23.2.20

CORONAVIRUS: EPIDEMIA TELECOMANDATA!



di Gianni Lannes


Chi inventa, alimenta e diffonde le epidemie? Un problema d'ordine pubblico? Distrazioni di massa? E all'orizzonte già si intravedono provvedimenti politici catastrofici che limitano le già risicate libertà individuali. Lo Stivale nel baratro: il Nord chiuso per il virus; a breve si vedrà anche il Mezzogiorno. Per l'Oms la diffusione in Italia è un mistero. Secondo quanto riferito da Ansa l’Italia, ad oggi, è il terzo paese al mondo con il più alto numero di contagi dopo Cina (77mila casi accertati) e Corea del Sud (602 casi). Il governo Conte (bis): “anche l'esercito per isolare le zone a rischio”. Almeno un vantaggio: la paralisi da virus arresta finalmente anche il calcio milionario nel belpaese.

Ecco cosa succede - per ora - nel più importante e disponibile laboratorio coloniale di Washington nel vecchio continente. Chiusura di scuole ed università tanto per fronteggiare il peggio ingigantito a dismisura dai mass media. La misura della fragilità tricolore. Iniettando paura nel corpo sociale si provoca l'emergenza: l'effetto psicosi funziona sempre. Il virus della Covid-19 non è arrivato sui barconi dei migranti, ma - secondo le fonti ufficiali nonché la vulgata di tutte le autorità - in aeroplano in giacca, cravatta e tailleur, addirittura con regolare passaporto. Il coronavirus non ne fa una questione di razza, di religione o di classe: sale a bordo dell'essere umano in quanto tale, poiché così stato programmato nel solito laboratorio militare d'oltre oceano. A proposito: gli italiani come si sono ammalati?

Cui prodest? A chi giova? Chi alimenta il panico e perché? Il panico come reazione collettiva sorge per infezione psichica e non virale. Appunto il panico erode la solidità euforica della massa riportandoci alla nostra individuale inermità.

L'influenza in Europa miete ogni anno circa 50 mila vittime, perché allora il Coronavirus preoccupa così tanto i soliti esperti e i crassi politicanti italidioti? Il panico amplifica a dismisura il pericolo stesso. Nella stagione del rischio diffuso ad arte del contagio - da ben noti e collaudati sistemi di dominio - ogni nostro simile diventa un potenziale untore, fonte di malattia e di morte. Problema, reazione, soluzione autoritaria,  come da copione del grande fratello. Attenzione: ci attende una straordinaria prova di inciviltà.


Riferimenti:


22.2.20

CORONAVIRUS: VACCINI E DISTRAZIONI DI MASSA

Epidemia, contagio, emergenza? Fondamentale in tali casi è diffondere anche la paura nel corpo sociale. In Italia l'esperimento psicosi funziona in barba alla logica ed al buon senso. Continua la sedicente lotta al Coronavirus della Cina (made USA). Zeng Yixin, vicedirettore della Commissione sanitaria nazionale, ha reso noto in conferenza stampa le mosse del Paese contro il Covid-19. Tra questi, riporta l’Ansa, cinque differenti approcci tecnologici per sviluppare un vaccino efficace per contrastare l’epidemia, arrivata anche in Italia con casi positivi in Lombardia. I nuovi metodi prevedono lo sviluppo di vaccini inattivati, vaccini a subunità geneticamente modificati, vaccini a vettore ricombinante basati sull’adenovirus, vaccini ad acido nucleico e vaccini anti-influenzali con virus vivo attenuato, i cosiddetti Laiv, ovvero Live attenuated influenza vaccine. “Questi approcci sono condotti simultaneamente“, ha spiegato il medico cinese. Alcuni di questi sono già in sperimentazioni sugli animali. “Sulla base del presupposto di garanzia della sicurezza, dell’efficacia e dell’accessibilità dei vaccini, prevediamo che già tra aprile e maggio di quest’anno alcuni di questi potrebbero entrare in fase di trial clinici o, in condizioni specifiche, potrebbero essere applicati per terapie di emergenza“, ha dichiarato. “Il nostro obiettivo, se la situazione epidemica lo richiederà, sarà attivare, in conformità con le leggi e i regolamenti, l’applicazione dei vaccini, nonché il processo di revisione e approvazione farmaceutico d’emergenza“, ha concluso il funzionario.

Riferimenti:

http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2020/02/21/coronavirus-sono-tre-i-primi-contagiati-in-italia.-uno-e-molto-grave_4566075c-ee89-411d-8b3a-56b6b8246fc9.html 

http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2020/02/22/coronavirus-finora-2.360-vittime_599f987e-d8aa-4280-a8a8-7693bdcc6065.html 

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2020/01/coronavirus-epidemia-da-laboratorio-le.html 

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=vaccini 


21.2.20

ITALIA: 42.044 MINORI SCOMPARSI PER SEMPRE!



di Gianni Lannes

Il tabù dei tabù è un olocausto silenzioso della crudeltà tricolore, peggio di una deportazione in un lager di sterminio che rende più del pur lucroso traffico di droga. Dal 1974 al 31 marzo 2019 sono svaniti ben 42.044 minori in Italia, alla media di 934 piccoli esseri umani all'anno. Non sono bruscolini bensì in gran parte bambini, sprofondati in un buco nero e mai più tornati alle famiglie. Per fare un raffronto: i nazisti deportarono nei lager dall'Italia 900 bambini e scamparono alla morte soltanto in 25, tra cui Liliana Segre.

20.2.20

TRAFFICO DI ORGANI UMANI IN ITALIA


di Gianni Lannes


Macelleria umana nello Stivale: anche il capo dello Stato, Sergio Mattarella non risponde, alla stregua del garante per l'infanzia. Il dramma nazionale era già emerso nel 1993, in seno al Parlamento europeo. L'Italia, inoltre - singolare coincidenza -  non ha ratificato la Convenzione del Consiglio d'Europa contro il traffico di organi umani. Purtroppo, non è una leggenda metropolitana come taluni camici bianchi e sedicenti esperti di associazioni pro donazione degli organi umani (considerati ed usati come pezzi di ricambio), vogliono dare a bere all'ignara popolazione italiana.

Sparizioni di minori nel belpaese ed espianti di organi umani: è il cuore dell'interrogazione a risposta scritta numero 4/02225 del 4 febbraio 2016, a cui il governo italiano non ha mai risposto. Perché?

ISOLE TREMITI: INQUINAMENTO MINACCIA CONCRETA!

Foto Gianni Lannes ©
 


di Gianni Lannes

A rischio l'ecosistema marino (area protetta sulla carta dal 1989 con l'istituzione della riserva), in particolare le colonie di gorgonie nei fondali, mentre nei dintorni proseguono indisturbate le invasive ricerche di idrocarburi (da parte di multinazionali anglo-americane), autorizzate dallo Stato italiano, nonostante le pacifiche proteste civili. Peraltro i fondali di Pianosa,  nonostante le documentate denunce, non sono mai stati bonificati dalle bombe anglo-americane. Inoltre, le petroliere seguitano a scaricare in mare le contaminanti acque di zavorra. Insomma, un eden trasformato in una discarica. Forse, se le Tremiti fossero passate alla Croazia come le vicine Pelagose (a 18 miglia dal Gargano), sarebbero ancora un paradiso non invaso dal proliferante e canceroso cemento armato (preceduto da incendi dolosi a San Domino). Ed il governo Conte neanche risponde alle interrogazioni parlamentari sul caso specifico.



L'alga bruna, una specie invasiva, ha colpito almeno due aree delle Diomedee: “Punto 55” dell’isola di San Domino e Punta Secca dell’Isola di Caprara. Gli effetti sull’habitat marino sono preoccupanti: il 60 per cento delle gorgonie è morto in soli quattro mesi. Un mare limpido dal fondale ricco di vegetazione e di tonni, ricciole e barracuda risulta infestato da un’alga bruna che uccide senza pietà le gorgonie in due zone dell’arcipelago. 
 

19.2.20

BAMBINI A PERDERE IN ITALIA



di Gianni Lannes

Nel belpaese per l'infanzia valgono i diritti di carta e il disinteresse istituzionale. L'Italia è agli ultimi posti in Europa per «povertà di futuro» di bambini e adolescenti, privati di opportunità e sogni. La povertà nelle sue varie forme, educativa, sociale, economica, d'istruzione e di lavoro, li sta colpendo in modo grave, privandoli di prospettive e di opportunità. Per esempio, basta scandagliare la banca dati del Parlamento italiano per apprendere che il governo Conte non ha risposto a 439 atti parlamentari (interpellanze ed interrogazioni) inerenti la violenza contro i bambini proprio in Italia. Un concreto, ostinato e palese menefreghismo istituzionale che ormai dura da anni, tale da qualificare l'inconsistenza etica dei politicanti tricolore. 

 


PEDOFILIA FINANZIATA DALLE AUTORITA' ITALIANE

di Gianni Lannes

Pedofilia sostenuta dal potere politico. Nella banca dati del Parlamento italiano giacciono attualmente - nel corso della XVIII legislatura - ben 9 atti di ispezione (interrogazioni ed interpellanze) relativi alla pedofilia, indirizzati al governo Conte, che non hanno avuto mai risposta.

Non è tutto. Ben 150mila euro dal ministero dei Beni culturali, altri 105. 374 dalla Regione Emilia Romagna e 28.840 dalla Puglia (Apulia Film Commission) sono stati elargiti per il film “Gli anni amari”, sulla figura suicida di Mario Mieli, il paladino di omosessualità, pedofilia e coprofagia.

CAMPANIA: UNA STRAGE ANNUNCIATA?



di Gianni Lannes

Quando inizierà il conto alla rovescia? «In conseguenza della incrementata attività dell'area vulcanica dei Campi Flegrei l'Osservatorio Vesuviano emette bollettini settimanali per il Dipartimento della Protezione Civile» è scritto attualmente nel portale online dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Questa tragedia è un miscuglio letale di speculazione edilizia (legalizzata), incoscienza politica e sovraffollamento urbano. Hanno costruito addirittura su crateri e fumarole, con tanto di autorizzazioni amministrative. Peggio del pericolo camorra c'è solo il pericolo di vita per tantissimi esseri umani. 

PROVE DI GUERRA NEI MARI D'ITALIA




di Gianni Lannes

13 gennaio 2020: «L'erosione costiera e le vibrazioni causate dalle esercitazioni militari, stanno facendo crollare la collina di Drasy. In questi ultimi giorni è caduta in mare una stradina interna di passaggio ed il binario porta sagome, utilizzato dall'esercito». È la recente denuncia dell'associazione 'Mareamico' di Agrigento.

Esplosioni, tiri a fuoco, ordigni dispersi ma sempre attivi, esercitazioni, missioni, sperimentazioni, insomma attività militari ininterrotte che flagellano i mari d'Italia. Conseguenze? Inquinamento bellico ormai cronico e diffuse patologie mortali nell'ignara popolazione. E che dire dei micidiali poligoni permanenti in Sardegna, nonché delle servitù militari in tutto lo Stivale, isole comprese? Senza contare le attività belliche della NATO e dei padroni di Washington, in cielo, terra e mare, che hanno trasformato l'Italia in una colonia e la usano come un arsenale, peggio: una letale discarica, un campo di battaglia ed una portaerei da cui alimentare le guerre in Medio Oriente ed in Africa. Ovviamente, con il favore dei governati italidioti.

18.2.20

ROS: AMORE NATURALE!

Mar Ionio - foto Gilan

Sei nel sorriso luminoso e malinconico dei bambini

 Sei nella meraviglia dei nostri figli a cui manca la mamma

Sei nella solitudine del dolore

Sei nell'asprezza e nella dolcezza dell'esistenza

Sei nella bellezza della vita

Sei nella mia corsa a perdifiato

Sei nei libri che ho composto nel tuo sguardo

Sei nei pensieri che aleggiano in un arcobaleno di luce

Sei nei raggi di sole che fluttuano nel cuore

Sei nel vento che risuona dall'alba al tramonto

Sei nel mare che danza nella grande madre

Sei nel bosco in ogni stagione

Sei nell'acqua cristallina alla sorgente

Sei nel fuoco che sgorga dalla terra

Sei nelle montagne che ho scalato

Sei nelle isole in cui sono approdato

Sei nei mari in cui ho veleggiato

Sei nell'incanto della notte

Sei negli incantesimi della natura

Sei nella purezza della vita

Sei nelle lacrime invisibili

Sei nell'orizzonte infinito

Primavera - foto Gilan

Sei nel volo di una farfalla

Sei nel battito d'ali d'un gabbiano 

Sei nell'empatia di un delfino 

Sei nel grembo di Gaia 

Sei nella gioia dell'emozione 

Sei nel tempo del presente

Sei nei sogni del futuro

Sei nel cielo trapuntato di stelle

Sei nell'aria che respiro in ogni istante

Sei in me sempre...

Gilan

 Mar Ionio - foto Gilan





17.2.20

NATO AVVELENA I BAMBINI

Italia, lunedi 17 febbraio 2020


di Gianni Lannes


Aerosolchemioterapia bellica sui civili. Effetti collaterali? Prima hanno fatto impazzire le stagioni, per trasformare il clima in un'arma insospettabile (in palese violazione della Convenzione Enmod delle Nazioni Unite, ratificata dalla legge italiana 962 del 1980). Poi hanno intossicato l'aria fino al limite della saturazione. La NORTH ATLANTIC TREATY ORGANIZATION con l'avallo delle autorità italiane di ogni ordine e grado (politico, civile e militare) grazie anche alla propaganda negazionista dei mass media, irrora a bassa quota ormai giorno e notte, il territorio italiano, in particolare i centri abitati. Salute a rischio: le prime vittime in Italia (ed Europa) sono i bambini. Eppure la Convenzione ONU sui diritti del fanciullo fa riferimento al diritto di vivere in un mondo pulito e non inquinato. C'è un giudice almeno a Berlino per siffatti crimini contro l'umanità?

 Italia, lunedi 17 febbraio 2020

PECORE E LUPI!


ITALIA: ESPLOSIONE NUCLEARE

 
 foto Gianni Lannes (tutti i diritti risevati)


A rischio e pericolo di estinzione, basta qualche esplosione. Il belpaese è una polveriera nucleare e al contempo un obiettivo di guerra atomica, mentre i crassi politicanti nostrani sproloquiano del nulla. Le crisi mondiali, gravate dall’aggravamento del cambiamento climatico indotto dall'uomo, rendono realmente possibile un conflitto nucleare avviato in base ad un piano, oppure scaturito per errore o semplice fraintendimento. La rinnovata corsa agli armamenti atomici e la loro proliferazione sono conseguenza di importanti trattati e negoziati cancellati o minati. In Italia è dominante la responsabilità di tutto l'arco politico (centro, destra e sinistra) che obbliga un Paese non nucleare ad ospitare da tempo e a prepararsi ad usare armi nucleari, violando il Trattato di non proliferazione che pure ha sottoscritto e ratificato. Soprattutto è gravissimo il rifiuto dei governanti italidioti ad aderire al Trattato sulla proibizione  delle armi nucleari votato a grande maggioranza dall’Assemblea dell’Onu. Per aderire l’Italia dovrebbe quindi richiedere al governo degli Stati Uniti d'America di rimuovere dal suo territorio le bombe nucleari B61USA senza installarne altre, nonché le basi militari Nato. Così impone la Costituzione repubblicana italiana che all'articolo 11 ripudia la guerra.

Riferimenti: 

Gianni Lannes, ITALIA USA E GETTA, Arianna editrice, Bologna, 2014.

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=B61 

BOLOGNA: I BURATTINAI DELLA STRAGE!



di Gianni Lannes

Verità indicibile e menzogna verosimile? Ogni tanto scattano certi meccanismi ad orologeria mondiale. Adesso, dopo appena 40 anni e innumerevoli processi, salta fuori che la strage di Bologna - mandata in onda il 2 agosto 1980 - sarebbe stata compiuta dai servizi segreti italiani (Sisde/Sismi?) notoriamente eterodiretti dalla CIA, usando la solita manovalanza neofascista a buon mercato, nell'ambito di un progetto con addentellati internazionali e mediante il contributo economico di Licio Gelli, già gerarca fascista (triplo-giochista) in affari con i peggiori ambienti nordamericani e benvoluto da Andreotti. Ora, magari, anche nel cielo di Ustica (strage del 27 giugno 1980 che ha mietuto 81 vittime, tra cui 13 bambini, senza contare i "suicidati" in seguito) circolerà definitivamente la versione ufficiale che non fu cedimento strutturale o bomba nella toilette, tanto cara ai vertici telecomandati dall'estero dell'Aeronautica militare tricolore. Vi dicono niente Malta e Tel Aviv? Una cosa è certa: l'Italia è da tempo priva di indipendenza e sovranità, mentre latita la dignità nazionale.

Riferimenti:

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=jalloud 

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=ustica 

16.2.20

XYLELLA: MANIPOLAZIONE DELLA REALTA'



di Lucia Uni

Un bel servizio pubblico a spese della Natura e dell'ignaro cittadino italiano. Cinquanta sfumature di Xylella in Puglia a cura dell'Arif e della RAI. Il giorno 14 febbraio 2020 l’Arif diffonde un comunicato nel quale informa di aver proceduto all’espianto di 13 ulivi dichiarati infetti nelle campagne di Cisternino in provincia di Brindisi. 


14.2.20

L'AMORE NON SE NE VA!





Quando ero giovane ho incontrato una donna straordinariamente solare in riva al mare! Ros era una stupenda esplosione di gioia. A notte fonda il cancro la divorò in un baleno, ma lei non pronunciò mai il nome della sua malattia. I suoi pensieri ultimi li ha dedicati ai nostri figli, mentre stava morendo nella dimensione terrena. Andò svanendo la sua esistenza e la sua conversazione s'ammutolì, era ormai silenzio. Ma in quel silenzio di Ros c'erano tutte le parole più belle dell'umanità. Nel suo silenzio ardevano le stelle.

Ho visto talmente tante cose che il futuro ha finito per parlarmi: andarsene dal mondo e venire al mondo. L'anima di Ros viene da molto lontano nel tempo, dalla primordiale notte planetaria. Lei non è fuggita da questo mondo. La morte è la più riuscita espressione del mistero della vita. Il dolore non è un impedimento alla gioia. La ricordo ogni giorno: la sento dentro di me e nei nostri figli, perché mi ha rivelato il senso della sua vita e della sua missione terrena. E così mi rivolgo a Lei.

Cara Ros, apri gli occhi ti prego, non aver paura. Mi dispiace per tutto ciò che non potrò darti. Non ti farò sorridere più e non ti farò arrabbiare: litigi ne abbiamo avuti di straordinari dei quali ti ringrazio.

Grazie per ogni gesto gentile. Grazie per i nostri due meravigliosi figli, per la prima volta che li ho visti insieme a te. Grazie per avermi sempre fatto sentire orgoglioso di te.

Grazie per la tua forza, per la tua pazienza con me, per la tua dolcezza infinita. Grazie per come eri e come sei anche nei ricordi, per come ho sempre desiderato accarezzarti.

Ros eri e sei tutta la mia vita. Ti chiedo scusa per tutte le volte che ho fallito con te, specialmente nella malattia che ti ha colpito all'improvviso e senza preavviso. Ti chiedo scusa per non essere riuscito a salvare la tua vita. Ti chiedo scusa per averti lasciata sola quando partivo per il mio lavoro lontano. Ora chiudo gli occhi per chissà dove andare. Ho cominciato ad inseguirti nei sogni. L'amore non se ne va: l'amore non muore.

Gilan



13.2.20

INQUINAMENTO NUCLEARE IN BASILICATA: GOVERNO INDIFFERENTE!

foto Gianni Lannes
©
di Gianni Lannes


Nell'antica e meravigliosa Lucania c'era una volta un centro di lavorazione del combustibile nucleare, poi trasformato in una discarica atomica, che ha sversato per decenni e decenni i suoi reflui micidiali nel mar Jonio attraverso il fiume Sinni. Non è tutto: si sono verificati anche gravi incidenti nucleari, nascosti all'opinione pubblica. Oggi, il governicchio Conte (1&2) non risponde agli atti parlamentari relativi al livello di contaminazione radioattiva della Basilicata. Mentre tanta gente si ammala e seguita a morire di cancro, si contano ufficialmente ben 9 interrogazioni indirizzate al governo nel corso della XVIII legislatura in corso, prive di una qualsiasi risposta dell'esecutivo grulpiddino.

Riferimenti:

Gianni Lannes, ITALIA USA E GETTA, Arianna editrice, Blogna, 2014.











EUROPA: CAMERA A GAS NORTH ATLANTIC TREATY ORGANIZATION

Italia, 13 febbraio 2020



di Gianni Lannes


Aria sempre più inquinata dalle attività militari più o meno segrete e clima sempre più asfissiante. A Roma come a Berlino, a Parigi come a Londra, a Canicattì come a Vico del Gargano uno dei più borghi d'Italia (come documentano le immagini di questo reportage odierno), dove la gente risulta sempre più annichilita e silente, incapace di articolare una qualsiasi protesta civile. Giorno e notte, dall'anno 2002, la NATO irrora il vecchio continente. I velivoli a bassa quota sotto l'egida dell'Alleanza Atlantica ed il beneplacito dei governi europei, sfrecciano ormai quasi ininterrottamente e rilasciano acqua di colonia” nell'aria, violando la convenzione Enmod dell'ONU, ratificata in Italia con la legge 962 del 1980, promulgata dal presidente della Repubblica Sandro Pertini. Perché Mattarella e Conte consentono questo abominio ai danni del popolo italiano? 

 
 Italia, 13 febbraio 2020 


ITALIA: SCORIE NUCLEARI A PERDERE!


Fonte: Famiglia Cristiana, 5 giugno 2005 (settimanale)

12.2.20

ITALIA INQUINATA, POPOLAZIONE MALATA E GOVERNO LATITANTE


di Gianni Lannes

Nel belpaese chi inquina non paga mai effettivamente - come nel caso dell'Eni - grazie allo Stato e a tutti i suoi apparati centrali e periferici. I siti di interesse nazionale (SIN) sono aree contaminate molto estese classificate come pericolose dallo Stato e necessitano di urgenti interventi di bonifica del suolo, del sottosuolo e delle acque superficiali e sotterranee per evitare danni ambientali e sanitari alla popolazione. I procedimenti finalizzati alla bonifica di queste aree contaminate sono ben lontani dall'essere completati, così come rilevato dalla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti nella propria relazione di fine mandato sulle «Bonifiche nei siti di interesse nazionale». Peraltro, il governo Conte (1&2) non risponde agli atti parlamentari, come nel caso dell'interrogazione a risposta scritta numero 4/02049 del 31 luglio 2019, presentata da ben 54 senatori del movimento 5 stelle, sulla base di una mia inchiesta giornalistica, nonché delle interrogazioni 4/01481 (26 marzo 2019), 4/03254 (5 luglio 2019), 4/03985 (31 ottobre 2019), 4/01942 (9 gennaio 2019). 


11.2.20

NAVI DEI VELENI!


di Letizia Ricci

Numerosi atti parlamentari parlano chiaro. I governi italiani non hanno mai fornito una risposta a deputati e senatori, sulla base delle inchiesta giornalistiche di Gianni Lannes, relative alla cosiddette navi dei veleni. Perché? Invece gli atti giudiziari sugli attentati subiti si sono arenati in una nulla di fatto e non hanno mai accertato i mandanti. Gianni Lannes, dopo due anni di protezione della Polizia di Stato, per tutelare e rproteggere concretamente la sua famiglia, fu costretto ad interrompere nel 2011 la professione giornalistica e le sue inchieste più scottanti, a partire dagli omicidi di Ilaria Alpi, Miran Hrovatin e Natale De Grazia.


ITALIA: IDROCARBURI E DANNI AMBIENTALI

"Ufficialmente: zone marine aperte alla presentazione di nuove istanze di sfruttamento degli idrocarburi".


di Gianni Lannes

La prima vittima è il mare tricolore, grazie alla disattenzione e al disinteresse generale. Inquinamento a tappeto e terremoti indotti dalla speculazione, sfruttamento ambientale e degrado politico. Stamani è andato in onda uno scossone nel Mar Jonio, al largo di isola Capo Rizzuto per intenderci, con ipocentro ad appena 8 chilometri (profondità) nel fondale. Il 4 febbraio scorso, ben due scosse hanno colpito l'Adriatico centrale (al largo di Vasto) con ipocentro a 6 e 10 chilometri.

Carte ufficiali alla mano, il belpaese ha ormai ipotecato alle multinazionali straniere anche il mare sopravvissuto al peggio. La ricerca e lo sfruttamento di gas e petrolio mette in pericolo lo Stivale, isole tutte comprese. La legge 11 febbraio 2019, numero 12, pur in vigore sulla carta, viene rispettata? Chi controlla i controllori? Il cosiddetto “piano per la transizione energetica” è stato realizzato?

9.2.20

5G: CRIMINE CONTRO L'UMANITA' IN EUROPA



di Gianni Lannes

Al fine di favorire il mero profitto economico e conseguentemente annichilire la vita, annientare la libertà e schiacciare la salute, nel vecchio continente a dettare legge è la Commissione europea, ovvero un organo non eletto dagli europei, che prende ordini, a Bruxelles, direttamente dalle multinazionali, in barba al buon senso, alla democrazia ed al principio di precauzione. Prove lampanti? Una delle innumerevoli imposizioni della stessa Commissione è contenuta nel documento “Connectivity for a Competition Digital Single Market” del 14 settembre 2016. Sulla medesima falsariga si colloca in Italia la delibera AGCOM 231/18-Cons, a firma del presidente bocconiano Angelo Marcello Cardani, datata 8 maggio 2018. La follia istituzionale emerge nel cosiddetto “Action Plan” europeo. Infatti nella delibera AGCOM 231/18, a pagina 16 è scritto testualmente:

«In tale contesto si è inserita la legge di bilancio 2018, che ha posto l'obiettivo nazionale di una accelerazione verso lo sviluppo dei sistemi 5G... Al momento, l'Italia risulta essere il primo Paese in Europa chiamato a definire procedure di assegnazione di tutte le bande pioniere congiuntamente con l'obiettivo di favorire una tempestiva transizione verso i sistemi 5G, in linea con quanto sopra descritto in merito agli obiettivi dell'Action plan della Commissione e alle più recenti indicazioni in ambito comunitario...».


8.2.20

TRAFFICO DI ORGANI UMANI IN EUROPA!




di Gianni Lannes


Il dramma è sotto gli occhi ciechi di tutti, tanti, troppi, alla voce indifferenza. Nel vecchio continente, da tempo, ogni anno, svaniscono nel nulla migliaia di minori, mentre diminuiscono sempre più i donatori spontanei di organi umani. Secondo il ministero dell'interno, soltanto in Italia, sono scomparsi e mai più ritrovati, dal 1974 al 2019, oltre 44 mila tra neonati, bambini e adolescenti. Non a caso, l'interrogazione parlamentare a risposta scritta numero 4/0225 del 4 febbraio 2016, inviata da tre senatori indipendenti - sulla base di una mia inchiesta - ai ministri dell'interno Angelino Alfano e degli Esteri Paolo Gentiloni (che peraltro ha fatto carriera in Europa grazie al dono alla Francia di una fetta italiana di mare), sotto l'esecutivo di Matteo Renzi, non ha mai avuto una risposta dal governo italiano ("iter in corso" alla data odierna dell'8 febbraio 2020).


Altra singolare coincidenza: una dozzina di paesi europei non hanno aderito alla Convenzione del Consiglio d'Europa sul traffico di organi umani, tra cui Germania, Islanda, Liechtenstein, Monaco, Paesi Bassi, Slovenia, Svezia, San Marino, Romania, Ungheria e così via. Anche il Vaticano risulta latitante, nonostante i vuoti proclami di Papa Bergoglio, mentre l'Italia dopo 5 anni non l'ha proprio ratificato questo accordo internazionale.

INQUINAMENTO: GIANNI LANNES IN PARLAMENTO E GOVERNO LATITANTE!


 di Letizia Ricci

Tema: inquinamento in Italia. Sulla base di una documentata inchiesta giornalistica di Gianni Lannes, ben 56 senatori di maggioranza del movimento 5 stelle al governo con il partito democratico, tra cui Nicola Morra, presidente della commissione parlamentare antimafia, il 31 luglio 2019 hanno indirizzato ai ministri dell'ambiente e della salute, l'interrogazione a risposta scritta numero 4/02049. A tutt'oggi, dopo quasi 7 mesi, non è giunta alcuna risposta governativa, segno evidente che la salute della popolazione italiana non interessa proprio al governo di Giuseppe Conte. I governanti hanno paura della verità che smaschera le falsità propinate all'opinione pubblica dalle istituzioni statali?

Fonte:
 


Riferimenti:





7.2.20

MACELLERIA DI MINORI IN ITALIA: MATTARELLA TACE!



di Gianni Lannes

La verità non fa sconti a nessuna autorità. Ben 4 anni fa, con la pubblicazione del mio libro di inchiesta BAMBINI A PERDERE (Luigi Pellegrini editore, Cosenza, 2016) avevo scritto personalmente al capo dello Stato italiano, Sergio Mattarella, sottoponendogli fatti e dati incontrovertibili, non opinioni. L'inquilino del Quirinale ha tanto a cuore la situazione dei bambini, che non solo non ha mai risposto, ma purtroppo non ha fatto nulla in suo potere a quanto è dato sapere pubblicamente, per contribuire ad arrestare la gravissima condizione dell'infanzia nel belpaese, dove i minori sono vittime di ogni genere di violenza. Troppo indaffarato, distratto o semplicemente disinformato? I pargoli in Italia non sono una priorità per le preposte e lautamente remunerate autorità? Eppure lo Stato italiano ha ratificato la Convenzione sui diritti del fanciullo nel 1991, mediante legge 27 maggio  numero 176. Anche il governo Conte (1&2) non risponde a numerosi atti parlamentari. L'ipocrisia generalizzata regna sovrana, mentre i mass media e gran parte dei giornalisti, incluso il supremo ordine nazionale della categoria fanno finta di niente. 

IL GOVERNO CONTE BIS CONDANNA A MORTE TARANTO



di Gianni Lannes

Cancro di Stato. Crimini contro l'umanità inerme. Speculazioni sulla pelle di chi si è appena affacciato alla vita. Accade in Italia, precisamente in Puglia, esattamente nella martirizzata Taranto. Chi espone i bambini e migliaia di adulti ad un rischio sanitario conclamato ed inaccettabile? Il pericoloso, inquinante e fallimentare impianto Ilva di Taranto doveva essere disattivato dall'esecutivo Conte, invece lo stava spegnendo addirittura Mittal. E dire che i grillini, avevano incentrato la loro campagna elettorale, pur di fare incetta di voti, promettendo la chiusura definitiva della disastrosa acciaieria. Alla prova dei fatti, una menzogna vergognosa che dovrebbe provocare le dimissioni immediate dei pentastellati dal parlamento, dall'esecutivo nonché dal consesso civile.

5G: TECNOLOGIA LETALE?

 


di Gianni Lannes


Cos’è il 5G? Il passaggio dalla democrazia alla tecnocrazia? L'invenzione finale, anzi la catastrofe ultima, per annichilire l'umanità e Gaia? È forse un'arma insospettabile, a dir poco micidiale, con frequenza d'assalto, oltre che un lauto affare di livello mondiale, utile anche a controllare e sorvegliare il genere umano? Vi dice niente il MUOS di Washington installato abusivamente in Sicilia? E il Livermore National Laboratory cosa vi suggerisce? Quali vantaggi apporterà al genere umano ed al pianeta Terra e quali conseguenze sanitarie?  La salute umana ed ambientale sarà in pericolo? Perché non viene applicato e fatto valere concretamente il principio di precauzione? In sintesi: è la quinta generazione di una tecnologia che irradia un segnale elettromagnetico pervasivo e onnipresente (microonde), che cambierà le nostre vite, ma in meglio o in peggio? Fra qualche anno si è stimato che ci saranno un milione di dispositivi connessi per ogni chilometro quadrato di territorio.

Già 38 anni fa, in Italia, l'allora ministero della Sanità, mediante la circolare numero 69 (intitolata “Radiazioni non ionizzanti. Protezione da esposizione a campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde. Informativa generale in vista di una prossima normativa settoriale”), datata 12 novembre 1982, avvertiva del pericolo:

«Dall'insieme degli studi condotti in vitro o su animali, nonché degli studi epidemiologici condotti su popolazione esposta alle radiazioni elettromagnetiche RF e MW, si può desumere che i probabili effetti clinici dannosi all'uomo sono:- danni alla vista: cataratte ed altre lesioni retiniche;- influenza sul S.N.C.;- modificazioni biochimiche;- effetti psicologici;- mutazioni ematiche a carico degli elementi figurati e instabilità nell'emivita leucocitaria;- alterazioni del sistema cardiocircolatorio... L'attuale rapida espansione di apparati in grado di emettere o disperdere NIR, nell'ambito delle molteplici e tra loro diverse applicazioni, pone senza dubbio problemi sanitari per quanto attiene la protezione da simili radiazioni. Va innanzitutto osservato come sia convenientemente trattare l'esposizione a queste radiazioni, come già in uso per le radiazioni ionizzanti, considerando separatamente l'influenza che l'uso delle NIR può avere nei confronti:- dell'individuo della popolazione - dell'individuo professionalmente esposto... La presenza, nell'ambiente, di radiazioni elettromagnetiche a RF e a MW di intensità apprezzabili, in taluni casi anche a livelli potenzialmente significativi dal punto di vista sanitario per le popolazioni esposte, rappresenta un problema la cui dimensione è andata sempre crescendo negli ultimi cinquanta anni. Anzi se si paragona la situazione odierna con quella esistente meno di un secolo fa, quando cioè la radiazione elettromagnetica presente nell'ambiente era esclusivamente quella naturale, non si può non sottolineare il radicale mutamento dell'ambiente per quanto attiene questo particolare aspetto;attualmente infatti, l'intensità del fondo elettromagnetico naturale a RF e a MW è del tutto trascurabile rispetto all'intensità di radiazione prodotta alle attività umane... a) Il settore delle telecomunicazioni e delle radiocomunicazioni è quello che più di ogni altro contribuisce attualmente ad elevare il livello di inquinamento elettromagnetico ambientale, sopratutto nell'ambito delle aree urbane».



6.2.20

SCIE BELLICHE NEL CIELO!

  

Prefazione

di Luisa Piarulli*
 
Il titolo del libro “Perché le scie degli aerei diventano nuvole?” propone una domanda, una semplice domanda che prima incuriosisce, poi, ad un’osservazione attenta dell’immagine, una fotografia dello stesso autore, alimenta una certa inquietudine. Le scie che si incrociano nel cielo azzurro sembrano formare una rete nel cielo di Berlino. Una rete che metaforicamente imprigiona il cielo e l’aria, soffoca, rompe una possibile armonia, mentre i rami degli alberi sembrano volti al cielo, come imploranti, quasi presagendo un pericolo. I riflessi del sole sono bagliori di luce, ingannevoli e, chissà perché, mi torna in mente il mito della caverna di Platone. Il paesaggio evoca un'atmosfera quasi surreale, pervaso da un silenzio che turba l'aria stessa, come in attesa di qualcosa di indefinito. Non ci sono persone e ciò inquieta oltremodo, invia a uno scenario che ha un che di spettrale. Dove sono le persone? Probabilmente stanno dentro le quattro mura delle loro case, indaffarate o assopite nel loro quotidiano, ignare. Impossibile non provare pena per loro.

ITALIA: AZZARDO MULTINAZIONALE



 
di Gianni Lannes

Ecco la vera epidemia. Una droga per tutti che provoca malattia sociale dilagante. Alienazioni di massa? La solita banalità del male, tollerata, anzi incentivata dai governanti sempre più eterodiretti dall'estero, tesa ad incrementare l'usura e la dipendenza patologica. La pubblicità in vetrina su Internet con le donne esibite, incanta anche i minorenni, sempre più rapiti dalle app telefoniche che ingrassano oltretutto le casse delle organizzazioni criminali. Soldi, tanti quattrini facili benedetti dalle massime autorità fino al festival di Sanremo. In compenso l'etica collettiva è pari a zero, al pari dell'esempio diseducativo su scala nazionale. Un'illusione per truffare “legalmente” milioni di individui e traviarli psicologicamente, inclusi i minori. Accade in Italia, con il beneplacito delle istituzioni e le speculazioni delle multinazionali internazionali. Le mafie ringraziano per tanta grazia nel belpaese, mentre  lo Stato alimenta le patologie psicologiche e psichiatriche di moltitudini di cittadini.


4.2.20

NELL'AMORE C'E' BELLEZZA E ARMONIA!

foto Gilan


di Gianni Lannes


Ho visto Ros, una donna dalla vitalità straordinaria, prima spegnersi lentamente e poi morire rapidamente, allontanarsi da questa dimensione terrena, mentre il suo corpo si consegnava al grande mistero che circonda tutti noi. «A che cosa serve la vita?» mi chiedono ora con silenziosa insistenza i nostri due bambini. Con che parole si esprime il vuoto lasciato da una persona cara? Quanta vita c'è oltre lo strappo della morte? 

Raccontare questa storia terribile è come sputare il veleno di una vipera, liberarsi dalle tossine, alleggerire il peso zavorrato, ricordare i giorni vissuti con il vento contro.
Se dovessi dire chi era la mia giovane moglie, allora confermo: un essere umano non comune, una madre affettuosa, una compagna dolcissima, una sublime insegnante. Lei sorrideva sempre con generosità alla vita e, al contrario di molti, era una donna altruista che faceva qualcosa di buono per gli altri in una terra difficile. Ros si è presa cura di tanti giovani a scuola, lasciando in loro un segno indelebile. Alcuni di loro mi scrivono a distanza di tempo. Ricorderanno una frase, un monito, forse una carezza o un affettuoso rimprovero. Ros era una professoressa appassionata, una pedagogista di quelle che lasciano il segno per sempre. Lei non poteva fare altro che l'insegnante: era la sua vocazione missionaria. Gli insegnanti, quelli più bravi di tutti, da sempre si prendono a cuore gli ultimi, i disadattati, i difficili, i figli dei poveri e persino dei delinquenti.

Perché il cancro alla testa ha colpito proprio lei? Perché la vita ci ha voluto ferire con tale ferocia? Tutto era già scritto, tutto era previsto? Tutto, proprio tutto? Ros aveva una sensibilità profonda unita alla tenerezza, ed un'intelligenza strategica non comune. Il suo spiccato senso della dignità era la sua nuda umanità.

Il 19 febbraio dell'anno 2019 vennero in tanti al suo funerale. Ros era dovuta morire nel dolore, senza mai un lamento, per raggrupparli tutti. In quei giorni prevaleva in me l'assoluta incredulità. In quei momenti pensavo che mi sarebbe scoppiato il cuore. Una cosa è certa: non dimenticherò mai più gli sguardi cinici di alcuni medici. Adesso cerco di tenere a bada la rabbia, anche il rancore che torna sempre più forte nei confronti di tre squallidi parenti approfittatori, nonostante abbia provato a disinnescarlo più volte. Non riesco a perdonare.

Trovata e perduta. Possono una donna e un uomo amarsi per tutta la vita e anche oltre? Nulla o nessuno potrà mai dividerci o separarci: non la morte né il tempo o chicchessia. Certe notti sogno che è viva, accanto a me. E ne sono felice. Mi sembra di realizzarli ad occhi aperti quei rari sogni. È come se provassi fortissimo quel sentimento d'un tempo. Poi al risveglio l'amara delusione onirica. La luce di Ros proviene dalle stelle.

In un mondo dove ormai quasi tutto è finto, Ros era autentica in senso puro. La sera del 23 gennaio di ritorno da Udine, dopo l'ultima visita del neurochirurgo ci fermammo a dormire in Veneto. I suoi occhi quella sera erano particolarmente espressivi, più luminosi del solito. Ero stato fortunato a vivere con lei tutti quegli anni. Sentivo che l'avrei persa da un momento all'altro, così ogni attimo sembrava durare di più, ogni azione era più profonda di prima. Ma era solo un'illusione. Di quel nostro ultimo viaggio rimangono soltanto le foto che la ritraggono nella visita alla casa del Petrarca ad Arquà e cristallizzano il ricordo.

C'è stato un momento in cui Ros sembrava risorgere dopo l'operazione di rimozione del primo glioblastoma, riacquistare vigore, tornare a sorridere con vitalità inaudita.

"Papà ci manca mamma", ripetono ogni giorno all'unisono i nostri cuccioli. Lei è il centro della vita di tutti noi, è il cuore che batte nel nostro, è il nostro sguardo sull'esistenza, è la visione del presente che diviene futuro. Non potremo mai dimenticarla, perché lei vive in noi a testimonianza della capacità inesauribile di rialzarci e andare avanti. I rapporti con chi ci ha amato, continuano a sostenerci, anche quando sono apparentemente interrotti. Questo legame indissolubile ci permette di vedere, a distanza di tempo, che in tutto vive la bellezza, in tutto aleggia l'armonia. Soltanto l'amore ha senso. Il senso della vita è l'amore.