9.6.15

L’ARTE DI ANDREA PAZIENZA

Andrea Pazienza - foto di Isabella Damiani


di Gianni Lannes



«La pazienza ha un limite, pazienza no!». Era questo il modo con cui Andrea Pazienza descriveva se stesso e le sue storie, ed è questa l’unità di misura delle opere che l’hanno consacrato come uno dei più grandi talenti del mondo del fumetto.


«Mi chiamo Andrea Michele Vincenzo Ciro Pazienza, ho ventiquattro anni, sono alto un metro e ottantasei centimetri e peso settantacinque chili. Sono nato a San Benedetto del Tronto, mio padre è pugliese…».



Amava il Gargano, dove l'ho conosciuto. E’ volato via il 16 giugno 1988. Ci manca maledettamente. I suoi fumetti possono far piangere dal ridere, riempirci di malinconia, atterrirci, farci ridacchiare, colmarci di complicità, sorprenderci, farci arrabbiare, disperarci, ma soprattutto inondarci di  una sincerità assoluta, esplosiva, meravigliosa.
 
«Dedicato a tutti quelli che avevano vent’anni nel 1977. E che ora ne hanno diciotto» parola di Andrea Pazienza.




1 commento:

  1. Scoprii l’Arte di Andrea Pazienza scorrendo le pagine di una pubblicazione della metà degli anni ‘70, il MALE – di cui tuttora conservo alcuni ritagli – e da li fu subito un grande amore tuttora vivo.
    Tutto quello che è riportato nell’articolo è vero, perché chi ha avuto il piacere di conoscere e leggere la sua inimitabile produzione sa che corrisponde alla realtà ed ha provato le stesse emozioni scatenate dalla sua ineguagliabile unicità.
    “ I suoi fumetti possono far piangere dal ridere, riempirci di malinconia, atterrirci, farci ridacchiare, colmarci di complicità, sorprenderci, farci arrabbiare, disperarci, ma soprattutto inondarci di una sincerità assoluta, esplosiva, meravigliosa”
    Rileggendo i suoi fumetti, ora come allora, non si può non riconoscergli che ha segnato un epoca poiché non ha eguali nel disegno ma la sua ironia, lucidità e visione della vita e delle cose tuttora fanno comprendere come questo grandissimo artista abbia segnato LA strada per tutti quelli che sono venuti dopo.
    Sembrerà assurdo ma anche oggi io, come mio fratello e altri amici, ci sganasciamo dalle risate ripetendo a memoria le sue vignette o parti dei fumetti.
    Inutile elencare tutte le sue opere, chi le conosce lo sa.
    Grazie Andrea.
    Luca + tutti gli altri

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.