4.7.20

GARGANO: PARADISO PERDUTO!

foto Gianni Lannes
©

di Gianni Lannes

L'immersione libera, a rischio e pericolo, riserva amare sorprese. Ridotto a degradata cartolina turistica da consumare fino in fondo. La frenesia generale nel belpaese, ormai fuori controllo, è quella di annichilire il territorio, soprattutto quello più bello. Il degrado sta distruggendo un luogo magico. Asfalto, cemento armato, montagne di rifiuti in mare e motoscafi ovunque, senza rispetto per naviganti a vela, bagnanti e subacquei. Addio bellezza naturale, storia e geologia, inclusa la geografia. Il caso meno noto ma più emblematico è quello di Baia San Felice: qualche petroliera deve aver lavato le stive in prossimità del famoso “architiello”dove ormeggiano perennemente branchi di natanti a motore, purtroppo impregnato di catrame nella scogliera. In loco i fondali sono tappezzati di plastica e scarseggiano le forme di vita, razziate dai bombaroli baresi a caccia di datteri. Non è stata risparmiata la pineta costiera contaminata anch'essa dalla spazzatura che ha preso il sopravvento sulla macchia mediterranea. 

 foto Gianni Lannes
©

Una menzione particolare spetta alla storica Torre di avvistamento, risalente all'anno 1500, trasformata in un mostro sopraelevato - col tacito consenso omertoso della soprintendenza al ramo - con adiacente parcheggio automobilistico. Senza contare i parcheggiatori abusivi che pretendono impunemente il pizzo dai malcapitati villeggianti. Nonostante le interdizioni alle grotte marine soggette a rischio idrogeologico, operatori commerciali senza scrupoli, da anni sotto gli occhi dell'omertosa Guardia Costiera locale, ammassano frotte di turisti in barba agli assembramenti virali, pur di far soldi a tutto spiano.

USTICA: STRAGE DI STATI ALLEATI!


Relitto del Dc9 Itavia - foto Gianni Lannes
©


di Gianni Lannes

 

Segreti, menzogne e depistaggi mondiali di militari, politicanti, magistrati, giornalisti, nonché di sedicenti esperti telecomandati (a partire dal criminale Cossiga e così via). Perché dopo 40 anni la strage del 27 giugno 1980 in cui persero la vita 81 persone (senza contare quelle eliminate negli anni a seguire) è ancora una verità indicibile? A conti fatti l'Italia nel 2020 non è più uno Stato a sovranità limitata, bensì azzerata.

 

 

Ecco la prima grande menzogna dello Stato Maggiore Aeronautica tricolore, che depistò anche le ricerche. Il Dc9 Itavia ammarò (e non si schiantò) nonostante i danni subiti, al largo di Ponza e Ventotene, non di Ustica (atto del primo depistaggio istituzionale), alle 21 circa. Ufficialmente il suo punto di scomparsa dagli schermi radar di Ciampino (dispositivi Selenia e Marconi), rilevabile fino ad una quota minima di 8 mila piedi, in prossimità del punto Condor, ovvero l’intersezione tra l’aerovia civile Ambra 13 e quella militare Delta Whiskey 12, era il seguente: 39°43’N – 12° 55’E. Racconta Daria Bonfietti, presidente dell'associazione vittime della strage di Ustica: «L'aereo è dato per disperso alle 5 della mattina. Non capivamo. Cosa vuol dire un aereo dato per disperso? E' caduto, è stato dirottato? Cosa è successo»?

1.7.20

DIDATTICA GRULLINA!


Legge 41/2020


di Gianni Lannes

Grillina o grullina? Tutto e il contrario di tutto. Ecco l'ultima sparata in ordine temporale. Lucia Azzolina in audizione alla commissione Istruzione del Senato ha dichiarato alla lettera:

«Nessuno ha mai affermato che la didattica digitale possa o debba sostituire la didattica in presenza. La configurazione concettuale e concreta dell'attività a distanza rappresenta una sfida e al contempo un'opportunità, complementare alla didattica in presenza».

Invece, leggendo con attenzione il Decreto legge 8 aprile 22/2020 (convertito in legge 6 giugno 2020, numero 41) scopriamo che, di didattica a distanza si parla nell’articolo 2, comma 3 del quale, a quanto pare, molti non hanno letto neppure il titolo: “Misure urgenti per l’ordinato avvio dell’anno scolastico 2020/2021”. Si tratta, appunto, del prossimo anno scolastico. Al comma 3, è scritto testualmente: «In corrispondenza della sospensione delle attività didattiche in presenza a seguito dell’emergenza epidemiologica, il personale docente assicura comunque le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a disposizione …».

Dunque, l'Azzolina ha mentito. Insomma, una netta sterzata rispetto alle posizioni sostenute in un recentissimo passato, quando certo non aveva parlato di una sostituzione tout-court della didattica tradizionale con quella a distanza ma della seconda aveva tessuto sperticate lodi, arrivando anche ad ipotizzare la ripresa del prossimo anno a scolastico a distanza. L'Azzolina ha ricordato che «nel mese di settembre 2020, le attività didattiche riprenderanno in presenza e in sicurezza su tutto il territorio nazionale». Ma se il 31 luglio 2020 scade l'emergenza sanitaria, perché l'8 aprile sono state emanate tali misure di contenimento valide per il prossimo anno scolastico? Tutto pianificato come da copione eterodiretto?

Legge 41/2020


IL VIRUS COVID 19 NON ESISTE!





di Gianni Lannes

Inganno, menzogna e paura iniettata nel corpo sociale. Italidioti: pecoronavirus tricolore in coda ubbidienti e politicanti analfabeti. Il virus Covid 19 non esiste.  Dopo 6 mesi l'inquilino pro tempore di Palazzo Chigi e quello in scadenza del Quirinale, confondono ancora in Gazzetta Ufficiale il nuovo coronavirus (Sars CoV2) con la malattia (Covid 19). Insomma, chi comanda sia pure per conto terzi, non ha ancora imparato la banale differenza.




Eppure, il primo ministro Conte bis sforna ancora dpcm (provvedimenti amministrativi illegali, illegittimi che sospendono i diritti costituzionali) fuorilegge, marchiati da inconfondibili errori scientifici, mentre gli italopitechi fanno la fila con il bavaglio e il teleguinzaglio. 

 

Un tempo l'Italia era culla della cultura e del sapere, oggi è diventata la patria dell'ignoranza conclamata ed esibita, soprattutto dai rappresentanti istituzionali.


Nell'epoca della conoscenza il belpaese è in avanzato declino. Comunque, se la Costituzione repubblicana è sospesa da provvedimenti normativi di rango infimo e minore, scribacchiati frettolosamente sotto dettatura dall'estero, allora, a ragion di logica e di giurisprudenza, è sospesa anche la legge medesima nonché la relativa osservanza. L'ubbidienza - per dirla con don Milani - non è una virtù.

IL MERCATO TRICOLORE DEI BAMBINI!



fonte: ministero Politiche sociali (rapporto maggio 2020)


di Gianni Lannes


Stragi invisibili: il segno mostruoso dei tempi correnti. Il dramma va in onda sotto gli occhi indifferenti di tutti, mentre la politica italidiota è ormai teatrino. In Italia, dal primo gennaio al 31 maggio 2020, nei centri di cosiddetta “accoglienza” sono scomparsi ben 345 minori (37 solo nel periodo dall'1 al 31 maggio), nonostante il coprifuoco imposto dal Conte bis a tutta la nazione. Possibile che le forze dell'ordine non si siano accorte - come sempre - delle sparizioni di tanti piccoli esseri umani in custodia presso lo Stato italiano? Secondo i dati ufficiali del ministero delle politiche sociali, risultano spariti anche bambini di appena qualche anno. Passano tutti a miglior vita? Zelanti carabinieri e poliziotti erano forse in letargo avanzato? Come fanno a rendersi irreperibili pargoli appena approdati all'esistenza umana? A gonfie vele, nonostante la crisi. Nel belpaese la carne di minore rende sempre. E a guadagnarci in soldoni sono anche tante toghe insospettabili. Dal primo gennaio 1974 al 31 marzo 2019, secondo i dati del ministero dell'Interno, proprio in Italia sono svaniti nel nulla (e mai più ritrovati) addirittura 42.044 bambini. Interpellato Sergio Mattarella tace da 4 anni, eppure al Quirinale la più alta carica statale soggiace. C'è un giudice almeno a Berlino?


Riferimenti:

Gianni Lannes, BAMBINI A PERDERE, Luigi Pellegrini editore, Cosenza, 2016.



29.6.20

VENTOTENE: ISOLA DI LIBERTA'

 
 
Foto Gianni Lannes
©


di Gianni Lannes

Più che un'isola vulcanica sembra una rocciosa barca a vela: battuta dal mare ed esposta a tutti i venti. Lunga meno di due chilometri e larga fra duecento e ottocento metri, eppure ingombrante per il suo passato. Qui la bellezza è offerta dalla luce solare e dall'azzurro della distesa marina, in parte offuscata dalla bramosia umana che ha offeso l'archeologia ed annichilito l'ecologia. Troppo cemento armato, molti motoscafi e tante automobili l'hanno trasformata in una cartolina turistica. Insomma, degrado ed omologazione al peggio, ormai paradigma del belpaese. Esistono luoghi cui la natura, gli esseri umani e la storia sembrano assegnare incredibili destini. Nonostante le ferite è ancora un eden.  "Ventotene è un luogo dell'anima, a cui far ritorno" mi racconta l'autoctona Serena Verde.

 
Foto Gianni Lannes
©

18.6.20

CORONAVIRUS? NO, UN MONDO DI ROBOT!



di Gianni Lannes

Benvenuti nell'era digitale, dove l'artificiale sovrasta il naturale. La tecnocrazia prende il posto della finta democrazia. È solo il preludio di quello che verrà. Nulla sarà mai più come prima, a partire dall'essere umano annichilito dal sistema di dominio e trasformato in automa telecomandato; eppure prevale l'incoscienza generale. L'aria pullula di agenti patogeni letali? È ciò che i detentori del potere vi hanno fatto credere, iniettando la paura nel corpo sociale, alimentando l'angoscia globale, imponendo regole assurde a livello maniacale. Tranquilli: il nuovo coronavirus (Sars CoV2) è solo un catalizzatore usato per la transizione mondiale verso il sesto paradigma tecnologico, vale a dire economia e vita sociale basate esclusivamente sull'intelligenza artificiale. In questo nuovo regime totale, la libertà non conta più niente: gli esseri umani sono già trattati come cose, usati come oggetti, considerati alla stregua di nullità senza diritti. La bramosia di velocità è il vero paradigma distruttivo.

17.6.20

NATURA: BELLEZZA INFINITA!

foto Gilan

Meraviglie di madre Natura: una nuvola, anzi un orso polare, compare oggi nel cielo solare e il blu sembra volare.

Gianni Lannes

IN CHE COSA CONSISTE LA NATURA UMANA?


di Luisa Piarulli*

Il giornalista Gianni Lannes, in uno dei suoi numerosi articoli che propongono sempre lucide analisi sociali, culturali e politiche, si chiede “in che cosa consiste la natura umana”. Una domanda secolare che ha trovato svariate risposte, teorizzazioni e pedagogie. Tuttavia, questo terzo millennio, apparentemente progredito e sviluppato, si rivela così incoerente e contraddittorio, frammentato e malato, ingiusto e moraleggiante, meccanicistico e dis-umano, che vale la pena riproporre questa come tante altre domande. Che cos’è la natura umana? Che cos’è la verità? Porre domande è necessario, come ci ha insegnato Paulo Freire, la pedagogia della domanda è la speranza di riumanizzazione, conduce alla verità.


PEDOPORNOGRAFIA: BOOM IN ITALIA!

foto Gilan

di Gianni Lannes

Il canale Telegram «Stupro tua sorella 2.0» è una chat con migliaia di iscritti che possono impunemente (a tutt'oggi 17 giugno 2020) scambiarsi indisturbati fotografie e video di ragazze minorenni, con continue istigazioni alla pedopornografia e al femminicidio. Il più grande network italiano di revenge porn si trova su Telegram, in un'enorme chat accessibile a tutti, contenente foto e video di atti erotici e sessuali pubblicati senza il consenso o la consapevolezza delle vittime e utilizzati per mettere in scena il rito dello stupro virtuale di gruppo.

 Telegram (17 giugno 2020)
Si tratta solo della punta del classico iceberg, eluso o ignorato anche dalla società (mascherata). Sono diversi i gruppi segnalati da alcuni utenti: quello principale, che contava quasi 50 mila iscritti, è stato chiuso, ma ne sono stati aperti molti altri, e tuttora vi si stanno riversando immagini pedopornografiche. Tutti i canali si chiamano «Stupro tua sorella 2.0» e, a quanto pare, sono molti gli utenti che, dopo aver salvato le foto sui propri dispositivi, continuano a inserire fotografie sempre corredandole di insulti e istigazioni alla violenza.

16.6.20

MICROCHIP: DALL'UOMO AL ROBOT!



di Gianni Lannes

Naturale o artificiale? Progresso o regresso? Sicuramente un passo indietro etico e sociale. Il microchip sottocutaneo è ormai realtà, per trasformare l'essere umano (docile, passivo e obbediente) in macchina telecomandata. Il pretesto è aberrante: la presunta sicurezza e la praticità. La parola d'ordine del sistema di dominio eugenetico è gradualità (Overton docet). Identità elettronica e schedatura sanitaria avanzata mediante il nanochip da sorveglianza di massa (invisibile come un granello di polvere) inserito nei vaccini.

Inquietante l'intervista all'arrembante Eric Larsen di Biohax (in trattativa avanzata col governo tricolore, al ramo sanità), il manager che prospetta un destino ineluttabile per gli umani. Nel futuro gli umani saranno sottomessi agli androidi? Nel frattempo la falsa pandemia alimentata da OMS, governi eterodiretti, multinazionali del crimine e mass media sotto padrone, ha infuso un'accelerazione al processo di digitalizzazione della società.

ITALIA: UN MARE DI PLASTICA!

Gargano (estate 2020) foto Gilan


di Gianni Lannes

Rifiuti di ogni tipo, forma e dimensione sulle spiagge italiane. Ultimi arrivati - grazie alla fobia virale - guanti e mascherine. Altro che bandierine blu, acquistate a buon mercato dalla pubblica amministrazione: la plastica prevale ricoprendo gli arenili e soffocando le distese marine.

 Gargano (estate 2020) foto Gilan
 
Siamo alla catastrofe annunciata ormai da decenni: più del 70 per cento dei rifiuti marini è depositato nei fondali italiani e il 77 per cento è costituito da plastica. L'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e il Sistema per la protezione dell'Ambiente (Snpa) hanno lanciato da tempo un grave allarme sulla base dei risultati emersi dal monitoraggio della qualità dei nostri mari (con dati ufficiali non aggiornati e sottostimati). 

ELETTROSMOG IN ITALIA!


di Gianni Lannes

Aumenta a dismisura l'inquinamento elettromagnetico nel belpaese, grazie anche al 5G e ai dispositivi militari nazionali, NATO e USA (alla voce MUOS) sempre fuori controllo, mentre scarseggiano i monitoraggi sulle potenze - civili e militari - irradiate a danno della salute umana. L'ultimo rapporto dell'Ispra (aggiornato al 2018), evidenzia “l'assenza dei Catasti elettromagnetici in diverse regioni del Paese”, a distanza di ben 19 anni dalla promulgazione della legge quadro numero 36, ma è soltanto la punta dell'iceberg. In Italia non vale il principio di precauzione.

(fonte: Enciclopedia britannica)

FORZE DELL'ORDINE: PRIME CAVIE VACCINALI!


di Gianni Lannes

Il copione "nuovo coronavirus" - preconfezionato all'estero - era pronto da tempo. Se la sperimentazione del vaccino coronavirus sulle Forze di Polizia è, giustamente “del tutto incompatibile con i diritti tutelati dalla Costituzione”, a maggior ragione lo è anche per l'intera popolazione. Ma se per inventare, testare e provare un vaccino occorrono non meno di tre anni, l'elisir che viene già proposto, o meglio a breve imposto dalle autorità, che veleno sarà mai? Quel criminale a piede libero di Bill Gates (padrone dell'OMS), finanziato con denaro pubblico (287,5 milioni di euro) dal governicchio del Conte bis, ce l'aveva già nel cassetto?

15.6.20

VACCINO OBBLIGATORIO PER TUTTI I POLITICANTI!

 

Per vedere l'effetto che fa. Ecco la sperimentazione tutta italiana per domare il Sars Cov2, addirittura confuso dai governanti italopitechi con la malattia (Covid 19). I rappresentanti istituzionali e le autorità di ogni ordine e grado devono dare il buon esempio, sacrificandosi per una giusta causa.

Se il vaccino anticoronavirus è cosa buona e giusta, allora i primi a sottoporsi all'iniezione vaccinale saranno i politicanti tricolore, a partire dall'inquilino in scadenza del Quirinale (Mattarella) e da quello pro tempore di Palazzo Chigi (Conte bis); a seguire tutti i componenti del governo ed ovviamente i parlamentari, nessuno escluso, incluse le loro rispettive famiglie. Infine, toccherà agli esperti ed ai televirologi farsi marchiare, Burioni, Ricciardi e Colao in primis.

Gianni Lannes

CONSIGLIO D'EUROPA: VIETATO IL DISSENSO SUL 5G!



 
di Gianni Lannes

L'Europa delle multinazionali affaristiche dedite ad implementare il controllo totalitario sui popoli del vecchio continente, attraverso la Segreteria Generale del Consiglio dell’Unione Europea, ha inviato a tutti i delegati le conclusioni intitolate “Dare forma al futuro digitale d’Europa“, approvate con procedura scritta il 9 giugno 2020. Nelle 24 pagine del documento istituzionale, risalta l'inquietante punto 36, dove è scritto testualmente:

«Sottolinea che, nell’ambito della diffusione di nuove tecnologie come 5G/6G, è importante preservare la capacità delle forze dell’ordine, dei servizi di sicurezza e della magistratura per esercitare efficacemente le loro legittime funzioni; tenendo conto delle linee guida internazionali per gli effetti sul campo elettromagnetico sulla salute; rilevando che è importante combattere la diffusione di disinformazione sulle reti 5G, in particolare per quanto riguarda le affermazioni secondo le quali questa rete costituirebbe una minaccia per la salute o il fatto che sarebbe collegata al COVID-19».

 Nel vecchio continente il dissenso critico è ormai un tabù conclamato, anzi quasi un reato. Non a caso, la nocività ambientale è soprattutto una strategia di dominio dell'umanità, non solo una conseguenza del modo di produzione industriale.


Riferimenti:


LA VOCE DELL'AMORE!

foto Gilan

Tutte le notti entri nei miei sogni con sorrisi, pensieri. E mi dici: “Torno presto, non piangere. Sarò sempre nel tuo cuore e nella tua mente”!

Mamma ti voglio tanto bene. Quando ti sogno e ti vedo sono felice. Mi manca la tua voce!

Francesco Lannes

PIANO COLAO: BOCCIATO!



di Gianni Lannes

Ecco l'Italia del futuro già presente: il trionfo della tecnocrazia che spazza via i brandelli di democrazia. L'emergenza sanitaria è solo un pretesto per annichilire la libertà dei mansueti italopitechi. Parlamento esautorato ormai definitivamente. I cosiddetti esperti in materia economico e sociale, guidati da mister Vittorio Colao, hanno sfornato il mostro totalitario, mascherato e scopiazzato in alcuni passaggi da un libro sull'università, firmato anche da uno dei componenti della commissione. Tutto passa fondamentalmente attraverso la digitalizzazione del belpaese, vale a dire il controllo elettronico di ogni cittadino, anche mediante il telefono portatile. Si va, infatti, dalla forte limitazione del denaro contante, all'accelerazione del pericoloso 5G. E poi altri interventi peggiorativi sulle infrastrutture, sul turismo, sul codice degli appalti e sulla fiscalità, rispolverando il progetto del discusso Ponte sullo Stretto, tanto caro alla mafia; insomma, deregulation, per voler usare un inglesismo abusato dagli estensori di questo sangherato piano capitalista, in salsa eugenetica. Per non parlare di scuola e sanità pubblica. Nel primo settore alla fine dell’anno scolastico il governicchio grulpiddino non ha combinato nulla di positivo per cercare di creare i presupposti per una didattica autentica (in presenza) che segni una inversione di tendenza, rispetto alle croniche criticità che caratterizzano il nostro sistema educativo, dalla precarietà del personale docente, fino alle classi pollaio e l’annosa questione della agibilità degli edifici. In altri termini , sulla scuola è un trionfo della linea aziendalista, con continui riferimenti allo stretto rapporto tra sistema educativo e imprese. Sulla sanità al di là degli impegni dichiarati e i primi inadeguati investimenti, per ora non si vedono chiare inversioni di tendenza. Rilancio? Piuttosto, affondamento dello Stivale con annessa precarietà a vita, però legalizzata.



Riferimenti:


INGLESI MASCHERATI COME GLI ITALIANI!

di Anna Turletti

Da ieri, negli UK la mascherina è diventata obbligatoria. Tremila watchdog all'interno dello staff della rete dei trasporti pubblici inglese sono stati assunti per controllare i passeggeri che se si faranno vedere senza verranno sanzionati. Questo provvedimento viene applicato su ogni mezzo di trasporto: dalla metro al treno, dal bus all'aereo. Saranno  però esenti a indossarla gli autisti dei bus,  quelli della metropolitana, i macchinisti dei treni, la polizia, i lavoratori nei settori d'emergenza, i ragazzi sotto gli 11 anni ed eventuali pazienti che soffrono di patologie legate all'asma. Questa obbligatorietà è al momento attuata esclusivamente in Inghilterra, mentre i governi dell'Irlanda, della Scozia e del Galles si limitano a raccomandarne l'uso. Sarà che la presenza del sig. Colao a Londra influisce negativamente sulla politica inglese?  



 

SPERANZA: VACCINO PER TUTTI!



di Gianni Lannes

Non è stato ancora sperimentato, eppure l'hanno comprato a scatola chiusa e con denaro pubblico. A tempo debito sarà obbligatorio e non facoltativo: dopo neonati e bambini ora la marchiatura colpisce anche gli adulti. Il copione è preconfezionato da tempo. A vendere la pericolosa soluzione vaccinale è una famigerata azienda che compra tutti, a partire dai camici bianchi, inclusi i politicanti eterodiretti. 

 
("Trasferimenti di valore": ovvero mazzette)


Il ministro della Salute, tale Roberto Speranza, ha annunciato entusiasta la conclusione di un contratto (in bianco) di approvvigionamento per 400 milioni di dosi di un “vaccino contro il Covid-19”. All’accordo hanno aderito anche i ministri della Salute di Germania, Olanda e Francia. Evidentemente, Speranza e soci non sanno ancora che il nuovo coronavirus è stato denominato Sars Cov 2, mentre la malattia, appunto Covid 19, ma non viceversa. Insomma, il livello delle autorità è a livello rasoterra.


C'ERA UNA VOLTA LA SCUOLA!

foto Gilan

di Gianni Lannes

Dai colori al grigiore, dal calore all'ansia da prestazione, dall'umanità alla macchina, dalla generosità spontanea ai progetti fasulli targati "pon", dove girano tanti soldoni facili. In un tempo non lontano, quando le emozioni sgorgavano con le stagioni, la scuola in Italia iniziava il primo ottobre. 24 ore di lezione (piene) per sei giorni alla settimana. Poi subentrò il progressismo e la scuola smarrì innanzitutto il suo compito cognitivo. Peraltro, la cosiddetta "didattica a distanza" (che nulla ha da spartire con la didattica) ha consentito a numerose aziende private - in barba al diritto alla riservatezza dei dati personali - mediante le piattaforme elettroniche, di schedare in un solo colpo minori e genitori.

12.6.20

EPIDEMIA COLPOSA O PROCURATO ALLARME DEL CONTE BIS?



di Gianni Lannes

Omissione, collusione o falsificazione? In qualsiasi caso, il Conte bis pur stravaccato a Palazzo Chigi, vanta una gravissima responsabilità penale. Fino alla fine di febbraio il sedicente avvocato del popolo, ha seguitato a ripetere in conferenza stampa e poi in Gazzetta Ufficiale confondendo il virus (Sars CoV2) con la malattia (Covid19) - che non c'era pericolo. La contraddizione è palese con quanto invece enunciato nella deliberazione del consiglio dei ministri, datata 31 gennaio 2020. Fino all'11 marzo - data del relativo dpcm - sono trascorsi ben 40 giorni, vale a dire il nulla mischiato al vuoto assoluto. Nel fattempo, però, il governicchio tricolore ha autorizzato l'assembramento gigantesco del festival di Sanremo.
 

CANCRO A NORMA DI LEGGE IN ITALIA!



di Gianni Lannes

Ecco la vera emergenza dimenticata, anzi occultata. Neoplasie mortali causate dall'inquinamento, altro che nuovo coronavirus (pretesto e distrazione utile ad annichilire la libertà). In media ogni giorno oltre 485 persone muoiono in Italia a causa di un tumore, in base agli ultimi dati dell'Istituto nazionale di statistica relativi al 2016. I numeri ufficiali, comunque, non sono aggiornati, ma soprattutto, risultano ampiamente sottostimati. Nel 2019 ben 371 mila persone nel belpaese hanno ricevuto una diagnosi di tumore.

11.6.20

IL NUOVO CORONAVIRUS È FINITO!



di Gianni Lannes


Nell'era della surrealtà, la vera protagonista è la menzogna propagata dal potere politico ed amplificata dai mass media. Una virulenza gonfiata dagli esperti di turno, soprattutto dai prezzolati televirologi della domenica e da bar sport. Altri due medici (Zangrillo e Gulisano) in Italia, lo hanno confermato e ribadito a chiare lettere. Il virus coronato ha terminato la sua corsa, nonostante la parata di Carnevale. Non ci sarà alcuna seconda ondata: il Sars Cov 2 (il virus), definito erroneamente e ripetutamente da tutte le autorità, addirittura Covid 19 (la malattia), è solo un minaccioso pretesto usato da autorità (tricolori) eterodirette dall'estero e istituzioni telecomandate dal potere economico, per poter prorogare le misure coercitive al fine di annichilire la libertà. L'ingrediente fondamentale usato dalla tecnocrazia è la paura, iniettata a massicce dosi nel corpo sociale: un'arma di controllo delle masse ignoranti e belanti. L'obiettivo generale è la sottomissione dell'umanità.

Riferimenti:



287,5 MILIONI DI EURO DALL'ITALIA AL PLURIMILIARDARIO BILL GATES!




di Gianni Lannes


Toglie ai poveri per dare ai ricchi. Il Conte bis gioca al rilancio, però, con i soldi degli altri. La mazzata finale: a un passo dal baratro fallimentare. Sale a dismisura il costo della vita in Italia: rincarano le bollette e aumenta la spesa dei generi di prima necessità, mentre disoccupati e inoccupati ormai non si contano più. Eppure Giuseppi che fa, dopo tante menzogne da quaquaracquà? Promette sempre più denaro pubblico al plurimiliardario Bill Gates.

Infatti, il primo ministro Giuseppe Conte ha annunciato che verserà un generoso contributo, pari complessivamente a 287,5 milioni di euro, a due organizzazioni vicine al finto filantropo Bill Gates. La somma non è un regalo del sedicente avvocato del popolo, bensì dello Stato italiano, ovvero degli ignari contribuenti.

Insomma, facciamo beneficenza, senza saperlo, a una fondazione straniera molto ricca che dal 2006 chiede denaro a tutti i Paesi benestanti, per sostenere le ricerche sui vaccini. In spregio alle istituzioni Conte ha già deciso di usare quel denaro pubblico senza coinvolgere il Parlamento. Quei soldi, invece, potrebbero sostenere le criticità dell'Italia: i disoccupati, i disabili, le scuole.

BELLEZZA CONTAGIOSA!

Foto Gilan ©
 

di Gianni Lannes

C'era una volta il belpaese. Bellezza, creatività, fantasia, arte e magia, ingegno, storia e geografia, poesia e filosofia.

 
Foto Gilan ©
L'Italia è un'emozione che dal passato parla ancora al presente, nonostante le brutali ferite e l'angoscia dilagante. Il futuro del belpaese richiede sacrificio non sottomissione, subordinazione e rassegnazione al peggio. Ancora e sempre: consapevolezza critica, indipendenza, dignità e sovranità.

Riferimenti:

CORONAVIRUS: ANALFABETI AL GOVERNO E AL PARLAMENTO!



di Gianni Lannes

Il "virus Covid 19" non esiste, semmai il Sars CoV2. L'epidemia di abissale ignoranza non è finita: insistono insidiosi focolai al governo e in Parlamento. Infatti, ancora oggi il ministro in scadenza Speranza e il presidente pro tempore del Parlamento tale Fico, confondono platealmente il nuovo coronavirus (denominato a livello mondiale con il termine Sars CoV2) e la malattia definita Covid 19. Il titolare della “salute” blatera ancora di distanziamento sociale e mascherine, mentre parte il calcio ma non riapre la scuola, definita da Speranza comunque una “priorità”, però reclusoria. La situazione di contagiosa incompetenza delle autorità (il peggior esecutivo della Repubblica italiana, grazie anche all'inconsistenza dell'opposizione con tanto di bavaglio incorporato), dà la misura incredibile dello scarso livello cognitivo di chi "governa", o meglio amministra per conto terzi il belpaese.



Dopo aver iniettato per mesi, paura (amplificata dai mass media in coro) nel corpo sociale del gregge italopiteco, aver scarcerato fior di mafiosi e criminali, multando i corridori occasionali in riva al mare o addirittura i passeggiatori isolati in montagna, la farsa del virus coronato si trasforma in incubo. Va in onda l'avanspettacolo tricolore: dettano legge analfabeti, ignoranti e tracotanti stravaccati sul cadreghino istituzionale a spese del cittadino, ormai trasformato in suddito e cavia.

(fonte: Istituto Superiore di Sanità)



Riferimenti:







10.6.20

OMS: SOTTO GATES!



Non è un segreto: il denaro sporco di Bill Gates corrompe ovunque e chiunque. L'attuale direttore generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità  (ormai specializzata nell'invenzione di false pandemie e nel dettare regole suicide all'umanità), Tedros Adhamon Ghebreyesus, non è un medico, al pari del finto filantropo Bill Gates, bensì un controverso ex ministro dell'Etiopia nel governo dittatoriale di Meles Zenawi. Ecco il tramolino di lancio di un maggiordomo: la nomina all'OMS, quando presidente dell'Unione Africana - che si prodigò per la sua elezione - era il criminale Mugabe, dittatore dello Zimbabwe che volle “ambasciatore di buona volontà”. 

5G: ADDIO SALUTE!




di Gianni Lannes


Principio di precauzione? Eluso o volutamente ignorato dall'autorità che dovrebbe tutelare la salute pubblica. Tanto denaro in cambio della salute umana. Affari governativi sulla pelle e a danno degli ignari italiani. Un'ecatombe voluta dalle istituzioni al soldo del potere economico?  Il 16 marzo 2017, il Ministero dello sviluppo economico, al fine di introdurre in Italia la tecnologia di trasmissione 5G ("5th Generation") per i cellulari di ultima generazione, ha aperto la procedura di acquisizione di proposte progettuali per sperimentazioni pre-commerciali nella disponibilità di spettro radio 3700 MHz. Tale iter concerne: Area 1 - Milano - Città Metropolitana (61 comuni), Area 2 - Prato e L'Aquila, Area 3 - Bari e Matera. Il 2 agosto 2017 sono state rilasciate le relative graduatorie: Vodafone si è aggiudicata Area 1, Wind Tre e OpenFiber l'Area 2, Tim, Fastweb e Huawei l'Area 3.
 

NUOVO CORONAVIRUS E MASCHERE DI CARNEVALE!



Il New England Journal of Medicine ha ammesso che le maschere sono poco più che simboli. Segnalazione di virtù. (...) New England Journal of Medicine del 21 maggio 2020:

"Sappiamo che indossare una maschera al di fuori delle strutture sanitarie offre una protezione minima, se del caso, dalle infezioni. Le autorità sanitarie pubbliche definiscono un'esposizione significativa a Covid-19 come contatto faccia a faccia entro 6 piedi con un paziente con Covid-19 sintomatico che viene sostenuto per almeno alcuni minuti (e alcuni dicono più di 10 minuti o anche 30 minuti ). La possibilità di catturare Covid-19 da un'interazione di passaggio in uno spazio pubblico è quindi minima. In molti casi, il desiderio di mascheramento diffuso è una reazione riflessiva all'ansia per la pandemia. Quindi, perché ci viene ordinato di indossare le maschere? Simbolismo. Dallo stesso articolo in NEJM: È anche chiaro che le maschere svolgono ruoli simbolici. Le maschere non sono solo strumenti, ma sono anche talismani che possono aiutare ad aumentare il senso di sicurezza, benessere e fiducia degli operatori sanitari nei loro ospedali. Il chirurgo generale è stato ampiamente deriso e ridicolizzato per aver suggerito a marzo che le maschere potrebbero persino aumentare la diffusione del virus. Eppure, qui, lo stimato New England Journal of Medicine fornisce lo stesso avvertimento per chi porta le maschere: Ciò che è chiaro, tuttavia, è che il mascheramento universale da solo non è una panacea. Una maschera non proteggerà i fornitori che si prendono cura di un paziente con Covid-19 attivo se non è accompagnato da un'igiene meticolosa per le mani, protezione per gli occhi, guanti e un abito. Una maschera da sola non impedisce agli operatori sanitari con Covid-19 in anticipo di contaminare le loro mani e diffondere il virus a pazienti e colleghi. Concentrarsi sul solo mascheramento universale può, paradossalmente, portare a una maggiore trasmissione di Covid-19 se distoglie l'attenzione dall'implementazione di misure più fondamentali per il controllo delle infezioni. Pertanto, l'argomento è finito. Chiunque sostenga il mascheramento universale si sta semplicemente impegnando nella segnalazione della virtù, non nella salute pubblica.” È tempo di smascherarsi...".


Fonte:

https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp2006372?query=TOC

Riferimenti:

https://sulatestagiannilannes.blogspot.com/search?q=coronavirus