23.5.13

TERREMOTO IN ABRUZZO: SEGRETO DI STATO SU UN LABORATORIO DI FISICA NUCLEARE E UN DEPOSITO MILITARE


L'Aquila (prefettura in macerie): 6 aprile 2009 - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
 
di Gianni Lannes

L’Aquila è una città fantasma, interi paesi sono stati distrutti (Onna, Paganica, ad esempio), l’area colpita a tutt’oggi è stranamente militarizzata, eppure, del laboratorio scientifico di fisica nucleare ubicato nel sottosuolo, a 1.400 metri di profondità, sotto il Gran Sasso, zona notoriamente martoriata dal sisma del 6 aprile 2009, non è trapelato nulla a livello ufficiale. Lo Stato ed i governi (Berlusconi, Monti, Letta) tacciono. Perché?

Gran Sasso: ingresso al laboratorio di fisica nucleare - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


Quanto materiale chimico e radioattivo era presente nel predetto laboratorio al momento del sisma distruttivo? Quali esperimenti erano in corso? In particolare: quali e quanti danni ha subito la struttura sotto terra? Se gli edifici hanno retto all’impatto del sisma perché non comunicarlo all’opinione pubblica?

Cosa è accaduto in realtà nelle viscere di questa montagna violata dall’uomo con pretesti “scientifici” che disseta il popolo abruzzese? Inoltre: perché si tengono esercitazioni militari sul Gran Sasso, un parco nazionale, ossia un'area "protetta", quando l'Esercito italiano ha già in uso ben 12 aree estese per quasi 20 mila ettari (Le Ripe, Monte Stabiata, Monte Crespiola, Monte Sirente, Monte Ruzza, Prata D'Ansidonia, La Pretara, Fiume Alento, Piazza d'Armi, Echo 351, Le Marane, Bafile)? E ancora: c'è una correlazione tra la vistosa riduzione del ghiacciaio e questi giochi di guerra?



San Cosimo (AQ): deposito militare, ingresso secondario (foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

Non è tutto. Nei pressi di Sulmona, precisamente nell’agro di Pratola Peligna, sotto la collina (limitrofa al tratto autostradale che porta a Roma) vi è una grande deposito militare, chilometri di tunnel sotterranei e segreti. 


 
Pratola Peligna (AQ) - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

Nel 1999 avevo personalmente sollevato il problema dell’inquinamento bellico, sulla base di riscontri epidemiologici ed in relazione al manifestarsi di malformazioni e patologie tumorali nell’area a danno dell’ignara popolazione (ne avevo scritto sul quotidiano Liberazione) e la stampa locale (Il Messaggero, edizione Abruzzo) aveva ripreso con una cronaca una mia conferenza a Bussi sul Tirino.

 
Pratola Peligna (AQ) - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

Nel 2008 questo sito delle forze armate è stato al centro di un’aspra polemica che ha visto il generale di corpo d’armata Giorgio Ruggeri dichiarare pubblicamente: «Nel deposito militare di san Cosimo non c’è nulla che possa rappresentare un rischio ambientale o una contaminazione radiologica pericolosa per la salute della popolazione residente. Posso affermare con estrema certezza che gli ipotetici casi di malattia non sarebbero assolutamente collegati alla presenza del deposito e che non sarà smantellato perché rappresenta per l’esercito una presenza strategica sul territorio».

San Cosimo: deposito militare (veduta aerea) - foto Gianni Lannes (tutti i diritti risrevati)


Inquietante vero? Prove alla mano il governo degli Stati Uniti d’America a partire dal remoto 1957 ha fornito alle Forze Armate italiane armamenti nucleari: granate e proiettili per l’artiglieria, nonché mine in quantità industriale. Qual è il loro grado di sicurezza? Forse il ministero della Difesa e tutti i generaloni italioti fingono di ignorare il fatto che l’Italia nel 1968 ha firmato il Trattato internazionale di non proliferazione nucleare, ratificato nel 1975, che vieta la presenza sul suolo nazionale di armamenti atomici di ogni genere.


protesta popolare - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


La domanda è disarmante: in quel deposito sono stati allocati ordigni nucleari? Il deposito di San Cosimo ha subito per caso danni in seguito al terremoto del 6 aprile 2009 ed ai successivi sismi?

Gran Sasso - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)


In caso positivo, quali, quanti e di che genere? In sintesi: nella zona colpita dal sisma artificiale del 6 aprile 2009 che ha ucciso 309 persone, è presente un grande laboratorio di fisica nucleare ed un deposito di armamenti ed esplosivi di ignota natura. Cosa è accaduto a tali strutture? Forse sono state danneggiate? E’ ipotizzabile che si siano verificate delle fughe di radioattività nell’ambiente circostante? Perché le Autorità dello Stato italiano non hanno verificato e non hanno comunque informato la popolazione residente?

Non si era detto e ripetuto fino alla nausea almeno dal 1946 ad oggi, che si dovesse governare l’Italia con metodi e strumenti democratici in base alla Costituzione repubblicana ed antifascista? Ma non è proprio il controllo del popolo sovrano, attraverso la conoscenza dei fatti (significativi e non) uno degli ingredienti fondamentali della democrazia?

Allora, di quale democrazia blaterano i maggiordomi del potere per conto straniero che ci usano come cavie per i loro esperimenti segreti di dominio globale del mondo?

9 commenti:

  1. I laboratori sono stati realizzati sotto il Gran Sasso per schermare gli esperimenti dalla radioattività ambientale. Le strutture non hanno subito danni e nessun materiale radioattivo é fuoriuscito dagli esperimenti, non essendo presente alcun materiale del genere sotto la montagna, come assenti sono arsenali militari e qualunque collegamento con organi militari e paramilitari. Cari saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deduco che lei sia molto informato sull'argomento..o è un addetto ai lavori. Sarebbe in grado di documentare quanto affermato come veritiero..sa..qui chiunque può scrivere qualsiasi cosa!!
      ALICE DI CARPI-MO-

      Elimina
  2. Io studio Fisica a L'Aquila e ho visitato l'interno del laboratorio:é difficile spiegare alla gente in cosa consistono gli esperimenti perché c'è veramente tanta teoria dietro, roba che si studia alla laurea specialistica; tuttavia non occorre essere "addetti ai lavori" ma basta leggere qualche rivista scientifica per capire che questi esperimenti devono essere svolti in ambienti privi di radiazioni, altrimenti le misure non sarebbero esatte! Di conseguenza all'interno del laboratorio non vi sono sorgenti radioattive!Inoltre la Fisica nucleare è una vasta branca della Fisica che si occupa di molte cose, quindi quando si sente la parola "nucleare" non si deve pensare subito ad una centrale radioattiva o ad ordigni distruttivi. CI SI DEVE INFORMARE E SE NON SI CAPISCE, CHIEDERE A CHI HA STUDIATO!

    RispondiElimina
  3. Premessa per chi non comprende la lingua italiana e non distingue i semplici numeri: questo mio articolo risale a 3 anni e 3 mesi fa. Ho visitato il laboratorio di fisica nucleare nel Gran Sasso, dove alcuni settori sono preclusi anche agli studenti e agli estranei, esattamente nel 2002, per realizzare un servizio giornalistico pubblicato dal settimanale D - la Repubblica delle donne, in seguito ad un grave incidente “scientifico". Allora, le conseguenze sono state l'inquinamento delle falde acquifere. In seguito, nel 2011, quando ero sotto scorta della Polizia di Stato, a seguito di alcuni attentati, mi sono arrampicato su quella grandiosa montagna ed ho scoperto un’attività militare della Nato, non registrata da nessuna parte. Sono state presentate interrogazioni sul caso, ma ben tre governi fino ad oggi non hanno risposto. In uno Stato di diritto contano le domande mentre sono eloquenti i silenzi e le menzogne istituzionali. Ergo: non mi esprimo per “sentito dire”, ma per cognizione diretta.
    INFN – LNGS ovvero Laboratori Nazionali del Gran Sasso, dove esistono settori preclusi. A120 chilometri da Roma, c’è un enorme accesso blindato sotto un tunnel della Roma-L’Aquila, nel cuore del gigante di roccia che dopo il terremoto ha perso uno sperone del suo Corno Piccolo.
    Ad un soffio da L’Aquila, ad un passo da Amatrice e da Rieti, nelle viscere dell’Appennino, proprio dentro il sistema geologico più delicato in assoluto di tutta la dorsale italica. In loco le zolle tettoniche sono instabili come in nessun altro luogo del belpaese. Lì, dove oscillano i neutrini, il regno della Fisica delle Particelle, dove stanno conducendo in questo momento esperimenti sulle esplosioni delle Supernovae, lì dove quantità abnormi di energia vengono convogliate in condotte progettate per studiare l’infinitamente piccolo della materia e ciò che si nasconde tra etere e le conosciute quattro dimensioni dello Spazio/Tempo. Lì dove torturano Madre Terra, punzecchiandone il sistema nervoso… Lì dove la scienza crede di poter dominare la Forza del l’universo. Proprio lì, in corrispondenza degli epicentri dei più disastrosi terremoti recenti italiani. Lì dove ceti omuncoli in camice bianco e divisa d’ordinanza si credono “dei”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Studiano le supernovae con un esperimento chiamato LVD in attesa di neutrini da supernova: in sostanza sono tonnellate di liquido scinitillatore (assolutamente non radioattivo, scintillatori organici) e appena passa una quantità di neutrini superiori alla media si osservano più interazioni e si può capire qualcosa di più su come esplodono le stelle.

      I neutrini oscillano là come oscillano in ogni parte dell'Universo: è come dire "là dove gli elettroni orbitano attorno al nucleo", lo fanno ovunque.

      Quello che intende con "quantità abnormi di energia vengono convogliate in condotte progettate per studiare l'infinitamente piccolo" sembra intenda un acceleratore. Vi è solamente un acceleratore per l'esperimento LUNA che vuole studiare le reazioni che avvengono all'interno del Sole e le rare reazioni che portano alla formazione di certi elementi nelle stelle. Sicuramente non sono fasci ad alta energia, mi sa che lo confonde con quelli del CERN.

      L'etee non esiste, Michelson e Morley lo hanno scoperto molto tempo fa, nel 1887: da qui nasce la relatività speciale di Einstein.

      Nessuno tortura Madre Terra e men che meno si sentono dei, anzi si sentono delle formiche davanti alla vastità di tanta magnificenza.

      Ah, comunque al Gran Sasso si trova un esperimento, BOREXINO, che ha raggiunto i più bassi livelli di radioattività mai raggiunti: si fidi che sicuramente loro sono i primi a non volere fughe di materiale radioattivo!

      Elimina
  4. Mai sentito parlare dell'incidente al laboratorio di fisica nucleare del Gran Sasso, accaduto il 16 agosto 2002? Eppure la procura della repubblica di L'Aquila sequestrò uno dei laboratori. Eccetera, eccetera, eccetera!

    RispondiElimina