3.5.17

ENICHEM: UNA DISCARICA SEGRETA A MANFREDONIA






di Gianni Lannes

Una montagna di scorie industriali ben nascoste nel sottosuolo in riva al mare, di cui la popolazione ignora l’esistenza. E’ il lascito dell’Eni occultato nelle cavità carsiche: una bomba ad orologeria che seguita a diffondere malattie e a mietere morti. Il segreto chimico sembrava inossidabile. Infatti nel bilancio del ministero dell’Ambiente, e della Syndial (una società targata Eni beneficiata da ingenti fondi pubblici) questo cimitero nelle viscere della terra non figura proprio. Insomma, è come se non esistesse, però da esso tracimano in mare soprattutto arsenico e mercurio. I veleni ormai sono entrati stabilmente nella catena alimentare degli ignari autoctoni, mentre i politicanti speculano sui vivi e sui morti.




C’è di peggio. Dai dati ufficiali del dicastero della cosiddetta “ecologia”, emerge che la bonifica delle note aree inquinate è ancora al punto zero, nonostante la gran quantità di denaro elargito dallo Stato e dalla regione Puglia.




Addirittura, all’ultima conferenza dei servizi a Roma, il 22 marzo scorso, il sindaco pro tempore al secondo mandato consecutivo, tale Riccardi Angelo (esponente del partito democratico sotto processo a Pescara per gravi reati penali) non si è presentato a tutelare questo territorio, come si evince dal verbale ministeriale. 
  

In compenso lo stesso primo cittadino” ancora per poco” intende consentire all’Eni di realizzare sull’area inquinata, a mò di copertura, un impianto industriale fotovoltaico. In altri termini, una nuova speculazione, senza sanare un gigantesco focolaio di contaminazione che mette a repentaglio la vita di tutti.
 
Nel sottosuolo dell’area prospiciente il mare in località “chiusa dei santi” (agro di Monte Sant’Angelo), la multinazionale di Stato ha occultato in due grandissime caverne, enormi quantità di rifiuti pericolosi. Le istituzioni sono da tempo al corrente ma fanno sempre finta di niente. Le autorità non hanno mai rilevato questa mastodontica discarica sotterranea, che non rientra nella contabilità ufficiale del SIN istituito con legge 426 nel 1998. Il 10 gennaio dell’anno 2000, il ministero dell’Ambiente ha perimetrato le aree inquinate da bonificare. A tutt'oggi non vi è stato il ripristino dello stato dei luoghi, mentre la gente si ammala e poi muore nell’indifferenza generale.




riferimenti:





















   
















































Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.