10.12.13

AUTODETERMINAZIONE DEL POPOLO ITALIANO

GIOVANE ITALIA - FOTO GIANNI LANNES (tutti i diritti riservati)





di Gianni Lannes


L’Italia è l’unica nazione al mondo dove i rifiuti si riciclano prevalentemente in politica. L'Italia, attualmente, non ha una classe dirigente a qualsiasi livello, in particolare etico. L’Italia, il nostro Paese, sembra privo di memoria, di slancio, di altruismo e di compassione. Per dirla con Carlo Levi: “Nessuno ha toccato questa terra se non come un conquistatore o un nemico o un visitatore incomprensivo”.  

Non c’è bisogno di eroi, però, e soprattutto di retorica o populismo, purtroppo di gran moda. Ma non siete stanchi dei furbi, dei ladri, dei moralizzatori d'accatto, dei traditori, dei raccomandati, dei soliti figli di papà con la carriera assicurata, dei riccastri e dei politicanti venduti?

Cosa si può fare? Intanto non restare indifferenti. Fare qualcosa insieme invece che contro. Chiamare a raccolta quelli che si riconoscono nell’essere a favore delle persone, per la verità e la giustizia. Non si può sempre vivere contro qualcuno o qualcosa.
La gente è nauseata da questa recita quotidiana della vita politica italidiota, coi soliti burattini e burattinai perennemente nei salotti tv. In Italia i palazzi del potere per conto straniero e i fantocci eterodiretti dall’estero che li animano sono un cancro da estirpare adesso. La mafia alberga nel cuore delle istituzioni.

Il progresso di una comunità civile non si misura dai metri cubi di cemento armato o dal pil, ma dal rispetto della legalità e dalla cura dell’ambiente, in modo particolare soprattutto dei bambini. Il nostro inesauribile giacimento aurifero è la storia insieme alla bellezza naturale. Pompei è crollata ancora una volta. E questo governo Letta fa come i prededenti, al massimo balbetta di soldi da spendere per il futuro risanamento, quando una parte di questa pregevole eredità del passato, si è già disintegrata a causa di incuria e abbandono istituzionale. Allora, il degrado alberga dentro di noi. Le nostre risorse fondamentali sono in particolare le intelligenze dei giovani, la creatività di nostri maestri di arte e dei nostri scienziati costretti ad emigrare oltre frontiera per realizzare grandi potenzialità.

Il male non è ovunque. In questo Belpaese ci sono bimbi che sorridono e hanno parole semplici di verità e bellezza. Ci sono tante persone buone e sagge che aiutano quelli in difficoltà, ma non basta. Ci sono tanti esempi di buona volontà nel quotidiano. Non è tutto perduto. C’è qualcosa nell’animo umano che ti impedisce di arrenderti del tutto, anche quando le forze vacillano. Qualcosa come il pianto di un bambino sofferente che ti dà l’energia e la sensazione che valga ancora la pena lottare per un ideale di libertà.

La biosfera può soddisfare i bisogni di tutti se l’economia globale rispetta i limiti imposti dalla sostenibilità e dalla giustizia. Come ci ha ricordato Gandhi: “La terra ha abbastanza per i bisogni di tutti, ma non per l’avidità di alcune persone”.  Dunque: sovvertire le priorità: allo sfruttamento delle risorse è necessario contrapporre la tutela dei beni comuni.

Io non ho una ricetta per la felicità, una soluzione in tasca che valga per tutti. Credo fermamente che ognuno di noi possa fare la sua parte per riconquistare il senso e la misura delle cose. Ma senza perdere tempo occorre passare al fare, alle azioni concrete e risolutive, uniti, insieme.


Alla disperazione giovanile incombente, programmata a tavolino, c’è soluzione. Eppure tanti giovani sopravvivono consumando nel vuoto i giorni e l’intelligenza. Così sebbene sia assente nel nostro Paese la pena di morte, vige legale e inesorabile la morte per pena.
E non importa chi vinca le elezioni con leggi truccate per favorire sempre i galoppini dei potenti, perché non è lì la vita reale, ma qui, nelle difficoltà dei giorni sempre uguali, senza privilegi, senza vantaggi, senza soldi facili, senza salute, senza speranza e senza futuro.
L'esecutivo telecomandato di Letta, non ha dato la benché minima risposta ai drammi sociali ed economici che attanagliano lo Stivale. La politica ha un grande valore solo se fatta come servizio verso la collettività, solo se realizza un futuro migliore per l’umanità.
Bisogna superare il proprio egoismo, la propria stanchezza, i propri timori e i giorni sempre uguali che sembrano veleggiare verso il niente.

La storia - a serbarne memoria - è fatta dalle minoranze attive e non dalle masse.

Non smarrite quel bagliore di dignità che vive dentro ognuno di noi e non consentite agli altri di togliervelo.

Le persone sono stanche, non sono motivate e non ne possono più. Poi, però, si rialzano. Allora, ce la possiamo fare a dispetto di tutto e di tutti. Quel che conta è la capacità di reagire alle circostanze, anche le più avverse, perché in fondo al tunnel c’è la luce. La forza di un’idea libera può cambiare il mondo.

L’Italia parli soprattutto ai popoli del Mediterraneo. Fuori subito dall’euro e da questa Europa di banche e burocrati pedofili. Dal 31 dicembre 2005, giorno di entrata in vigore della legge 270/2005 - dichiarata incostituzionale il 4 dicembre 2013 dalla Consulta - tutti i trattati internazionali sono nulli, compreso il Trattato di Lisbona e così il resto.  

Il vero problema da risolvere subito è questo: la sovranità monetaria e territoriale. L’Italia è sempre più povera a causa di un debito pubblico (oltre 2 mila miliardi di euro) artatamente gonfiato ed in continuo aumento, che comporta una gigantesca pressione fiscale. Questo debito pubblico è soltanto un’invenzione truffaldina assemblata da banchieri e politicanti per arricchire spudoratamente gli azionisti privati della Banca Centrale Europea (in primis Mario Draghi). Infatti, quando lo Stato chiede denaro alla BCE paga il costo del valore nominale con titoli del debito pubblico, vale a dire impegnandosi a riscuotere ingenti tasse dai cittadini e dalle imprese. Oggi le monete non sono coperte da riserve aurifere: il loro costo di emissione è prossimo allo zero. Eppure il guadagno di chi le emette senza controlli, ossia il signoraggio si aggira sul 100 per cento del valore nominale.

Che cosa è lo Stato italiano oggi in rapporto alla definizione che ne dà la Costituzione, in che misura questa ha trovato effettiva attuazione e che misura deve ancora attuarsi, quale è la vera portata del rinnovamento economico, sociale, civile, politico, introdotto o comunque indicato nel 1948 dalla legge fondamentale del nostro ordinamento statuale?
Una premessa: il popolo italiano ha già perso i propri diritti. Ora bisogna recuperarli, combattendo in ogni ambito. Basta con l'ipocrisia. Non esiste alcun impedimento giuridico o tecnico. La politica ha la funzione primaria di risolvere i problemi. La politica in senso etico, è la realizzazione del bene comune. 

Ecco un semplice piano (da modificare e integrare) non esaustivo, ma ampliabile:

- Comitati di Liberazione Nazionale in ogni centro abitato, paese, città dello Stivale;  


- Creazione di una nuova Costituente con il compito di riscrivere le regole fondanti dello Stato di diritto sociale;


- Elezione di un Presidente della Repubblica senza ombre (una donna) degno super partes, custode di meriti umani, culturali e/o scientifici;


- Disconoscimento ufficiale dei seguenti trattati internazionali: Maastricht, Lisbona, Prum, Velsen - compresi MES e Fiscal Compact - che hanno annullato libertà, democrazia e giustizia sociale in Italia;


- Nuova legge elettorale per garantire proporzionalmente e senza sbarramenti, la rappresentanza delle minoranze;

- politica come missione di volontariato (al massimo una legislatura a 1.200 euro al mese);


- Disconoscimento ufficiale a livello internazionale del debito pubblico;

- De-lottizzazione della Rai e abolizione del canone;

- Recupero immediato del credito di 98 miliardi di euro dai concessionari del gioco d'azzardo e abolizione statale del medesimo;

- Guerra militare e di intelligence alle mafie;

- Sovranità monetaria effettivamente allo Stato;


- Abolizione per decreto del signoraggio bancario;


- Politiche di Stato Sociale (Welfare State);

- No Tav;


- Acqua pubblica (ai sensi dei referendum del 2011);


- Abrogazione di tutte le norme incostituzionali e leggi ad personam;


- Sovranità territoriale;


- Bonifiche a carico del Governo USA dei territori italiani inquinati e contaminati dalle attività belliche (Sardegna, Sicilia, Puglia, Campania, Marche, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Toscana, Lazio), compresi i mari Adriatico e Tirreno.

- Richiesta di risarcimento danni di natura economica causati dal Governo USA in Italia;


- Disconoscimento e divulgazione di tutti gli accordi segreti tra Stato Italiano e - USA (mai ratificati dal Parlamento d’Italia), partire dalle clausole segrete dell’Armistizio di Cassibile, al BIA del 1954, fino ai giorni nostri;


- Uscita dal Patto atlantico e disimpegno bellico immediato da tutti i teatri di guerra nel mondo;


- Istantanea cessazione dell' attività segreta di geo-ingegneria ambientale (scie chimiche);


- Chiusura di tutte la basi USA e Nato in Italia e smantellamento di tutte le infrastrutture di guerra a spese del Pentagono;


- Annullamento programma d'acquisto del veivolo da guerra F 35;


- Denuclearizzazione bellica. Allontanamento dal territorio italiano di tutti gli ordigni nucleari e chimici - detenuti illegalmente dal Governo degli Stati Uniti d’America - proibiti dal Trattato internazionale di non proliferazione e dal Trattato di Parigi;


- Abolizione del segreto di Stato, riforma dei Servizi di Intelligence, apertura degli armadi della vergogna Istituzionale (stragi e omicidi su ordinazione).

Il sistema di potere che ha usato la partitocrazia per fare i suoi porci comodi in Italia, teme un’esplosione sociale più di una deflagrazione nucleare.

Un padre costituente come Giuseppe Dossetti ha insegnato:

Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all’oppressione è un diritto e un dovere del cittadino”.

Ogni diritto di libertà può vivere soltanto se attecchisce nelle coscienze individuali, e se trova un’autentica applicazione nella realtà. La coscienza, l'etica, è al di sopra della legge e dello Stato. Non abbiamo niente da perdere se non le catene della schiavitù. Nell'interesse generale: uniti si vince.



11 commenti:

  1. Salve Dott. Lannes,
    la ringrazio per essere tornato on-line!
    Mi chiedevo - leggendo l'articolo - cosa ne pensasse delle manifestazioni di ieri ed oggi, dei Forconi, e se sa quando anche gli altri (non solo estremisti di destra e sinistra), noi tutti, scenderemo in Piazza: bisogna proprio avere la pancia vuota e lasciar parlare solo questa? Quando scenderà in piazza la ragione?
    La ringrazio ancora per il suo impegno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tutelare la mia famiglia sono costretto a non realizzare più inchieste di qualsiasi genere, tantomeno sui crimini in atto del potere dominante. Mi limiterò di tanto ad esprimere soltanto il mio semplice punto di vista. La storia dell'umanità, insegna la stessa vicenda umana, è fatta dalle minoranze attive che hanno usato la razionalità mescolandola allo slancio delle passioni politiche. Ribellione non fa rima con rivoluzione!

      Elimina
  2. Sul cosa fare direi che siamo d'accordo, è il "come" che mi preoccupa: occorre una "massa critica" per innescare un qualunque processo e temo che non ci sia "abbastanza intelligenza"...

    RispondiElimina
  3. Per innescare un qualsiasi processo occorre una "massa critica", ma non vedo intorno a me abbastanza "intelligenza"... non riesco ad essere ottimista.

    RispondiElimina
  4. condivido anche se purtroppo dubito che uno staterello fatto dall'85% di idioti, possa imporre la ritirata degli USA in modo pacifico. purtroppo, occorrerebbe sangue, tanto sangue, sangue che gli italiani saranno disposti a versare solo se ridotti almeno al 50% alla fame, quindi diciamo solo fra qualche anno.
    una domanda. vorrei apportare un contributo, qualora gradito. gli uomini e le donne sono uguali. o almeno dovrebbero esserlo. se non vogliamo parlare di quote rosa e di scandalo boldriniano del minestrone barilla portato in tavola da una madre, si dovrebbe a mio avviso evitare di considerare la donna migliore dell'uomo e porla necessariamente a capo di una nazione. P.S. se poi vogliamo fare polemica, allora mi esprimo: la maggior parte di donne che conosco sono delle aggressive competitive violente permalose arriviste fannullone sleali antifamigliari creature con il peggio dei difetti degli uomini incorporato ed elaborato negativamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Antonio e cari tutti gli iscritti ed i lettori di questo diario,

      se davvero abbiamo a cuore il futuro dei nostri figli e delle generazioni a venire, dobbiamo farci carico del nostro destino, di questo presente tremendo, piuttosto che subirlo. Ti chiedi se puoi offrire un contributo.

      Ti rispondo senza fraintendimenti, TUTTI dobbiamo contribuire a modificare l'orizzonte spettrale di oppressione e annichilimento che si staglia visibile appena sopra le nostre teste.

      Gianni ha indicato efficacemente una serie di principi imprescindibili da perseguire in una forma - la leva della rappresentanza politica - che ci consente di essere molto più incisivi degli effimeri moti di piazza, il Comitato di Liberazione Nazionale:

      Creazione di una nuova Costituente con il compito di riscrivere le regole fondanti dello Stato di diritto sociale;

      - Elezione di un Presidente della Repubblica senza ombre (una donna) degno super partes, custode di meriti umani, culturali e/o scientifici;

      - Disconoscimento ufficiale dei seguenti trattati internazionali: Maastricht, Lisbona, Prum, Velsen - compresi MES e Fiscal Compact - che hanno annullato libertà, democrazia e giustizia sociale in Italia;

      - Nuova legge elettorale per garantire proporzionalmente e senza sbarramenti, la rappresentanza delle minoranze;

      - politica come missione di volontariato (al massimo una legislatura a 1.200 euro al mese);

      - Disconoscimento ufficiale a livello internazionale del debito pubblico;

      - De-lottizzazione della Rai e abolizione del canone;

      - Recupero immediato del credito di 98 miliardi di euro dai concessionari del gioco d'azzardo e abolizione statale del medesimo;

      - Guerra militare e di intelligence alle mafie;

      - Sovranità monetaria effettivamente allo Stato;

      - Abolizione per decreto del signoraggio bancario;

      - Politiche di Stato Sociale (Welfare State);

      - No Tav;

      - Acqua pubblica (ai sensi dei referendum del 2011);

      - Abrogazione di tutte le norme incostituzionali e leggi ad personam;

      - Sovranità territoriale;

      - Bonifiche a carico del Governo USA dei territori italiani inquinati e contaminati dalle attività belliche (Sardegna, Sicilia, Puglia, Campania, Marche, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Toscana, Lazio), compresi i mari Adriatico e Tirreno.

      - Richiesta di risarcimento danni di natura economica causati dal Governo USA in Italia;

      - Disconoscimento e divulgazione di tutti gli accordi segreti tra Stato Italiano e - USA (mai ratificati dal Parlamento d’Italia), partire dalle clausole segrete dell’Armistizio di Cassibile, al BIA del 1954, fino ai giorni nostri;

      - Uscita dal Patto atlantico e disimpegno bellico immediato da tutti i teatri di guerra nel mondo;

      - Istantanea cessazione dell' attività segreta di geo-ingegneria ambientale (scie chimiche);

      - Chiusura di tutte la basi USA e Nato in Italia e smantellamento di tutte le infrastrutture di guerra a spese del Pentagono;

      - Annullamento programma d'acquisto del veivolo da guerra F 35;

      - Denuclearizzazione bellica. Allontanamento dal territorio italiano di tutti gli ordigni nucleari e chimici - detenuti illegalmente dal Governo degli Stati Uniti d’America - proibiti dal Trattato internazionale di non proliferazione e dal Trattato di Parigi;

      - Abolizione del segreto di Stato, riforma dei Servizi di Intelligence, apertura degli armadi della vergogna Istituzionale (stragi e omicidi su ordinazione).

      Io aggiungerei:

      Abrogazione dell'obbligatorietà delle vaccinazioni pediatriche

      Abrogazione delle criminali leggi Biagi e Fornero


      Costituiamoci in Comitato di Liberazione Nazionale, ci occorre una data, (preferibilmente a gennaio) ed un luogo di incontro.
      Attendo adesioni.
      Scettici, disfattisti, fatalisti, pessimisti e rivoluzionari abili solo con polpastrelli e tastiera postino altrove i loro commenti.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. gentile Claude, Le chiedo perchè le do' l'impressione di uno che non abbia mai preso manganellate o soprusi per amore e dignità di un popolo, solo quel 15% però, in cui credo ed in cui la annovero. non capisco le sue illusioni all'istruzione e il resto del suo discorso, ma la leggo con interesse e le rinnovo la mia stima.
      saluti a tutti.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  5. Mi piace molto questo Lannes!!

    RispondiElimina
  6. La maggior parte dei turisti pensano all'Italia come la terra di arte rinascimentale, antichità romane, e, naturalmente, ottima pizza, pasta e vino. Pochi pensano ad essa come una terra di basi americane. Ma l'Italia ospita ben 59 "siti di base" identificati dal pentagono, superiore a quella di qualsiasi paese, tranne la Germania (179), Giappone (103), Afghanistan ( 100 e in declino), e Corea del Sud (89).

    Pubblicamente, i funzionari americani dicono che non ci sono basi militari americane in Italia. Essi insistono sul fatto che i nostri presidi, con tutte le loro infrastrutture, le attrezzature, e armi, sono semplicemente ospiti su ciò che resta ufficialmente basi "italiane" destinati all'uso NATO. Naturalmente, tutti sanno che questo è in gran parte una finezza giuridica.

    Come il Pentagono sta usando i vostri dollari delle tasse per trasformare l'Italia in un trampolino di lancio per le guerre di oggi e di domani

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.