21.7.17

VACCINI: STANDARD NATO PER I MINORI IN ITALIA




di Gianni Lannes

Neonati, bambini e adolescenti italiani sani vaccinati peggio e più dei militari adulti dell’Alleanza atlantica dediti alla guerra. Poiché non è in atto alcuna epidemia e non dilagano pandemie come ha attestato l'OMS, gli scientisti italidioti si sono limitati ad un copia ed incolla, insomma hanno scopiazzato lo zio Sam. Una volta c’era carosello che ci avvisava con la pubblicità, adesso lo sappiamo a babbo morto. Come per la tessera sanitaria italiana che contiene alcuni codici militari elaborati dal Pentagono ed è gestita dalla Sogei che controlla al contempo il gioco d’azzardo, anche la nuova profilassi vaccinale imposta da Washington (un ordine impartito dal presidente USA Obama al ministro Lorenzin il 29 settembre 2014) in modo coercitivo a mezzo di uno sgangherato decreto legge scritto e rattoppato sotto dettatura multinazionale, addirittura è la fotocopia peggiorativa dello Stanag 2037. Di che si tratta? Di una procedura dell'anno 2008, aggiornata al 2012 della North Atlantic Treaty Organization per i propri militari.  Scorrendo l’elenco delle cosiddette vaccinazioni si scopre che sono le stesse per soldati adulti e pargoli italiani. C'è un giudice almeno a Berlino o bisogna pregare un intervento divino?


Infatti, nei documenti ufficiali del ministero della Difesa si legge: «L'Italia allinea la propria politica vaccinale militare a quella delle altre nazioni facenti parte della NATO, nel cui ambito vigono accordi di standardizzazione tra i Paesi membri (STANAG 2037) che individuano protocolli vaccinali standard, da garantirsi per tutti i militari».
 
Si dubita tanto dei vaccini imposti con la forza dallo Stato, vale a dire a mezzo della violenza istituzionale ed il ricatto espresso da una norma palesemente fuorilegge di rango minore, ma se lo fa l’Alleanza atlantica è una garanzia. Certo i soldati in guerra sono adulti mica neonati, bambini e adolescenti sani ed italiani.

Negli ultimi anni sono state numerose le sentenze che hanno avuto ad oggetto presunti danni conseguenti a vaccinazioni. In particolare, per quanto riguarda le vaccinazioni militari, con la sentenza del 24 gennaio 2014 il giudice della sezione lavoro del Tribunale di Ferrara ha condannato il ministero della salute a risarcire la famiglia di Francesco Finessi, militare di leva deceduto a 22 anni per un linfoma non-Hodgkin, riconoscendo un nesso di causalità tra le patologie, anche mortali e le modalità di somministrazione dei vaccini. Il 19 giugno di tre anni fa il Tar del Friuli-Venezia Giulia ha accolto il ricorso di Andrea Rinaldelli, padre di Francesco Rinaldelli, l'alpino di Potenza Picena, scomparso nel 2008 all'età di 26 anni, a causa di un linfoma di Hodgkin, nell'ambito della "missione Domino”. Il giudice ha di fatto cancellato il diniego proveniente dal comitato di verifica del Ministero della difesa, chiedendo un riesame sulla base delle argomentazioni presentate dai ricorrenti. Queste riguardano, specificatamente, la correlazione tra le somministrazione dei vaccini senza adeguate anamnesi e senza rispettare i protocolli e la complessa questione del servizio prestato al petrolchimico. Lo stesso TAR ha infine considerato carente la valutazione del ministero della difesa, in quanto risulta, anche da uno studio scientifico condotto per conto del ministero da istituzioni civili ("progetto Signum"), l'esigenza di approfondire, nella ricerca delle origini di alcune patologie particolarmente diffuse tra il personale militare, anche alcune variabili emerse nel corso dello studio stesso, tra le quali, in particolare, il carico vaccinale, associato a condizioni di impiego operativo caratterizzate da un elevato livello di stress. Anche la Corte d'Appello di Lecce ha condannato il ministero della salute a risarcire la famiglia di Fabio, militare morto nel 2002 di leucemia; le valutazioni sul possibile ruolo delle modalità di effettuazione dei vaccini come fattore capace di determinare o codeterminare patologie, in particolare tumorali, risalgono anche ai lavori della commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito nelle diverse legislature, da cui ha preso il via l'applicazione reale del principio del consenso informato. Non viene messa in discussione la funzione storica delle vaccinazioni come strumento essenziale per il contenimento e l'eradicamento di alcune gravi malattie infettive, ma viene esercitata la massima attenzione rispetto ai possibili effetti di somministrazione multiple in tempi ravvicinati, specialmente al personale militare destinato a missioni, sia in Italia che fuori dal territorio nazionale, rispetto alla completezza dell'anamnesi vaccinale, all'acquisizione del consenso informato.

Quali iniziative il ministro Beatrice Lorenzin intende adottare per rispondere in modo adeguato alla censura espressa dal TAR del Friuli-Venezia Giulia in data 19 giugno 2014, per non avere l'amministrazione preso adeguatamente in esame le osservazioni dei ricorrenti in ordine alla ritenuta incidenza causale degli intensi e ravvicinati cicli vaccinali? Quali iniziative intende assumere il ministro Lorenzin perché venga data piena attuazione alle norme riguardanti l'obbligo di segnalazione all'AIFA dei casi avversi, e affinché l'Ispettorato generale della sanità militare adotti una direttiva che stabilisca con precisione termini e modalità di effettuazione dell'anamnesi vaccinale da parte del personale vaccinatore? Quali misure intende assumere il ministro Lorenzin affinché sia garantita per tutti l'applicazione reale del principio del consenso informato ad essere sottoposti o meno a vaccinazioni, con quali modalità intenda intervenire per assicurare la piena tutela del diritto alla salute ai militari attualmente in servizio nonché a quelli futuri, e per riconoscere come vittime del dovere coloro che si sono ammalati o sono deceduti per accertate patologie causate o concausate da modalità di somministrazione dei vaccini durante il servizio militare, riconoscendo agli stessi e alle loro famiglie la corresponsione dei benefici previsti dalla normativa, ai sensi del decreto legislativo numero 81 del 2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, vista anche la direttiva SGDG-022 "Direttiva per l'esercizio dell'attività di vigilanza in materia di sicurezza e salute sul lavoro nell'ambito del ministero della Difesa del gennaio 2012?

Ministro Pinotti a quali conclusioni sono giunti i lavori del gruppo interforze sull'aggiornamento della direttiva tecnica per l'applicazione del decreto 31 marzo 2003 sulle procedure vaccinali? Quali sono i risultati, su questo specifico argomento, delle ricerche commissionate dal ministero della difesa e dal ministero della salute al Comitato scientifico per la prevenzione e cura della malattie dei militari istituito con decreto ministeriale del 23 novembre 2007?
Quali iniziative intendono attivare i ministri Lorenzin e Pinotti affinché vengano riprese ed applicate in pieno le proposte di intervento e di prevenzione indicate nella citata relazione conclusiva?
 
La Commissione parlamentare, nelle conclusioni, ha espresso la necessità di: «adottare norme di legge che includano le erronee modalità di vaccinazione tra i fattori di possibile rischio per la salute del personale militare, e provvedano quindi a stabilirne l'indennizzabilità, nel caso dell'insorgere di gravi patologie invalidanti o in caso di decesso; riesaminare l'intero processo e le procedure poste alla base delle attività vaccinali in ambito militare, valutando anche le eventuali lacune registrate sul piano dei controlli interni, ivi compresi quelli relativi all'effettiva ed efficace attuazione delle direttive impartite dall'Ufficio generale della sanità militare, nonché alla piena attuazione delle norme riguardanti l'obbligo di segnalazione dei casi avversi all'AIFA; adottare, da parte dell'Ufficio generale della sanità militare, una direttiva che stabilisca con precisione termini e modalità di effettuazione dell'anamnesi vaccinale da parte del personale medico vaccinatore».
 
 

riferimenti:
























8 commenti:

  1. 3427502758 Popescu Laura Dana. Aspetto la sua chiamata. Confermo su quello che ha scritto, però vorrei approfondire un particolare con Lei.

    RispondiElimina
  2. Grazie, ma ho bisogno innanzitutto di leggere questa documentazione. Grazie! Può inviarla al seguente indirizzo: sulatestaitalia@libero.it

    RispondiElimina
  3. Non è per la Documentazione che la voglio sentire. La prego di telefonare quando è disponibile! Per me è importante!

    RispondiElimina
  4. Per cortesia, mi anticipi via posta elettronica (sulatestaitalia@libero.it) le sue ragioni. Grazie!

    RispondiElimina
  5. sig. Gianni la ringrazio di cuore per il suo lavoro libero ed indipendente ma mi permetta di capire una cosa: sto seguendo diverse interviste e divulgazioni da parte del prof. Montanari e della dott.ssa Gatti e da quanto ascolto mi risulta evidente che si stiano adoperando per informare su quello che è il loro lavoro in merito all'analisi di diversi vaccini. Non hanno mai negato e nascosto di aver lavorato per la NATO ed aver fornito prestazioni anche a loro (come un cliente qualsiasi) quindi non trovo niente di cosi preoccupante in tutto questo. Vorrebbe essere cosi gentile da farmi capire che cosa mi sta sfuggendo?
    e quale sarebbe secondo lei il gioco che starebbero giocando? sono così ingenuo? eppure conosco tutti questi giochi di potere e dominio ma avrei giurato che questi nostri ricercatori siano dalla parte della verità.

    RispondiElimina
  6. sono in attesa trepidante di una sua autorevole risposta circa il mio precedente commento. notte

    RispondiElimina
  7. http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=montanari

    RispondiElimina
  8. Signor Scapin le spiegazioni a rigor di logica deve chiederle agli interessati che hanno lavorato per la famigerata NATO, non a me.

    RispondiElimina