23.4.14

BASILICATA, LAZIO, SARDEGNA, SICILIA, PUGLIA: IN UNA DI QUESTE REGIONI SORGERA' IL DEPOSITO UNICO DI SCORIE NUCLEARI

photo NASA

di Gianni Lannes




Siete in errore se pensate alla Corsica. Il sito è stato già prescelto. Si tratta di un'isola con queste caratteristiche: bassa densità demografica, scarsa reattività sociale, asismicità. Ecco un aiutino: il territorio è soggetto ad innumerevoli servitù militari, e gli autoctoni sono considerati arrendevoli. D'altronde è da sempre una colonia dove sono stati sperimentati armamenti di ogni genere, in barba alla protezione sanitaria e alla salvaguardia ambientale. Certo, metteranno in atto la solita manfrina, e useranno come grimaldello i cosiddetti ecologisti di facciata, quelli che tacciono sulle scie chimiche. I giochi comunque, sono già fatti, come nella migliore dittatura di un belpaese, dove senza consultazioni elettorali si sono succeduti consecutivamente - grazie all'inciucio napolitano - ben tre governi, in meno di tre anni.

Il sistema di potere nazionale si è fatto furbo dopo averle buscate nel 2003. Questa volta non sembrerà un'imposizione calata dall'alto, ma sarà peggio. A giugno, ovviamente non prima, dopo le elezioni europee verranno resi ufficiali i criteri stabiliti dall'Ispra per il deposito unico di scorie nucleari in superficie. A quanto pare, senza consultare la popolazione italiana, come sempre, facendola passare per una decisione tecnica, e dunque, apparentemente neutra, è stato già scelto il sito per ospitare il deposito unico di scorie radioattive. Così, tanto per rovinare la sorpresa al governo Renzi, anticipo quali sono le regioni candidate all’insaputa dei residenti: Basilicata, Lazio, Sardegna, Sicilia, Puglia.

photo NASA

Dal momento in cui l'Ispra pubblicherà i criteri passeranno 6 mesi, dopodiché la Sogin decreterà ufficialmente il verdetto, preconfezionato tuttavia in violazione della Convenzione europea di Aarhus, ratificata con legge statale numero 108 del 16 marzo 2001: stabilirà, appunto, il luogo fisico su cui sorgeranno i capannoni grandi quanto un campo di calcio e alti come un palazzo di 5 piani, in cui verranno ammassati 90 mila metri cubi di rifiuti nucleari. 

Da quando la Sogin decreterà la sua decisione "inappellabile", a quando verrà posata la prima pietra, per la costruzione del deposito unico trascorreranno 4 anni che verranno impiegati in una campagna di "informazione", incentrata sull'ineluttabilità del deposito unico di scorie, sulla sua sicurezza soprattutto sui suoi presunti “benefici”. Infatti, per conto dell’Ue, saranno promessi mille posti di lavoro, grasse compensazioni e un investimento di 2 miliardi e mezzo di euro. 

Inoltre, c’è pure il risvolto verde: l’entrata in scena dei soliti ambientalisti per le buone occasioni. E così spunta dal nulla un fantomatico “Osservatorio Indipendente”:  la Fondazione per lo sviluppo sostenibile guidata da Edo Ronchi, Legambiente, Wwf, con la collaborazione della stessa Sogin. Il compito è di favorire l’informazione tra istituzioni, Sogin SpA e comunità coinvolte, indorando la pillola. Una strategia che sembra seguire un preciso scadenziario, di cui però i cittadini ignorano contenuti e tempi. Il punto è non commettere l’errore berlusconiano di Scanzano, bensì costruire il consenso intorno al progetto. Verrà fatto passare per un’ineludibile dovere morale dell’Italia, con la conseguenza di un’inevitabile controindicazione: non un’imposizione, un rischio, bensì una miniera di soldi a compensazione dei territori. 

Il regime dei mass media telecomandati è da un bel pezzo al lavoro, e mostra l’iniziativa come una genialata della scienza tricolore, presentando le direttive europee come dogmi indiscutibili. Quello che conta davvero più dei requisiti geografici, è che hanno già valutato il grado di sottomissione e reattività sociale degli abitanti ai soprusi istituzionali, la loro fame e il tasso di corruttela e di mediocrità dei governanti locali. Sembra un destino già segnato: ai sudditi adesso la possibilità di ribaltare una sorte fabbricata a tavolino, e diventare finalmente cittadini.

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=NUCLEARE 

La situazione nucleare 12 anni fa:




32 commenti:

  1. http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2014/04/22/news/cercasi-discarica-per-le-scorie-nucleari-sardegna-a-rischio-1.9089254

    un brivido e una brutta puzza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://notizie.tiscali.it/articoli/cronaca/12/08/27/sulcis-minatori-sciopero.html?fb_source=hovercard


      Le lotte dei minatori son servite per una futura riconversione del personale per le nuove attività finanziare del governo nazionale


      http://www.tentazionidellapenna.com/provincia/news-provincia/politiche-provincia/1287-la-giunta-regionale-ha-approvato-il-piano-di-chiusura-della-miniera-di-nuraxi-figus.html

      Elimina
  2. Ci sarà la rivolta dei Sardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di quali?
      Di quelli che ancora credono ad un futuro di lavoro e turismo?
      Di quelli che continuano a votare i soliti viscidi pseudo-politici che da decenni svendono l'isola al migliore offerente?
      Di quelli che sbavano per un'occupazione sottopagata?
      Di quelli che le domeniche o i giorni di festa passano il tempo nei centri commerciali?
      Di quelli che ,nonostante un cielo e un clima anormale da anni,deridono chi parla di scie chimiche?
      Di quelli che ,nonostante i tantissimi casi di SLA,Alzheimer,tumori e altre gravi patologie,continuano a bersi la favoletta della trasmissione genetica e non pensano minimamente a poligoni militari,incidenti militari,poli industriali senza controllo alcuno,miniere a cielo aperto e le già citate chem-trails?
      Di quelli che protestano solo perchè non hanno uno stadio dove andare la domenica e non lo fanno mentre vengono privati dei più basilari diritti?
      Di quelli che continuano a pagare bollette assurde ad abbanoa o balzelli non dovuti a equitalia?
      Di quelli che bruciano le loro esistenze e i sussidi davanti alle slot dei bar?
      O di quelli che passano le ore a raccontare i minuti della loro esistenza e a ostentare il proprio ego su facebook?
      O di quelli che si berranno la versione contorta e addomesticata fornita dai media regionali asserviti ai poteri forti?

      ....Non vedo rivolte all'orizzonte,ma solo tantissime persone che,a cose fatte,si piegheranno in avanti a braghe calate,stringendo i denti e inghiottendo l'ennesimo rospo...

      SamBellamy

      Elimina
    2. Guarda se vuoi sottoscrivo col sangue. Niente di piu' giusto! Ogni volta che torno in Sardegna e parlo alla gente mi sento come forse ti sei sentito tu scrivendo quelle righe! Tristezza!

      Elimina
    3. Rivolta dei sardi? Ma non facciamo ridere. Se sono bastati 80 euro di regalo per far cambiare idea a milioni di persone, figuratevi quanto sarà facile se in gioco ci saranno 1.000 posti di lavoro in una regione come la nostra. Ci sarà la gara dei nostri paesi ad accaparrarsi lo'operazione. Contateci.

      Elimina
    4. PURTROPPO CONCORDO CON QUANTI SONO REALISTI - NOI SARDI E NON SOLO SIAMO SOLO FANFARONI - A PAROLE SPACCHIAMO IL MONDO POI NEL MIGLIORE DEI CASI CI VENDIAMO PER 80 EURO (ADESSO) E QUANDO GOVERNAVA BERLUSCONI BASTAVANO IVA ZANICCHI MARIA DE FILIPPI BARBARA D'URSO E GRANDE FRATELLO A RINCOGLIONIRCI E FARCI ACCETTARE E CONDIVIDERE QUALUNQUE PORCATA

      Elimina
    5. SIAMO SOLO FANFARONI CI FACCIAMO COMPRAE CON NIENTE
      PRIMA CON MARIA DE FILIPPI E GRANDE FRATELLO ADESSO CON 80 EURO

      Elimina
    6. Hai proprio ragione SamBellamy, non credo che ci sarà la rivolta dei Sardi.
      La percentuale di gente cosciente è bassissima, 5%? Forse ci arriviamo.

      Elimina
    7. Proprio vero. Stando a quello che vedo in giro di rivolte dei Sardi non ce ne saranno mai. Anch' io ho visto tanti contenti delle 80 (immaginabili) Euro, ma si accontenterebbbero anche di meno purchè continui ad arrivare lo stipendietto che ti permette di pagare l' abbonamento alle partite in TV, qualche giro al bar con gli amici tifosi e un pochino di spesa all' Eurospin.
      Se gli parli di scìe chimiche, geoingegnerìa clandestina, signoraggio bancario e gli spieghi la causa del malgoverno...sei pazzo, (ma non te lo dicono in faccia) e si sentono superiori. Difendono ancora il PD, Letta era una persona seria, Renzi uguale, Napolitano un grand' uomo tanto paziente.......Dei cranii.

      Elimina
    8. LA RIVOLTA DEI SARDI??? quali sardi?
      la NATO in oltre il 50% del territorio sardo (http://www.greenreport.it/_archivio2011/immagini/big/2012_05_31_16_19_18.jpg) fa quello che vuole e i sardi ? si prenderanno anche le scorie ormai la mancanza di reazione è ampiamente testata

      Elimina
  3. AAHAHAHAAHAH AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHA AHHAHAHAHAAH VIVA L'ITALIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA PAESE MASOCHISTA E LECCACULO!

    RispondiElimina
  4. non è sfuggito a chi è accorto su questi temi che MAGO ZURLI'-RENZI abbia scelto guarda caso ben DUE sottosegretari lucani....una alla Sanità e uno all'Interno...temo per la mia regione ma a questo punto ciascuno è artefice della sua rovina: PECORE CORREGIONALI continuate a votare il partito che vi ha svenduto e già abbondantemente avvelenato: CREPATE IN PACE e SOTTOMISSIONE AL PADRONE... è IL DESTINO che avete scelto per i vostri figli.

    RispondiElimina
  5. non è sfuggito a chi è attento a queste problematiche che, guarda caso, il governo usurpatore della democrazia, il governo di MAGO ZURLI' abbia scelto ben due sottosegretari, INFIMISEGRETARI lucani...e uno alla Sanità e l'altro all'Interno, entrambi peraltro indagati.. Il gregge di PECORE LUCANE merita questo ed altro, essere finalmente STERMINATO. Non temo più nulla per la mia Basilicata perché al peggio non c'è fine. Marmaglia di ignoranti, falliti, schiavi che continuano a votare i loro aguzzini.

    RispondiElimina
  6. Caro Gianni,

    non c'è proprio niente di inappellabile!

    Non appena saremo sufficientemente organizzati per averne la forza, ribalteremo qualsiasi verdetto di chicchessia al mondo!

    RispondiElimina
  7. Sam Bellamy hai pienamente ragione i sardi sono proprio come tu li hai descriti servi dei politici che non hanno il coraggio di dire basta, un signore anziano che abitava nel vicinato diceva che i sardi sono come dei cani che i pastori legano con delle catene agli alberi dove patiscono la fame e il freddo diventando come delle belve ma se solo se gli fai annusare da lontano della carne o qualsiasi roba da mangiare iniziano a scodinzolare pronti a prostrarsi ai tuoi piedi

    RispondiElimina
  8. purtroppo anc'io devo dare ragione a Sam! tristezza infinita e dolore per una terra che se pur non mi ha dato i natali mi ha catturato con la sua magia, la sua storia, la sua bellezza, i suoi miti, le sue tradizioni...ho provato a fare qualcosa per alleviare i suoi dolori... ma siamo in troppo pochi e ormai ho perso ogni speranza! :-(

    RispondiElimina
  9. Bruno fancello il paragone che hai fatto è comune a tutta l Italia.... Di sardi e di italiani c è gente e gente e forse tu e questo signore fate di tutta l'erba un fascio.... Io sono sarda e non permettero mai una cosa simile nella mia isola... Tu vieni a farti due tuffi al mare quando capita.... Sapete solo fare questo!! Muru siasta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui nessuno fa di tutta l'erba un fascio:
      è solo la pura constatazione di quanto accade.
      Guarda che io sono nato e vivo da sempre in Sardegna e quando parlo lo faccio dal "di dentro" e non vedendo o sentendo le cose da altri,per il sentito dire tanto caro agli ipocriti.
      Purtroppo.anche se fa male,la realtà è questa:una massa di persone che ritrovano l'identità "sarda" solo davanti a un porcetto o ad un agnello arrosto o alla sagra di turno.Che si arrabbiano solo quando qualcuno tenta di intaccare queste tradizioni o quando chiude il Sant'Elia .
      Che vanno a votare felici,non per il futuro,ma in cerca del favore dal politico di turno a cui leccano il culo fino ad avere i crampi alla lingua e,una volta constatato che non avranno una seppur minima riconoscenza,dimenticano,fino alle elezioni successive,dove si comporteranno esattamente alla stessa maniera.
      Intanto girano lo sguardo dall'altra parte quando accadono fatti gravi e intollerabili.
      Poi,che ci siano persone più attive e sveglie è vero,ma l'incoerenza, l'invidia,la disorganizzazione,la contaminazione,mandano a ramengo le buone idee che ci sono(e bada:parlo con cognizione di causa)
      Gli spagnoli l'avevano capito secoli fa,quando ebbero strada spianata da sardi "pocos,locos y disunidos".....
      Il discorso poi si presta anche all'analisi della situazione italiana:
      la gente è oramai lobotomizzata,omologata,addomesticata e colpita dalla sindrome di Stoccolma:apprezza ogni tortura che le viene afflitta dall'esterno....
      E poi,in ultimo,non additare nessuno col"sapete solo fare questo"e col giudicare persone che neanche conosci:prima di additare e accusare o inveire,bisogna farsi un esame di coscienza e vedere cosa,noi,nel nostro piccolo,stiamo facendo percambiare il corso degli eventi.Poi,valutare cosa fanno gli altri ....

      SamBellamy

      Elimina
    2. Qui nessuno fa di tutta l'erba un fascio:è solo la pura constatazione di quanto accade:guarda che io sono nato e vivo da sempre in Sardegna e quando parlo lo faccio dal "di dentro" e non vedendo o sentendo le cose da altri.Purtroppo.anche se fa male,la realtà è questa:una massa di persone che ritrovano l'identità "sarda" solo davanti a un porcetto o ad un agnello arrosto o alla sagra di turno.Che si arrabbiano solo quando qualcuno tenta di intaccare queste tradizioni e intanto girano lo sguardo dall'altra parte quando accadono fatti gravi e intollerabili.
      Poi,che ci siano persone più attive e sveglie è vero,ma l'incoerenza,l'invidia,la disorganizzazione,la contaminazione,mandano a ramengo le buone idee che ci sono(e bada:parlo con cognizione di causa)
      Gli spagnoli l'avevano capito secoli fa,quando ebbero strada spianata da sardi "pocos,locos y disunidos".....
      Il discorso poi si presta anche all'analisi della situazione italiana:la gente è oramai lobotomizzata,omologata,addomesticata e colpita dalla sindrome di Stoccolma:apprezza ogni tortura che le viene afflitta dall'esterno....
      E poi,in ultimo,non additare nessuno col"sapete solo fare questo"e col giudicare persone che neanche conosci:prima di additare e accusare o inveire,bisogna farsi un esame di coscienza e vedere cosa,noi,nel nostro piccolo,stiamo facendo percambiare il corso degli eventi.Poi,valutare cosa fanno gli altri ....

      SamBellamy

      Elimina
  10. Ma non vi siete rotto il c-----o! Di questo governo? Bisogna cambiare, non possiamo piu' restare fermi e subire sempre a testa bassa tutto cio' che il governo decide .

    RispondiElimina
  11. Tutto il mondo è paese...tutti gli uomini della terra subiscono lo stesso trattamento, infatti c è bisogno di una rivoluzione culturale globale...ancora devo sentire che avevano ragione gli spagnoli!aiuto...siamo ancora a questi livelli???sveglia!!!e cmq in sardegna alle ultime politiche vinse grillo...non pd o pd-l... Quindi si chieda a quegli elettori,o agli indipendentisti,o agli astenuti, se sono d'accordo...?

    RispondiElimina
  12. Tu devi ancora sentire di spagnoli.....e io di elezioni...
    Grillo,pd,pdl:tutte marionette dello stesso teatrino tenuto in piedi perchè il pubblico crede ancora alla favola replicata da sempre......
    Mark Twain diceva che "se votare servisse veramente a qualcosa,non ce lo lascerebbero fare":credi forse ancora che chi viene "democraticamente" eletto abbia il potere di agire liberamente?chi viene eletto(e anche lì è tutto pilotato,credimi) deve solo mandare avanti il disegno ordito in altri tempi e luoghi che ha un solo fine :assoggettare tutto il globo sotto un'unica bandiera.E questo disegno va avanti,aiutato anche dalla massa informe,il popolo-gregge che oramai aspetta le prossime trovate del sistema e il messia di turno che arrivi a risollevare il mondo:Proprio ieri sera sentivo alcuni clienti di un bar osannare renzi-il predestinato ....che tristezza!
    Poi parlare di rivoluzione culturale globale:a parole è molto facile,e chi te lo dice ne sa qualcosa:sono anni che cerco di svegliare quanta più gente possibile,ma adesso ,sinceramente,non ne ho più voglia:la gente è veramente senza-pensieri,degli zombi che si muovono tutti uguali e a comando,lobotomizzati e addomesticati da anni di tv,internet,che dettano loro comportamenti,atteggiamenti,omologandoli ad un modo di fare imposto da altri che hanno gioco facile su questi miseri schiavi.Non hanno neanche la volontà di mettere in moto il cervello:troppa fatica,tanto ci sono i pensatori dei media che lo fanno per loro....


    SamBellamy

    RispondiElimina
  13. Sulla regione prescelta, verranno puntati gli obiettivi dei satelliti spia, in alternativa, verranno inviati drone per le riprese televisive, nessun politico andrà lì a fare comizi, oppure nulla di tutto ciò, se come sempre avesse ragione Einstein (due sole cose sono infinite....), verrà istituito il premio: i camicaze delle scorie radioattive.

    RispondiElimina
  14. Bene, a parte il fatto che noi sardi NON siamo tutti cosi, dovete spiegarmi -lo ESIGO- cosa pretendete che facciamo! Non siamo tutti una massa di ignoranti pecorari,ma non è che possiamo andare in giro a protestare con le spranghe: "111abbasso il governo one111"! Voi continentali lo fate? Non mi sembra che vi siate scomposti molto, all'ennesimo governo tecnico ademocratico! Tra i miei contatti su Facebook ho moltissime persone delle regioni del Nord, e le loro uniche preoccupazioni sono le torte, i matrimoni gay, l'abolizione della sperimentazione animale. MA FATEMI IL PIACERE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non hai letto attentamente quanto scritto.
      Per cui ti consiglio di rileggere il senso di quanto scritto.
      Comunque ti ricordo che io sono nato e vivo in Sardegna e che quello che ho scritto nasce da constatazioni quotidiane e da esperienze concrete nel cercare il risveglio dei miei conterranei e non solo,dal tanto tempo speso ed energie bruciate per cercare di vedere un qualcosa di concreto da parte di persone che invece,continuano a dormire e a bersi tutto ciò che gli passano media e giaccacravattari di turno...
      Chiedi cosa si divrebbe fare per cambiare le cose:posso solo dirti cosa faccio io nel personale ,se la cosa ti interessa,visto che ho smesso di cercare di far cambiare il punto di vista a di azione delle persone.
      Il primo consiglio che ti darei invece sarebbe quello di cancellare il tuo profilo FB....

      SamBellamy

      Elimina
  15. un'altra delle decisioni presidenzialiste ..?
    scorie lontane dalla contaminazione presidenziale ..? no ..?

    RispondiElimina
  16. facciamogli ingoiare tutto una volta per tutte riprendiamoci la ns identità e curiamo la ns terra ,da qui arriverà in ns futuro .

    RispondiElimina
  17. Chi volesse rendersi utile nella organizzazione per i tre giorni di ..Gianni Lannes con noi in Sardegna::: Tre giorni di tempo per la mia terra scriva a questa mail

    orsolinaderiu@libero.it

    SI ESENTANO I PERDITEMPO..........besito !

    RispondiElimina
  18. there is no safe way to despose of Nuclear Waste,,, Shameful the harm future generations will have to endure~~

    RispondiElimina
  19. Un SARDO in Facebook si riconosce subito anche dal pseudonimo! Vorrei che qualcuno spiegasse da dove provengono 90 mila metri cubi di scorie! Inoltre, se fosse ingegnere nucleare, potrebbe spiegare anche cosa sia l'energia residua! Potrebbe dirmi anche in che modo vengono gestite le decine di migliaia di centrali nel mondo! Son stato a Chernobyl ed ho potuto constatare come non fu il nucleo ad esplodere, bensì il muro di contenimento! Spessore del muro 1,50 metri in c.a.! Ho realizzato muri di sostegno di 14 metri di spessore! In quanto ai Sardi, attenzione, tra di loro molti hanno conseguito un notevole grado di cultura! Mantenendo sempre il carattere dei loro padri! Al momento sapranno informarsi ed agire di conseguenza!

    RispondiElimina