaese, che dal 31 gennaio al 30 giugno 2019 affidati alle cure dello Stato italiano, risultano poi spariti dai centri di cosiddetta accoglienza. 

UN ORSO CONDANNATO A MORTE DALLA STUPIDITA' UMANA


di Gianni Lannes

Con quale diritto si uccide la vita? Accade in Italia dove le aree naturali sono in via di estinzione, o meglio in Trentino. La Corte costituzionale ha sentenziato: «L’orso può essere ucciso». Fugatti Maurizio - lo sceriffo leghista della provincia trentina - aveva già dato l’ordine di ammazzare il plantigrado di 3 anni, reo di essere un “animale” libero e di non aver torto agli umani neppure un capello. 

ARRIVEDERCI CAMILLERI!





“Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine passare tra il pubblico con la coppola in mano”. Così, lo scrittore siciliano era solito rispondere a chi gli domandava come mai, all’età di 93 anni, non avesse ancora deciso di andare in pensione. Buon viaggio Maestro!

https://www.youtube.com/watch?v=4MbqNkEjdRM&list=RD4MbqNkEjdRM&start_radio=1&t=18 

https://www.youtube.com/watch?v=BATXLhKhQbY 

https://www.youtube.com/watch?v=xeuKk1PRsYU