13.2.14

SULLA PELLE VIVA DEL POPOLO ITALIANO






di Gianni Lannes


La fantascienza è stata battuta di larghissima misura dalla realtà sempre più disumana. Tutti schedati e controllati fin dalla nascita: il pretesto è la sicurezza. Attenzione ai nobili intenti che ammantano l'indicibile: il controllo totale degli esseri umani.  L’operazione è decollata nel 1998 con le linee guida per i test genetici a cura della Presidenza del Consiglio dei ministri. E ha avuto un'accelerazione dopo l'autoattentato United States of America a New York dell'11 settembre 2001.





In seguito è stata perfezionata dagli esecutivi tricolore (ne sanno qualcosa i governi Prodi, D'Alema, Berlusconi, Monti, Letta) con l’adesione - senza alcuna consultazione del popolo sovrano - ai Trattati di Prṻm, di Velsen e di Lisbona che hanno privato il nostro Paese di qualsiasi sovranità. Provate a verificare cos'è realmente Eurogendfor, ovvero chi tiene le redini, ossia la Nato (lettura consigliata: IL GRANDE FRATELLO. STRATEGIE DEL DOMINIO):




Della classica serie pubblicità regresso. Ora, con un sincronismo preconfezionato all'estero, il governo manda in onda la campagna informativa denominata “Banca Dati nazionale DNA”. Altro che privacy.  Una banca di dati biologici sul popolo italiano interconnessa a numerose banche internazionali gestite da privati, servizi segreti, e forze militari del Pentagono. Ma ecco cosa recita il recente comunicato ufficiale della Presidenza del Consiglio dei ministri (dipartimento per l'informazione per l'editoria):

«Lo scopo è quello di illustrare i vantaggi in termini di sicurezza per il cittadino, in un'ottica tanto di prevenzione quanto di repressione del crimine, facendo nel contempo luce su una serie di problematiche di tipo psicologico e sociale che, se non chiarite, potrebbero suscitare nei cittadini errate percezioni di violazione della loro privacy legate all'uso dei test genetici. Il Comitato Nazionale per la Biosicurezza, le Biotecnologie e le Scienze della Vita ha pensato di promuovere la conoscenza delle applicazioni connesse alle analisi genetiche in ambito forense per informare i cittadini dei vantaggi che l'istituzione di una Banca Dati del DNA rappresenta, in termini di sicurezza per la popolazione generale, per l'identificazione di autori di reati o di vittime di reati e sinistri. Inoltre, si ha così la possibilità di rispondere a possibili quesiti sollevati dai cittadini sulle eventuali ripercussioni derivanti dall'applicazione delle nuove tecnologie di analisi del DNA in campo forense».



In Italia la schiavitù è vietata, eppure è comunque in vigore. Il corpo fisico di ogni cittadino italiano appartiene allo Stato stabilisce la legge 91 del 1999. Siamo già stati espropriati del nostro corpo e di ogni facoltà, nonché di ogni potere decisionale sulla nostra vita.






O sei in possesso del tuo corpo o sei uno schiavo, perché chi possiede il tuo corpo, possiede anche te. Infatti, è sufficiente analizzare la documentazione ufficiale del Comitato nazionale per la biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita, per rendersi conto del ivello di mostruosità istituzionale raggiunto da chi governa per conto terzi l’Italia. 

«L'attività del Comitato si concretizza attraverso la formulazione di pareri, linee guida e proposte sul ruolo e sulle implicazioni delle tecnologie biologiche innovative nei diversi settori della ricerca e produttività economica. In questa sezione riportiamo i documenti elaborati dal Comitato fin dalla sua istituzione suddivisi per anno:




 

 Anno 2010

Sistema integrato per la gestione in rete di “centri di risorse biologiche” nazionali (CRT.net)

Codice di Condotta per la Biosicurezza

Considerazioni sulla conservazione protratta del materiale biologico residuo dello screening neonatale:
 Test genetici di suscettibilità e medicina personalizzata

Proposta di Piattaforma - Ambiente e Salute. Priorità e obiettivi per la valutazione e gestione del rischio per la salute umana e la qualità ambientale da esposizione a Interferenti Endocrini”

 Anno 2009

Raccolta di campioni biologici a fini di ricerca: Consenso Informato

Dati minimi per le reti delle biobanche di popolazione


Dati minimi per le reti delle banche di patologia

Dati minimi per le banche di malattie infettive

 Anno 2008
Test genetici e assicurazioni

Accreditamento Biobanche
 Anno 2006
Linee guida  per l’istituzione e l’accreditamento delle biobanche

 Allegati linee guida per la certificazione delle biobanche.

La sorveglianza dell’esposizione a interferenti endocrini

Biotecnologie Bianche

Bionanotecnologie

Biotecnologie industriali

Directions given under the human tissue 2004: 001/2006

 Anno 2005

Linee guida per la definizione di una strategia per lo sviluppo del settore della bioinformatica in Italia con particolare attenzione all’ambito biomedico.

Metodologie per la corretta informazione e comunicazione sulle biotecnologie e le scienze della vita.

Linee guida per lo sviluppo delle biotecnologie in Italia

Studio delle possibilità di modifica normativa sul prelievo coattivo di materiale biologico ai fini della determinazione del DNA e dell'istituzione dell'archivio centrale del DNA a fini forensi


 Anno 2004

Classificazione degli agenti patogeni

Anno 2003

Protocolli tecnici per la sperimentazione in regime di sicurezza delle attività di ricerca e di sperimentazione riguardanti gli OGM in campo agricolo;


Anno 2002

Infrastrutture e network di eccellenza a livello europeo nel campo della biosicurezza e delle biotecnologie

 Anno 2000
Linee guida per la sperimentazione clinica degli xenotrapianti

 Anno 1999

Clonazione umana e animale;
Parere sull'attuazione della Direttiva 98/44/CE sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche;

Anno 1998

Aspetti regolatori della terapia genica: guida ai produttori e agli utilizzatori;
Linee guida per la sicurezza e la qualità della sperimentazione in terapia cellulare e per l'impiego dei prodotti dell'ingegneria dei tessuti a scopo terapeutico, ovvero di trapianto su pazienti;

Linee guida per test genetici;

 OBBR -National Cancer Institute


    CABRI - Common Access to Biological Resources and Information

    CABIG – Cancer Biomedical Informatics Grid

    ISBER - International Society for Biological and Environmental Repositories

    European Culture Collections’ Organisation

    IST - Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro

    Tubafrost

    European Biobanks

    Cooperative Human Tissue Network (CHTN)


    World Federation for Culture Collections

Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.