20.9.23

ITALIA: BAMBINI! IN VENDITA!

  

foto Gilan

di Gianni Lannes

Invisibili? Eppure, piccoli schiavi senza frontiere.  Ecco l'orrore nostrano che tanti fingono di non vedere o sapere, nella smemoratezza nazionale. Ben 1.318 pargoli mancano all'appello, ovvero sono ufficialmente scomparsi da noi nell'agosto scorso. Allontanamenti volontari? Dove sono finiti? In Italia ben 22.599 minori senza genitori, provenienti dall'estero (paesi in guerra o dove dominano la fame, la violenza e lo sfruttamento disumano) risultano presenti nella cosiddette “strutture di accoglienza” alla data del 31 agosto 2023 (rapporto Ministero politiche sociali); circa il 2 per cento di essi ha un'età che varia da 0 a 6 anni. Come può un bimbo o un ragazzo straniero appena approdato nel giardino d'Europa, mettere le ali da solo? Una volta, negli anni '80 e '90, dall'Italia si andavano a predare bambini in Sudamerica col pretesto delle adozioni internazionali e non solo, come fu acclarato nel 1993 in Brasile. L'esistenza a livello mondiale del traffico illecito di organi umani ai fini di trapianto ed espianto, è un fatto indiscutibile e incontrovertibile. 

Ogni anno proprio in Italia entrano clandestinamente o alla luce del sole migliaia e migliaia di minori. Molti di loro entrati nello Stivale, spariscono nel nulla,. Da noi imperversano da almeno tre decenni alcune organizzazioni criminali nazionali e internazionali – protette a livello istituzionale – che commerciano la pregiata “merce umana”. Questi minori cosiddetti “extracomunitari” non sono alieni, bensì esseri umani. Essi valgono tantissimo per i trafficanti: ad un primo livello vengono sfruttati dal racket dell'accattonaggio, venduti a peso per adozioni illegali, ceduti ai pedofili, e sempre più in alto nella scala degli orrori, i più sani diventano – loro malgrado – fornitori a perdere di organi umani da espiantare in favore di chi ha i soldi e non giace nelle chilometriche liste d'attesa dell'Unione europea. Soltanto trapianti o anche espianti?

Il Corriere della Sera, 25 marzo 1992


A tutt'oggi, dall'anno 2015 l'Italia non mai ratificato la Convenzione del Consiglio d'Europa contro il traffico di organi umani, alla stregua della Germania, dell'Olanda e dello Stato del Vaticano, nonostante si siano susseguiti numerosi governini tricolore (Renzi, Gentiloni, Conte, Draghi, Meloni). Almeno dal 1993 (mozione e risoluzione dell'Ue) l'Italia è accusata di trafficare bambini. Dopo 7 anni e 7 mesi, Palazzo Chigi non ha ancora fornito una risposta all'interrogazione parlamentare 4/05225 del 2016, presentata da tre senatori indipendenti. Infine, a conti fatti, secondo il Viminale, sempre in Italia, dal 1974 ad oggi, sono spariti e mai più ritrovati quasi 50 mila minori, gran parte italiani. Dove sono finiti? Chi ora nega l'evidenza è un cieco o un criminale? Questi sono gli interrogativi che dovrebbero animare l'attenzione politica, sociale, giornalistica e giudiziaria in un Paese civile.



LA SCUOLA NON E' UNA PRIGIONE!

 

foto Gilan


di Gianni Lannes

Come cambia adesso - sotto il governino Meloni - la scuola tricolore: condotta e bocciature sicure. Il motto riverniciato dal modernismo liberista neofascista è sempre "dio, patria, famiglia". Più burocrazia, ma per quale merito? Nella giornata del 18 settembre 2023 il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge per revisionare la valutazione del comportamento delle studentesse e degli studenti. Ecco quanto riportato in una nota del ministero dell’Istruzione e del Merito, in relazione alla nuova rilevanza data al voto in condotta. Il cosiddetto merito fa rima con passività e subordinazione, ma non è più il tempo dell'obbedienza, come ha insegnato a suo tempo don Lorenzo Milani.

18.9.23

STRAGE DI BOLOGNA: BUCHI NERI!

 


di Gianni Lannes

Uno scenario internazionale con depistaggio nazionale: una punizione esemplare contro la doppia politica italiana. Ustica: messaggio non recepito. Bologna: messaggio compreso da chi doveva essere capito. La connessione dell'anno 1980 non è solo temporale ma geopolitica.




I conti non tornano. Esplosivi incivili e inneschi militari. Era un sabato il 2 agosto 1980, quando alle 10.25 nella sala d'aspetto della stazione di Bologna, esplosero due bombe, non una. Esecutori e mandanti, nonostante i numerosi processi risultano ancora pubblicamente sconosciuti? Perché? 85, 86 o più morti e 200 feriti (molti invalidi a vita). Per quale ragione il conteggio ufficiale delle vittime è ancora impreciso? Che fine ha fatto il corpo di Maria Fresu vicino al secondo ordigno? Perché il sacco numero 56 seppellito in tutta fretta al cimitero felsineo della Certosa conteneva 3 diversi piedi destri e uno sinistro? Come mai chi ha ordinato la strage non è mai stato sfiorato dalla giustizia tricolore, nonostante i noti depistaggi del Sismi e gli impistaggi in denaro della P2 foraggiata dagli USA? I governini italiani, a partire dal telecomandato esecutivo targato Cossiga, la verità l'hanno sempre saputa, ma pur di mantenersi al potere per conto di Washington, hanno volutamente sacrificato la vita di tante ignare persone, bambini inclusi.

Giuseppe Valerio Fioravanti (Rovereto, 28 marzo 1958) e Francesca Mambro (Chieti, 25 aprile 1959) sono i due terroristi esponenti di spicco del gruppo eversivo d'ispirazione neofascista Nuclei Armati Rivoluzionari, protagonisti di una stagione di violenze e omicidi terminata solo con il loro arresto, rispettivamente nel 1981 e nel 1982. I due, sposati dal 1985, sono stati riconosciuti come gli esecutori della strage di Bologna e condannati all'ergastolo. Non si sono mai pentiti e risultano liberi, nonostante i rispettivi 8 e 9 ergastoli sul groppone.

MANIPOLAZIONE DEL CLIMA!

 


 

di Gianni Lannes

Modificazioni artificiali segrete del clima in atto sistematicamente nell'Unione europea dal 2002. Il tempo meteorologico è un'arma insospettabile, in uso da tempo. Non a caso esiste dal 1978 la convenzione Enmod dell'ONU (ratificata dalla legge italiana 962 del 1980) che vieta, almeno sulla carta, la guerra ambientale. Il 30 giugno 2023 gli Stati Uniti d'America - che in base a un documento dell'US Air Force risalente al 1996 intendono conquistare il clima entro il 2025 - hanno pubblicato un rapporto nel quale vengono definite le premesse di un programma di ricerca sulla cosiddetta “riduzione della radiazione solare”. È significativo che la Casa Bianca sottolinei l’importanza di possedere “la capacità di rilevare qualsiasi implementazione globale o regionale di Srm”. La geoingegneria - in fase di sdoganamento avanzato (alla voce finestra di Overton) - non è innocua o neutrale, ma un paravento per mascherare una corsa senza limiti a nuove armi - sperimentate da decenni - che sfruttano l'ambiente naturale.

Pescara (17 settembre 2023) - foto Gilan

Singolare coincidenza: il 28 fine giugno 2023 la telecomandata Commissione europea ha proposto di affrontare il tema della geoingegneria, un termine ombrello che racchiude diverse pratiche per la manipolazione del clima della Terra e l’inversione del mai dimostrato riscaldamento globale. A proposito: la più grave alterazione del clima è stata provocata mediante le esplosioni di bombe nucleari (USA, URSS, Gran Bretagna, Francia, Israele e così via). Il controllo bellico del clima serve a dominare e schiavizzare l'umanità?



17.9.23

PERCHE'?

 

(Uscita: novembre 2023)

 Il perché contiene il chi. Un mezzo internazionale di coercizione politica: un attentato alla libertà, più che l'uccisione di 166 persone, senza contare i testimoni assassinati (incluso il ministro Bisaglia e suo fratello, solo per citarne due dei tanti) in seguito affinché non rivelassero la verità indicibile, ancora oggi, dopo ben 43 anni. Un messaggio reiterato che nel 1980 il telecomandato esecutivo italiano non ha voluto comprendere, impegnato a realizzare affari nucleari con Iraq, Pakistan e Libia in cambio di petrodollari. Chi c'è operativamente dietro questo duplice crimine impunito? Washington, Tel Aviv, Tripoli e Parigi: le stragi di Ustica e Bologna, strettamente connesse non solo temporalmente, ancora ufficialmente senza un perché, rimandano all'estero (Cia, Mossad, Sdece), l'identità dei mandanti, ancora oggi coperta (a mezzo di segreti istituzionali e ragion di Stato) da tutti i governi tricolore (da Cossiga a Meloni), in ambito politico, grazie anche ai depistaggi e ai sabotaggi militari operati dagli apparati di sicurezza nazionale (Sios Aeronautica, Sismi &Sisde, poi Aisi&Aise). Un fatto inequivocabile: l'Italia è priva di sovranità e indipendenza. A proposito: i passeggeri del DC9Itavia non dovevano salvarsi: guai se fosse rimasto vivo anche un solo testimone oculare, come il giovane carabiniere Giuseppe Cammarata (che da solo in mare tentò di arrestare l'emorragia all'arto destro, con un piede tranciato). E ciò spiega le mancate autopsie su tutti i 42 corpi recuperati nel Tirreno (in prossimità del punto Condor, segnalato dal comandante Sergio Bonifacio nel suo rapporto sulla ricognizione di soccorso del Breguet Atlantic italiano). I crimini contro l'umanità non vanno mai in prescrizione.

Gianni Lannes


16.9.23

SCIE DI GUERRA: L'ALTERAZIONE SEGRETA DEL CLIMA

 



MASCHERINE ANTIVIRUS: INUTILI E DANNOSE ALLA SALUTE!

 


 

Inutili e dannose alla salute ambientale e umana. Non vi è alcuna evidenza scientifica sul fatto che indossare le mascherine – i cosiddetti dispositivi di protezione individuali delle vie respiratorie – riduca la diffusione delle malattie virali, incluso il Covid-19. È quanto sostiene una delle ricerche comparate più ampia, pubblicata il mese scorso e condotto per Cochrane, un’organizzazione no profit britannica, considerata il punto di riferimento per eccellenza della revisione dei dati sanitari e degli studi scientifici. Lo studio conferma peraltro ciò che è stato chiaramente osservato negli Stati Uniti: gli Stati che hanno imposto l’obbligo di mascherina non hanno ottenuto risultati migliori, in termini di riduzione dei contagi, rispetto agli Stati che non hanno imposto l’obbligo. Di conseguenza, sembrerebbe che l’imposizione dei dispositivi individuali delle vie respiratorie sia stata inutile se non fallimentare. Secondo Jefferson – che ha condotto lo studio insieme ad altri 11 colleghi – nemmeno il tipo di mascherina impiegata, N95 o FFP2, risulta determinante ai fini del contenimento dell’infezione: «Non fa alcuna differenza, niente di tutto ciò», ha affermato. E riguardo agli studi che inizialmente hanno persuaso i governi a rendere obbligatorio l’uso delle mascherine, l’epidemiologo di Oxford ha affermato che «sono stati convinti da studi non randomizzati, studi osservazionali imperfetti».

Riferimenti:

https://www.cochranelibrary.com/cdsr/doi/10.1002/14651858.CD006207.pub6/epdf/full

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=mascherine

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=covid


15.9.23

STRAGE DI USTICA: DOCUMENTI ANCORA SEGRETI

 


di Gianni Lannes

Il ministero della Difesa ammette: "7 documenti non sono ancora declassificati". In realtà sono molti di più. E quelli resi pubblici sono scartoffie sbianchettate. Non è vero, dunque, che tutto il contenuto degli archivi itali relativi alla strage impunita era ormai noto e declassificato. Al ministero della Difesa ci sono almeno 18 documento ancora classificati: 11 sono stati consegnati alla procura di Roma i, 28 settembre 2020, 7 invece sono tuttora blindati dal massimo livello di segretezza. Lo Stato italiano, o meglio il governo Cossiga ha lasciato ammazzare 81 persone. E gli inquilini successivi di Palazzo Chigi hanno mantenuto il segreto fino ai nostri giorni.

https://www.ansa.it/lazio/notizie/2023/09/15/sette-documenti-difesa-su-ustica-non-ancora-declassificati_e1d718b3-4226-437c-b9c3-c56ce015940d.html

STRAGE DI USTICA: BALLE SU GHEDDAFI!

 



di Gianni Lannes

Ancora bugie sulla falsariga di Cossiga. La più inossidabile delle menzogne per occultare la presenza attiva United States of America nell'atto terroristico. Parola dell'ex presidente del Consiglio Giuliano Amato, pubblicate il 2 settembre 2023 sul quotidiano la Repubblica: "V'era un piano per eliminare Gheddafi, ma il missile colpì il Dc9" (sottotitolo). Nell'intervista Amato ha dichiarato: "Si voleva fare la pelle a Gheddafi, in volo su un Mig della sua aviazione. E il piano prevedeva di simulare una esercitazione della Nato, con molti aerei in azione, nel corso della quale sarebbe dovuto partire un missile contro il leader libico: l'esercitazione era un messa in scena che avrebbe permesso di spacciare l'attentato come incidente volontario. Gheddafi fu avvertito del pericolo e non salì sul suo aereo. E il missile sganciato contro il Mig libico finì per colpire il Dc9 dell'Itavia che si inabissò con dentro 81 innocenti... Avrei saputo più tardi - ma senza averne prova - che era stato Bettino ad avvertire Gheddafi del pericolo nei cieli italiani". Perché ad Amato è tornata la memoria (si fa per dire!) proprio ora, dopo 43 anni?

Se non fosse una tragedia sarebbe una sgangherata commedia quella recitata dal dottor sottile e prima ancora da Cossiga. Il volo fantasma di Gheddafi da Tripoli a Varsavia è la leggenda metropolitana - inventata dal Sismi e dal Sios Aeronautica - più gettonata. Ovvio per i servizi segreti tricolore che si toglievano così dall'impaccio: era lui il vero obiettivo e non il DC9 Itavia; si è trattato di un errore. 

Ogni volta che si compie un passo verso l'indicibile verità, salta subito fuori Gheddafi e il Mig 23 (monoposto) fatto trovare sulla Sila, a Timpa della Magare. In realtà, nei pressi di Castelsilano la sera del 27 giugno 1980 precipitò un F14 (Tomcat) biposto, piantonato dai militari italiani giunti da Cosenza all'alba del 28 giugno e fatto sparire in brevissimo tempo.

USTICA E BOLOGNA: DUE STRAGI SENZA VERITA'

 

(Pubblicazione: novembre 2023)

 di Gianni Lannes

Sotto gli occhi del mondo. La sera del 27 giugno 1980 un aereo civile (il DC9 Itavia) partito da Bologna con ritardo e diretto a Palermo, finisce nel Mar Tirreno, tra le isole di Ponza e Ustica. La mattina del 2 agosto dello stesso anno esplode la stazione di Bologna. Durante quell'estate rovente, 166 persone, tra cui bambini, vengono uccise. Ancora oggi non è stata ancora chiarita la ragione né i mandanti sono stati scoperti. Perché? Qual è il movente? Esiste una relazione tra le due stragi, tra le più sanguinose e politicamente determinati della storia repubblicana del Belpaese eterodiretto dall'estero.

Alla luce della logica, allineando fatti, documenti e testimonianze, nonostante i depistaggi nazionali e internazionali, nonché l'eliminazione cruenta di prove e testimoni, emergono le responsabilità politiche e in second'ordine militari, mai portate all'attenzione dell'opinione pubblica. Come mai dopo 43 anni questo segreto di Stati (alleati) e multinazionali dell'impunito potere criminale è ancora indicibile? Perché lo Stato italiano, o meglio i governini tricolore - dal 1980 al 2023, da Cossiga a Meloni - garantiscono il segreto a tripla mandata e mandano in scena farsesche commissioni parlamentari, sbianchettando al contempo carte insignificanti (Renzi docet)? Giochi di guerra in tempo di pace? Le vittime sono state volutamente sacrificate dai telecomandati governanti italiani per tutelare nebulosi affari a danno dell'ignara popolazione, o simili condotte istituzionali di evidente stampo terroristico rispondono a perversi equilibri geopolitici di sudditanza tricolore verso Washington, Londra, Parigi e Tel Aviv? L'Italia è priva di sovranità? Chi ha deciso che tutte quelle persone, inclusi neonati, dovevano solo morire? In ogni caso, tali tragiche vicende gettano ancora ombre sul presente e inquinano il futuro dell'Italia. Allora, sapere per capire, perché in uno Stato di diritto, in una democrazia compiuta, insomma in un Paese civile, contano gli interrogativi e la verità. Un giornalista ha sempre il dovere etico di fare luce.




SCIE DI GUERRA: L'ALTERAZIONE SEGRETA DEL CLIMA

 

 


14.9.23

NUOVO CORONAVIRUS: FUGA DA UN LABORATORIO!

 


di Gianni Lannes

A tutt'oggi nessun laboratorio al mondo ha ancora isolato il cosiddetto Sars CoV-2 o identificato le modalità di trasmissione del nuovo coronavirus. Eppure, con buoni 3 anni di ritardo il NY Post scopre l'acqua calda. Il cosiddetto Sars Cov-2 si dileguò da un laboratorio. Fu la CIA a pagare sei analisti per insabbiare la verità. La vecchia notizia viene ora confermata dal NY Post: gli esperti avrebbero ricevuto denaro per diffondere la «contro-verità» dello «spillover», ossia il famigerato salto di specie - inventato a tavolino - dall’animale (pangolino) all’essere umano. 

USTICA E BOLOGNA: DUE STRAGI SENZA VERITA'

 

Vittime strage di Ustica (27 giugno 1980)

 Nell'estate dell'anno 1980: Giuseppe Diodato aveva compiuto 10 mesi e Angela Fresu appena 3 anni. Dinanzi all'assassinio di un solo bambino, in ogni bimbo muore per sempre un mondo.

Pretendiamo la verità su tutte le stragi che hanno insanguinato impunemente l'Italia!

Gianni Lannes





STRAGI IN ITALIA: IO SO...!

  


Il Corriere della Sera, 10 novembre 1974


di Gianni Lannes

C’era una volta Pier Paolo Pasolini. Anima sensibile e corsara che vedeva oltre l'orizzonte comune, cogliendo l'opprimente realtà dell'Italia ridotta a colonia anglo-americana. Nel testo scritto durante il 1972 contenuto nel romanzo postumo Petrolio - che Garzanti non volle pubblicare e mandò in stampa poi l’Einaudi, Pasolini aveva annotato, ben 8 anni prima della strage di Bologna:

«La bomba è fatta scoppiare: un centinaio di persone muoiono, i loro cadaveri restano sparsi e ammucchiati in un mare di sangue, che inonda, tra brandelli di carne, banchine e binari (…)». 

L'ordigno, infatti, viene piazzato nella sala d'attesa della stazione di Bologna. La strage viene descritta come una “visione”.

SCIE DI GUERRA: L'ALTERAZIONE SEGRETA DEL CLIMA

 


 


TERRORISMO COVIDIOTA!

 


Parola del vaccinologo venduto alle multinazionali vaccinali che ha spacciato un siero sperimentale per vaccino. Se lo dice lui allora sarà vero?

https://www.ansa.it/liguria/notizie/2023/09/13/bassetti-e-lora-di-dire-basta-al-terrorismo-covid_3cdeb584-9dd2-47d2-b62b-ed3dba16ebf7.html

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=covid

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=bassetti

SEGRETI DI STATO IN ITALIA!

 



 di Gianni Lannes

43 anni senza verità contro un muro di menzogne statali, militari e intercontinentali. I governi italiani (da Cossiga a Prodi e Berlusconi, fino a Conte, Draghi, Renzi e Gentiloni, inclusa la Meloni) non hanno mai revocato il segreto di Stato, che quando anche annunciato o decretato al massimo risulta sbianchettato. Il 27 giugno 1980 si consumava la strage di Ustica, poi in sequenza, il 2 agosto mandavano in onda la strage di Bologna. Entrambe ancora senza giustizia in uno Stato di diritto teorico a sovranità azzerata dal 1943. Anche a Beirut correva l’anno 1980, il due settembre. Quel giorno Graziella De Palo (24 anni) ed Italo Toni (50 anni) sono stati eliminati senza pietà. Due ricercatori della verità al prezzo della vita, sono stati inghiottiti dal buco nero del traffico di armi, orchestrato dallo Stato italiano.  Questi temerari giornalisti free lance, liberi e indipendenti, sono stati assassinati da terroristi palestinesi, grazie alla copertura del Sismi. Nonostante sia scaduto ampiamente il termine temporale di validità del segreto di Stato, confermato espressamente nel 1985 dall’allora primo ministro Bettino Craxi, i governi italiani, in particolare l’esecutivo Berlusconi e quello Monti,  non hanno disposto l’apertura dell’archivio blindato anche ai familiari. L’imbarazzante vicenda (un duplice omicidio con mandanti altolocati nelle sfere di potere ancora al comando) è troppo scottante, anzi destabilizzante per il sistema di potere imperante nello Stivale a stelle e strisce, perfino a questa distanza temporale. Come ben sapeva Giulio Andreotti (organico a Cosa Nostra fino al 1980, come ha stabilito inequivocabilmente la Cassazione nel 2004, dopo è scattata la prescrizione dei reati). L’attuale presidente del Copasir (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) è Massimo D’Alema, già noto in qualità di “premier” per i bombardamenti nell’ex Jugoslavia (anno 1999). L’ex comunista D’Alema, si è limitato a presentare una cosiddetta riforma dell’intelligence tricolore. In sostanza: più poteri di controllo per il Copasir, anche sul segreto di Stato, piano di rafforzamento del ruolo del Dis, alta attenzione alla minaccia cibernetica. Ma questa è un’altra storia.


Ilaria Alpi e Miran Hrovatin



CHI HA UCCISO GHEDDAFI E PERCHE'?

  




di Gianni Lannes

Chi ha ordinato la barbara uccisione di Muammar Gheddafi e perchè? Le piste investigative portano in Francia, anche se qualcuno in Italia blatera sciocchezze. Ancora oggi non si conosce il nome dell'assassino che gli ha sparato a bruciapelo il 20 ottobre 2011, in mezzo al caos dei ribelli eccitati dalla cattura. Una vera esecuzione ben pianificata. L'unica certezza è che il cerchio attorno a Gheddafi si è chiuso grazie all'intervento di droni, elicotteri, caccia della Nato , nonché di una squadra di militari stranieri infiltrati. Una cosa è certa: a guadagnarci sono stati Francia, Gran Bretagna e USA. La morte violenta del noto leader arabo doveva apparire come un affare interno e non invece come un complotto di potenze occidentali.

LIBIA: CATASTROFE PROGRAMMATA!

 



Sequenza letale nel Nordafrica: prima la Libia, poi il Marocco. Catastrofe umanitaria in Libia dopo il disastro alluvionale di sabato scorso causato dal passaggio del cosiddetto ciclone Daniel. Le vittime potrebbero essere addirittura 20 mila secondo le stime riportate dal centro medico libico Al-Bayda: il mare continua a restituire decine di corpi senza vita sulla costa, ma molte vittime giacciono ancora sulle strade e sotto le macerie anche sull'entroterra. Ci vorrà dunque molto tempo prima di avere un bilancio definitivo di questa catastrofe. La situazione ora diventa drammatica anche sul fronte sanitario, dal momento che ad esempio sta scarseggiando l'acqua potabile, mentre quella che sta ancora ristagnando in diverse zone si sta facendo putrida. L'Organizzazione internazionale per le migrazioni in Libia ha dichiarato che almeno 30 mila persone sono sfollate a Derna, oltre 6000 in altre zone colpite da Daniel tra cui Bengasi, dove il numero di vittime non è ancora stato stimato. Fino ad ora sono stati ritrovati i corpi di circa 6 mila persone solo nella città di Derna, ma i dispersi sono ancora migliaia e si teme che il bilancio complessivo delle vittime possa superare la terrificante quota di 10 mila. Non solo Derna è stata colpita da piogge eccezionali, ma anche località lungo la costa della Libia orientale, come Bengasi, Al Marj, Bayda e Soussa, in un primo momento anche la parte più occidentale città di Tripoli, seppur con conseguenze decisamente meno catastrofiche. Ricordiamo che Derna si trova a circa 560 miglia a est della capitale Tripoli ed è controllata dalle forze del comandante militare Khalifa Hifter, alleato del governo della Libia orientale. La Libia occidentale, inclusa Tripoli, è controllata da gruppi armati alleati con un altro governo.



13.9.23

A SCUOLA SENZA TECNOLOGIA!

 Attenzione, carta e penna. Scuola e tecnologia non sono un binomio indissolubile. La prima in Europa a fare un passo indietro è stata la Svezia e, con ogni probabilità, non rimarrà un caso isolato. La strada sembra tracciata: uno scenario di giovani senza smartphone potrebbe essere plausibile. La notizia che arriva dalla penisola scandinava appare sensata: nelle scuole svedesi tornano, infatti, carta e penna, almeno per i bambini con età inferiore ai 6 anni. La decisione si è resa necessaria dopo il generale calo dell’apprendimento e della capacità di leggere e ricordare informazioni.  

Contro la crescente distrazione degli studenti in classe data da telefoni cellulari e tablet è intervenuta anche l’Organizzazione delle Nazioni Unite: un nuovo rapporto dell’Unesco mette in guardia contro l’uso eccessivo di questi strumenti, affermando che i benefici che apportano scompaiono quando vengono utilizzati in eccesso o senza la guida di un insegnante.

I PARENTI DEL GOVERNINO MELONI!

 

© Francesco Lollobrigida / Facebook - Giorgia Meloni

 

di Gianni Lannes

Familismo amorale. Rocco Bellantone, è il nuovo presidente dell'Iss: l'ennesimo caso di parente piazzato dall'eterodiretto esecutivo Meloni. Il neo presidente dell' Istituto Superiore di Sanità è infatti cugino, da parte di madre, del senatore Giovanbattista Fazzolari, storico suggeritore della stessa Meloni (dal 2 novembre 2022 sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega all'attuazione del programma di governo nel governo Meloni).

Quella di Bellantone è l’ennesima carica che il Governino della camerata Giorgia Meloni affida a parenti. I casi più noti sono quelli legati alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni (genuflessa a Kissinger), che al suo insediamento a Palazzo Chigi ha deciso di portare con sé Francesco Lollobrigida, suo cognato, come ministro dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste. Si è trattato, in quell’occasione, del primo caso di parentela in un governo nella storia repubblicana. Lollobrigida è assurto alle cronache estive per aver reclamizzato il nocivo granchio blu. La stessa Meloni, poi, di recente ha affidato alla sorella Arianna il ruolo di responsabile della segreteria politica di Fratelli d’Italia.

MARCHE: TERREMOTO IN MARE

 


  



di Gianni Lannes

Ancora anomalie sismiche dall' ipocentro superficiale. Due scosse di terremoto alle 09:0011 e alle 10:47:40 di mercoledì 13 settembre 2023, in mare tra Ancona e Pesaro di magnitudo 4.1: tremano scuole e ospedali, gente scesa in strada. Lo segnala l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), ad appena 2 e 6 chilometri di profondità (ipocentro), in prossimità dei numerosi pozzi per l'estrazione di idrocarburi, vicino alle discariche marine realizzate dalla Whermacht nel 1943, imbottite con 4300 bombe all'iprite e bidoni metallici contenenti 84 tonnellate di arsenico. 

L’episodio sismico è stato molto breve, ma ha fatto tremare mobili e spinto la gente a scendere in strada. Le scosse sono state registrate ad appena 2 e 6 chilometri di profondità, dinanzi alla costa marchigiana, nello specchio d’acqua tra Pesaro e Ancona. Si tratta dell’ultimo terremoto in ordine temporale di una scia sismica, seguita ai due episodi sismici molto forti 5.5 e 5.2 verificatisi alle 7:07 e 7:08 del 9 novembre 2022 che causarono ingenti danni e circa 500 sfollati tra l’Anconetano e il Pesarese. Pochi giorni fa, l’8 settembre, alle 16:36 si era registrata un’altra scossa di magnitudo 3.7, sempre con medesimo epicentro in mare, percepita distintamente ad Ancona, senza causare danni o altri disagi.

Singolare coincidenza: proprio ieri, c'è stato nelle Marche il test It Alert, relativo alle gravi emergenze ambientali annunciate dal governo Meloni. E sempre ieri, 12 settembre: un'altra scossa di terremoto a Napoli nei Campi Flegrei: magnitudo 2.9 (ipocentro 2 chilometri), è la più forte degli ultimi giorni che fa tornare il timore sull'attività vulcanica.

ITALIA: MINORI A PERDERE!

  

Cuore di pietra in acqua! - foto Gilan


di Gianni Lannes

Un neonato di 5 mesi annega e muore durante il tentativo di sbarco a Lampedusa, dove nelle ultime 24 ore sono approdati oltre 6 mila migranti in fuga dalla guerra, dalla fame e dalla persecuzione, provocate dal nostro stile predatorio di sopravvivenza.



Questo è il fallimento evidente della pilotata Unione europea, ma al contempo il trionfo del governino Meloni, improntato alla chiusura razzistica verso il prossimo (straniero) trattato come un appestato o peggio, alieno. 

Mentre in Italia continuano a sparire minori dai cosiddetti “centri di accoglienza” dello Stato tricolore, i rapporti del ministero delle Politiche sociali, non registrano più - da quando Giorgia bivacca a Palazzo Chigi - il numero dei piccoli scomparsi. Come fa un bambino di qualche anno d'età arrivato per vie traverse dall'Africa o dal Medioriente, che nel Belpaese non conosce nessuno, privo di genitori, ad allontanarsi da una struttura italiana? Perché l'Italia (unitamente al Vaticano) non ha ratificato la convenzione del Consiglio d'Europa sul traffico di organi umani? Perché l'orrore quotidiano non scalfisce la crassa indifferenza generale del Belpaese?


EDUCARE ALLA LIBERTA'!

 

Aternum - foto Gilan

di Gianni Lannes

Ecco i fari non minori della vita. Crescere i bambini nell'affetto, nella creatività con naturalezza e spontaneità, senza schemi mentali o sociali precostituiti.

Insomma un programma educativo basato sulla libertà, che tenga conto delle doti, dei talenti, delle inclinazioni e delle esigenze del singolo bimbo.

Non una scuola per i bambini, ma una scuola dei bambini, in cui i pargoli diventino autentiche persone e diano vita a un mondo di pace.

Comprendere l'oggi con le parole di ieri. Per dirla con Maria Montessori: "Per insegnare bisogna emozionare. Molti però pensano ancora che se ti diverti non impari".

Se si lasciano le giovani generazioni in balìa di un consumistico presente privo di memoria dove latita il senso critico, saranno sempre facilmente manipolabili da una falsa democrazia che vira sempre sempre più verso la globale tecnocrazia. Allora: creare campi del sapere nella purezza della Natura, ma non allestire campi di battaglia. Vivere in nome del sapere, della bellezza, dell'altruismo, dell'armonia e dell'empatia.


MONDO ARTIFICIALE!

 


https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/2021/12/bill-gates-vuole-oscurare-il-sole.html

COLONIA ITALIA!

 

Italia: 13 settembre 2023 - foto Gilan




Italia: 13 settembre 2023 - foto Gilan

12.9.23

PIZZO DI STATO COVIDIOTA!

 


di Gianni Lannes

Ecco il pizzo covidiota dello Stato italiano. 100 euro: un'estorsione istituzionale in barba al diritto universale e costituzionale. Ancora nel settembre 2023, il cosiddetto ministero della Salute senza l'ex assessore Speranza poi promosso ministro - coadiuvato dall'Agenzia delle Entrate - seguita ad avviare procedimenti sanzionatori contro chiunque, anche verso chi si era già sottoposto all'iniezione col pericoloso siero sperimentale "anticovid-19". Un abuso di potere senza fine?

Riferimenti:

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=covid

VELENI QUOTIDIANI DAL CIELO!

 

Italia: 12 settembre 2023 - foto Gilan




Italia: 12 settembre 2023 - foto Gilan


MELONI E LE SUE BALLE SULLE ACCISE CARBURANTI!

  


di Gianni Lannes

“Noi pretendiamo che le accise vengano abolite!” tuonava nel 2019 Giorgia Meloni. Poi nel 2022 pretese il voto degli elettori, però seguitando a mentire sull'abolizione delle micidiali tasse incamerate indebitamente dallo Stato tricolore.

Il prezzo dei carburanti alla pompa continua a salire inesorabilmente, la crociata contro le accise di Giorgia Meloni ai tempi in cui era all’opposizione sembrano echi lontanissimi, e anche il proclama propagandistico di Matteo Salvini (“Interverremo se il prezzo supererà i 2 euro al litro”) è rimasto lettera morta. Di riduzione delle accise non si parla ormai più nell'Italia smemorata.




Riferimenti:

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=accise

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=meloni


IT ALERT: EMERGENZA INFINITA E CONTROLLO TOTALITARIO!

 



di Gianni Lannes

Ecco cosa recita il solito mantra ufficiale sotto la regia del ministro al ramo Sebastiano Musumeci (una garanzia sicula targata fratellini d'Italia), mentre White House, Pentagono e Nato, implementano la guerra ambientale, finalizzata al controllo del tempo metereologico (un'arma insospettabile):

«IT-alert è il nuovo sistema di allarme pubblico nazionale di cui si sta dotando l’Italia per l'informazione diretta alla popolazione in caso di gravi emergenze imminenti o in corso. IT-alert è attualmente in fase di sperimentazione. Una volta operativo, consentirà di raggiungere chiunque si trovi nella zona interessata dall'emergenza o dall'evento calamitoso, purché abbia il telefono acceso e connesso alla rete di telefonia mobile, fornendo informazioni sulla situazione di pericolo reale o potenziale. Come previsto dalla Direttiva UE 2018/1972 per i sistemi di allarme pubblico e dal Codice delle comunicazioni elettroniche italiano, il servizio verrà attivato in caso di gravi emergenze o di eventi catastrofici imminenti o in corso. Nel nostro Paese, al momento, la Direttiva del 7 febbraio 2023 del Ministro della protezione civile e delle politiche del mare prevede, nell’ambito delle competenze del Servizio nazionale della protezione civile, sei casi per i quali potrà essere impiegato una volta terminata la sperimentazione: maremoto generato da un sisma; collasso di una grande diga; attività vulcanica, relativamente ai vulcani Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano e Stromboli; incidenti nucleari o situazione di emergenza radiologica; incidenti rilevanti in stabilimenti soggetti al decreto legislativo 26 giugno 2015, n. 105 (Direttiva Seveso); precipitazioni intense... i test di IT-Alert sono finalizzati a far conoscere questo nuovo sistema alle persone che potrebbero essere coinvolte in situazioni di emergenza e verificarne il funzionamento in relazione alle diverse tipologie di telefono e di sistemi operativi, raccogliendo, altresì, indicazioni dagli utenti tramite un questionario».

Insomma, mettono le mani avanti, annunciando catastrofi. Hanno la sfera di cristallo o come al solito è già stato tutto programmato all'insaputa delle persone? In ogni caso, attenzione al peggio in arrivo. Che fare? Intanto spegnere il telefonino e accendere la mente.

11.9.23

ARIA: AVVELENATA!

 


 di Gianni Lannes

Inquinamento civile ma soprattutto militare. Lo smog uccide. Italia: maglia nera, tra le peggiori d'Europa. L'Energy Policy Institute conferma che l'inquinamento atmosferico è la principale minaccia per la salute pubblica.

SCIE DI GUERRA: L'ALTERAZIONE SEGRETA DEL CLIMA!

  

 

 

Dopo anni di censure ecco l'ultima fatica sul campo. Storie del Belpaese privo di sovranità, indipendenza e libertà, grazie alla codardia generale e all'ignoranza abissale che regna nello Stivale. Quando lo sguardo si rivolge al cielo d'Italia, frastornato giorno e notte dai rombi di velivoli a bassa quota che inquinano l'aria, oscurano il sole, sconvolgono il clima, violentano le stagioni, avvelenano gli esseri viventi, alterano il tempo metereologico per finalità di dominio dell'umanità, la distrazione di massa nell'ex giardino d'Europa viene finalmente squarciata. Per un attimo scintille di luce illuminano la guerra ambientale in atto, non dichiarata ufficialmente dal Pentagono e dalla White House, siglata a Genova durante la mattanza dei pacifisti, il 19 luglio 2001, da Berlusconi e Bush (accordi segreti firmati anche dagli altri Staterelli della cosiddetta Unione europea, sotto il giogo dello zio Sam). Da un bel pezzo non cade più pioggia sul vecchio continente, ma acqua di colonia statunitense. Non ho mai insegnato verità, ma ha sempre voluto interrogare le coscienze e le intelligenze. L'anno 2025 è dietro l'angolo. Allora: su la testa! 

Gianni Lannes

 

8.9.23

MARCHE: TERREMOTI INNATURALI!

  


di Gianni Lannes

C'entra la Natura? Un terremoto ad una profondità - nel Mare Adriatico - di appena 6 chilometri, dove imperversano le innumerevoli trivelle idrocarburi e la guerra ambientale è più evidente.

Riferimenti:

http://terremoti.ingv.it/event/36089981

Gianni Lannes, L'Italia trema, Edizioni Mondo Nuovo, Pescara, 2023.

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2023/09/08/terremoto-scossa-di-magnitudo-3.9-nelle-marche-_ab8d4710-dd05-4290-bf56-6f91e52e87d1.html

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=marche