22.3.17

L’ITALIA IMPORTA GRANO RADIOATTIVO DALL’ESTERO



Francia: centrali nucleari


Francia: aree di coltivzione del grano


di Gianni Lannes

Il belpaese importa montagne di frumento da nazioni nucleari senza adeguati ed approfonditi controlli sanitari. Tra i principali fornitori spiccano Russia (35 impianti attivi) , Ucraina (15 impianti attivi), Stati Uniti d’America (99 impianti attivi), Canada (19 impianti attivi) e Francia (58 impianti attivi). Si tratta dei paesi tra i più inquinati al mondo dalla radioattività. Basta leggere il database aggiornato dell’IAEA, oppure esaminare gli studi e le analisi della CRIIAD di Parigi o la letteratura scientifica a livello mondiale, oppure i rapporti dell’Oms. In Francia l’ultimo incidente, come hanno registrato le cronache internazionali, si è registrato il 9 febbraio scorso. Senza contare tutti quelli del passato insabbiati o ignoti e comunque gli impianti dismessi, le fabbriche di produzione del combustibile nucleare e i depositi di scorie radioattive. Senza contare il disastro di Chernobyl riverberato su alcuni territori del vecchio continente. Le conseguenze? A danno della salute umana, soprattutto degli ignari consumatori italiani. L'Unione europea - alla voce Codex alimentarius - ha innalzato i limiti di radionuclidi inquinanti negli alimenti, che non sono di natura biologica, bensì dettati come sempre dagli interessi finanziari. Giusto per dare un'idea: il plutonio 239 ha un'emività (ossia è pericoloso) di 24.400 anni. Certifica la scienza in materia: anche dosi infinitesimali di radioattività possono innescare processi di cancerogenesi, teratogenesi e mutagenesi. Non a caso in Italia le patologie tumorali aumentano sempre più. E le contromisure? La catena alimentare è compromessa pur di tutelare solo esclusivamente gli sporchi affari di pochi a danno di tanti? Siamo incamminati verso la catastrofe?




GRANO STRANIERO INQUINATO E NAVI DEI VELENI IN ITALIA





di Gianni Lannes

La speculazione economica, ovvero la ricerca spasmodica del profitto calpesta la vita. E così hanno tutte il lasciapassare per inondare il belpaese di rifiuti industriali spacciati per frumento. Ogni settimana approdano in Italia navi portarinfuse, sovente autentiche carrette del mare gestite in massima parte da mafiosi maltesi e turchi, battenti bandiere ombra ossia fuorilegge, cariche di frumento. I carichi provengono soprattutto da Canada, Stati Uniti d’America, Ucraina, Russia e Francia. Si tratta il più delle volte di grano di pessima qualità, spesso fabbricato in laboratorio dall'agrindustria o imbottito di sostanze chimiche, tale da renderlo un rifiuto speciale. A proposito di rispetto della legge: l’Agenzia delle Dogane quante e quali navi ha controllato effettivamente nel 2016 e nei primi 3 mesi del 2017? Quali esami ha condotto l’Istituto Superiore di Sanità anche solo per accertare il livello di radioattività? Al ministro Martina chiedo: quanto del grano seminato in Italia viene acquistato all'estero?



Ecco la panoramica odierna (22 marzo 2017), tenendo bene ben presente che il gruppo Casillo è quello che fa maggiore incetta di cosiddetto "grano" all’estero,  e quasi in regime di monopolio tricolore se ne vanta pure.


“CARICO DI BOMBE TEDESCHE DA CAGLIARI VERSO L’ARABIA SAUDITA”




di Gianni Lannes

Armi della Germania prodotte in Italia per alimentare la guerra e il terrorismo dell’Arabia Saudita. La Guardia di Finanza che invece di bloccare questo carico di morte, ferma un parlamentare della Repubblica italiana che giustamente vuole fare luce su questi traffici di morte. Dieci container di ordigni prodotti dalla tedesca RWM  in Sardegna. Il deputato Mauro Pili denuncia: «Nella notte caricate al porto di Cagliari, a bordo di una nave saudita, 2mila bombe tedesche prodotte a Domusnovas».

«Un carico di morte, l'ennesimo dal porto canale di Cagliari. Questa volta con palesi tentativi di nascondere la vergognosa gestione di questo traffico di bombe tedesche dalla Sardegna verso i paesi arabi». Lo attesta il deputato di Unidos Mauro Pili, che ha realizzato un video al Porto Canale di Cagliari, pubblicato su facebook. Evidentemente gli ordini da Roma sono come sempre di occultare ed insabbiare.
 

DUE GENERALI DEI CARABINIERI INDAGATI MA INTOCCABILI




di Gianni Lannes


Effetti del giglio magico ormai appassito. Il consiglio dei ministri, su proposta del ministro della Difesa (pardon, della "guerra"), Roberta Pinotti, ha prorogato l’incarico per il comandante generale dei Carabinieri Tullio Del Sette, indagato per favoreggiamento e rivelazione del segreto d’ufficio. L’ipotesi accusatoria è che il generale abbia riferito ai vertici di Consip (centrale acquisti della pubblica amministrazione italiana) l’esistenza di un’indagine della Procura di Napoli su presunti appalti truccati. Tra gli altri indagati c’è anche il generale Emanuele Saltalamacchia, ex comandante regionale dell’Arma in Toscana, ma anche il ministro dello Sport Luca Lotti, ex sottosegretario a Palazzo Chigi con Matteo Renzi. Nella conferenza stampa di fine anno il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni aveva confermato la propria fiducia sia a Del Sette sia a Lotti. Un carabiniere non è un civile e per questo motivo deve essere necessariamente al di sopra di ogni sospetto,  figuriamoci se si tratta del Comandante Generale dell'Arma.  


21.3.17

LA RICERCA INDIPENDENTE VA SOSTENUTA CONCRETAMENTE

Senza l'aiuto dei lettori non sarà possibile garantire alcuna attività nel 2017. Ricerca, analisi e studio richiedono tempo utile.

In questo sito dove migliaia di persone quotidianamente attingono gratis informazioni documentate, non ci sono sponsor o messaggi pubblicitari, e anche ciò consente di essere completamente indipendenti e non influenzabili. Se apprezzi questo lavoro di documentazione a disposizione di chiunque gratuitamente, puoi premiare SU LA TESTA! con una semplice  donazione.

Grazie e buon vento!
 
SU LA TESTA!

conto corrente di Poste italiane

iban:

IT80 J076 0115 7000 0009 3227 742
 

dall'estero:
 
codice BIC/SWIFT

BPPIITRRXXX

VACCINI: I CONFLITTI DI INTERESSI IN ITALIA





di Gianni Lannes

Il più pulito ha la rogna. Ecco chi sono quelli che vorrebbero massacrare di vaccini i bambini, inclusa l'Aifa che ha elargito denaro pubblico alla Glaxo, come ho scoperto e rilevato tempo fa. Il caso più eclatante, comunque, è quello di Gualtiero Walter Ricciardi, a capo dell’Istituto Superiore di Sanità.   



SMASCHERATI I VACCINI DI REGIME




di Gianni Lannes

 Sia chiaro: con la salute dei bambini non si scherza e non si fanno affari. «Solo in casi specifici, quali ad esempio alcuni stati di deficit immunitario, il medico può sconsigliare un intervento vaccinale. Il consiglio di non vaccinarsi nelle restanti condizioni, in particolare se fornito al pubblico con qualsiasi mezzo, costituisce infrazione deontologica» (8 luglio 2016: documento FNOMCeO). «Negli asili nido deve esserci chiarezza, basta con alchimisti e stregoni, i nostri asili devono avere i bambini vaccinati. Basta propaganda, coi vaccini non si scherza» (13 Ottobre 2016, Matteo Renzi). «Occorre contrastare con decisione gravi involuzioni, come accade, per esempio, quando vengono messe in discussione, sulla base di sconsiderate affermazioni prive di fondamento, vaccinazioni essenziali per estirpare malattie pericolose e per evitare il ritorno di altre, debellate negli anni passati» (24 Ottobre 2016, Sergio Mattarella).  
 

PEDOFILIA: PIU’ VIOLENZA SU NEONATI E BAMBINI




fonte:


COME COMINCIA UNA DITTATURA!




VOLTURINO: IL PAESE BOMBARDATO DALLE ANTENNE FUORILEGGE



Caro Lannes,
ho partecipato a un convegno a Foggia, presso l' Aula Magna di Giurisprudenza,
in cui era ospite il presidente dell' ANM, dr. P.C. Davigo, al quale ho
espresso tutte le mie rimostranze sulle vicende antenne: trentennali
archiviazioni della magistratura, falsi rapporti dei pubblici ufficiali,
uso di
energia elettrica in assenza di concessione edilizia e prestito della
stessa ad altre emittenti, mai indagati dalla magistratura. Antenna
militare abusiva dal 1971, allacciata ad un altro traliccio da cui trae
energia ed evasori della tassa ICI/IMU, di cui volevo parlare in maniera
riservata col Procuratore, non sono stato né ricevuto né è stato  aperto
un
fascicolo, per cui ho interessato la Procura Generale a Bari per la
settima volta, il Ministero della Giustizia e il CSM:
Dopo 25 anni, dissi ancora, i carabinieri hanno dichiarato di essere
incompetenti, e se la magistratura non li ha perseguiti, vuol dire che
anch'essa è  controllata, esposta a pressioni.
Quando gli chiesi un appuntamento per riferirgli più dettagliatamente e
mostrargli i documenti affinché mi desse un parere su come risolvere
questa situazione
scandalosa mi ha risposto, alla presenza del pubblico numeroso, di
rivolgermi al suo successore, tale era l'imbarazzo che il suo volto
mostrava non sapendo cosa rispondermi.

Salute.
Antonio Gagliardi, presidente associazione "ElettrosmogVolturino"

20.3.17

LA COMICA MARCIA SU ROMA DI GRILLO & DI MAIO




di Gianni Lannes

Sono un uomo libero e scrivo da sempre quello che penso sulla base di riscontri documentati ed oggettivi. Gli ultimi arrivati dovevano squarciare il Parlamento come una scatoletta. Invece hanno mandato in scena un'opposizione di carta velina. Nel dicembre 2008 quando partecipai ad uno spettacolo di Grillo a San Severo, ed il comico mi chiese di salire sul palco per parlare di inceneritori di rifiuti e mafie, pensavo che lo showman fosse genuino. E gli credevo ancora nel 2010 quando tenni a Genova in municipio, su invito del meetup locale, una conferenza. Invece, poi ho letto nel 2012 il rapporto declassificato del dipartimento di Stato nordamericano, relativo ad un incontro segreto - avvenuto nel 2008 - a Roma, presso la sede della rappresentanza diplomatica Usa, con l’allora ambasciatore Spogli. Un appuntamento celato ai grillini, propedeutico alla nascita del cooptato movimento 5 stelle.  

INQUINAMENTO DELL’ARIA: 21 MILA MORTI IN ITALIA OGNI ANNO

Italia (Campobasso): scie belliche - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)



di Gianni Lannes

Cause industriali ma soprattutto belliche: giorno e notte la NATO  manda in onda con il favore dei governi europei telecomandati da Washington, l’aerosolchemioterapia bellica (vietata dalla convenzione Enmod dell’ONU). Aerei a bassa quota, sorvolano soprattutto i centri abitati e rilasciano deliberatamente gas di scarico. Chi denuncia questo crimine contro l’umanità viene bombardato con minacce ed insulti. Più del 90 per cento della popolazione mondiale vive in luoghi dove l’inquinamento dell’aria supera i limiti di sicurezza indicati dall’Organizzazione mondiale per la sanità (Oms). È il risultato di una ricerca condotta da 16 scienziati coordinati dall’Agenzia dell’Onu, che si basa su dati raccolti in 3mila località dalle stazioni di rilevamento della qualità dell’aria, su modelli predittivi e sull’analisi delle immagini satellitari. Numeri che si riferiscono al 2012 e che, per la prima volta, l’Oms dettaglia paese per paese.

MOBY PRINCE, VOLPE 132, ILARIA ALPI E MIRAN HROVATIN, NAVE LUCINA…



 
Ilaria Alpi e Miran Hrovatin - foto di Raffaele Ciriello
di Gianni Lannes

Basta collegare i fili scoperti: la verità è emersa ma la giustizia italiana è latitante. Cosa ci faceva nel porto di Livorno la sera del 10 aprile 1991 e dov'era diretta la nave Theresa  che poi lasciò la rada portuale in tutta fretta la notte dell'incidente della Moby Prince? Cosa trasportava quel mercantile militarizzato USA? E il 'peschereccio' “21 Octobar II” donato dall'Italia alla Somalia , anch'esso sparito dal porto? Perché i soccorsi alla Moby Prince tardarono tanto, condannando così a morte 140 persone? Forse perché qualcosa non doveva essere visto da troppi occhi? La sera della tragedia del Moby Prince una nave di quella flotta si trovava per caso in quella zona di mare, ed eventualmente chiedergli se dopo l'"incidente" con chi voleva monitorare/interdire quel carico di cui una parte (forse) destinata in parte a gruppi palestinesi (via Beirut) che fine abbiano fatto gli operatori ostili, se eliminati o riconsegnati al governo di appartenenza senza che suddetto governo si sia assunto la corresponsabilità per la tragedia con-causata quella notte.


GUERRA NATO IN SICILIA




di Gianni Lannes


Il belpaese? Ridotto dallo zio Sam ad una colonia bellica a stelle e strisce, da cui far decollare la guerra contro mezzo mondo. I codardi italidioti ingrassano, ma a ribellarsi è soltanto l’Etna con le sue recenti eruzioni. Mentre i politicanti - inclusi gli onorevoli grullini volati in gita turistica al Muos di Niscemi  - si trastullano ben pagati dai fessi dei contribuenti, l’alleanza atlantica sta svolgendo l’ennesima prova di guerra nel Mediterraneo di casa nostra. 


19.3.17

I DANNI DA VACCINO





di Gianni Lannes

Perché indebolire l’immunità naturale e sostituirla con quella artificiale dei vaccini? Tutti i genitori italiani devono sapere che esiste la legge 210 del 1992, essa riconosce il danno vaccinale. Segno evidente che i vaccini possono anche provocare gravi problemi alla salute.  Perché il governo italiano nasconde il numero esatto dai danneggiati da vaccino in Italia (inclusi gli ignari militari tricolore) e, infatti, non risponde agli atti parlamentari?

Il morbillo mortale? Ma se lo abbiamo fatto quasi tutti prima dell'arrivo dei vaccini di massa e nessuno è mai morto? Ma di cosa sproloquiano gli esperti prezzolati e le autorità  ignoranti? Quanto avranno preso dalle case farmaceutiche per pontificare sulla bontà dei vaccini? E sulla base di quale fondamento scientifico, forse quello finanziato integralmente da Big Pharma?

VACCINI: UN IMBROGLIO OMS




di Gianni Lannes

La persuasione occulta è un tema classico affrontato dai sociologi già negli anni ’60. L'autorità non dice mai la verità. Ora, nella stagione dell’analfabetismo funzionale, l’Organizzazione mondiale della sanità - che impartisce ordini ai governicchi eterodiretti di mezzo mondo, incluso il nostrano con la ministra Lorenzin non laureata e che confonde i virus con i batteri - ha addirittura stilato una guida alla verità sui vaccini (la spina dorsale della truffa farmaceutica planetaria). Questo vademecum (seconda edizione) targato World Healt Organization ed intitolato How to respond to vocal vaccine deniers in public, spiega meglio di qualunque luminare prezzolato i trucchi per imporre alla popolazione belante qualcosa di pericoloso. E’ un testo elaborato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per fornire suggerimenti a qualunque autorità sanitaria su come rispondere in pubblico agli “anti vaccinisti” o ai membri del “movimento anti vaccini”.

18.3.17

ILARIA ALPI E MIRAN HROVATIN: UCCISI DAL SISMI

Ilaria Alpi e MIran Hrovatin - foto Raffaele Ciriello

di Gianni Lannes

E’ impossibile dimenticare due amici ammazzati. E’ un dovere morale ineludibile non mollare il caso, anche se ormai ho smesso di praticare il giornalismo investigativo. Correva l’anno 1994 quando il 20 marzo a Mogadiscio in Somalia, assassini prezzolati dal servizio segreto militare italiano, trucidavano la giornalista del tg3 ed il videoperatore indipendente. 

ITALIA: LA LEGGE NON È UGUALE PER TUTTI




di Gianni Lannes

Fortunato: graziato dal peculato. Il senatore Augusto Minzolini, giornalista del quotidiano la Stampa e poi direttore del Tg1, è stato condannato definitivamente a 2 anni e 6 mesi di reclusione, nonché all'interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena, con sentenza passata in giudicato alla Cassazione. Eppure non andrà in galera, perché è stato salvato dal Senato, o meglio dai parassiti forzitalidioti e piddioti. Ancora una volta i politicanti nullafacenti, la vera rovina dell'Italia, hanno calpestato la Costituzione repubblicana. 

UN VACCINO CONTRO LA STUPIDITA’

di Gianni Lannes

Le bufale del potere in una colonia a stelle e strisce. E’ quello che gli epidemiologi temono molto e chiamano “effetto gregge”. Dal ministro Lorenzin che ha confuso i virus con i batteri e non ha uno straccio di laurea ai pennivendoli sgramellinati, pardon  sgrammaticati e saccenti, agli scientisti e ai camici bianchi sul libro paga di chi spaccia veleni camuffati da farmaci. Accanto ad una responsabilità materiale ce n’è un’altra ben più grave di natura etica: la falsità dei mass media telecomandati dal potere economico. Insomma la menzogna è la vera protagonista dei tempi correnti. Non a caso l’Italia, svetta al 77° posto nella classifica ufficiale, relativa alla libertà di stampa ovvero alla disinformazione. Non a caso, si è appena dimesso il presidente del disordine dei giornalisti (un’altra casta), tale Iacopino. L’Italia è l’unico paese al mondo dove 4 vaccini per l’infanzia sono stati imposti con tanto di leggi a mezzo di tangenti, valga per tutti l’esempio del ministro sanitario De Lorenzo, che intascò nel 1991 ben 600 milioni di lire dalla Glaxo. Il medioevo tecnologico è impastato di ignoranza e oscurantismo. Ora hanno appena inventato un’epidemia fasulla e la diffondono in rete: terrorismo istituzionale. Ma la magistratura è in letargo? Alla prevaricazione e all’arroganza del potere si risponde con la rivolta morale, sociale e culturale, ossia materiale, non con l’aria fritta.

riferimenti:




17.3.17

GENTILONI HA REGALATO ZONE DI MARE ITALIANO ALLA FRANCIA: DENUNCIATO DAL DEPUTATO PILI

Caen: 21 marzo 2015 (foto per gentile concessione delle autorità francesi)


di Gianni Lannes

Invece di finire sotto processo per alto tradimento della patria, è stato promosso addirittura presidente del consiglio. E' l'Italia che affonda sempre più. Per la cronaca. Il 21 marzo 2015, in gran segreto, vale a dire tenendo all’oscuro l’opinione pubblica italiana, l’allora ministro degli esteri Paolo Gentiloni, attuale inquilino di Palazzo Chigi al posto del trombato Matteo Renzi, ha donato ben 339,9 chilometri quadrati di mare italiano ad uno Stato straniero. In Francia questo omaggio è stato ratificato dal Parlamento, in Italia invece proprio no.  L’11 marzo dello scorso anno si è dibattuto alla Camera sulla cessione delle acque territoriali fatta a favore della Francia, con accordo firmato appunto a Caen il giorno 21 marzo 2015.  Il dibattito scaturito dall’interpellanza urgente numero 2/01308, presentata dal deputato sardo Mauro Pili di Unidos, riassume la vicenda. La risposta del sottosegretario di Stato allo Sviluppo Economico, tale Antonello Giacomelli, è stata a dir poco vergognosa, anzi omertosa. 

UNA STELE DELLA DAUNIA A LONDRA: RIPORTIAMOLA A CASA!





fonte:

http://www.dauniatur.it/wp/2017/03/16/riportiamo-a-casa-un-frammento-di-storia-della-daunia/

riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=DAUNIA

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/06/lutopia-del-gargano.html

VACCINI: IL MINISTRO LORENZIN DA’ I NUMERI AL LOTTO





di Gianni Lannes

Premessa fondamentale: giù le mani dai bambini o si scatenerà una guerra civile da farvi impallidire.

Le multinazionali di Big Pharma premono per incrementare le vendite a discapito della vita di bimbi e adolescenti, e così va in onda la follia istituzionale, ma la gente non la beve più come una volta. E’ in atto un risveglio di coscienza. La medicina non è una scienza: sia chiaro agli analfabeti funzionali con tanto di camice bianco e ai politicanti da strapazzo meritevoli di un trattamento sanitario obbligatorio.  

TERREMOTI: PREVENZIONE ZERO!

di Gianni Lannes

«Manca una carta geologica a manca la copertura della microzonazione sismica che spesso fa la differenza tra una casa che crolla e una che rimane in piedi. Insomma, la prevenzione in Italia è ancora solo un auspicio». E’ la denuncia lanciata dal presidente del consiglio nazionale dei geologi, Francesco Peduto, a margine del dibattito “I geologici a confronto su sicurezza e prevenzione” che si è tenuto il 15 marzo scorso a Bari. Invece di fare concretamente prevenzione e mettere in sicurezza il territorio e gli edifici, pubblici e privati, il belpaese ha speso in media 3 miliardi di euro all’anno per riparare i danni provocati dai terremoti, circa 150 miliardi di euro negli ultimi 50 anni.


riferimenti:

http://www.cngeologi.it/t/francesco-peduto/ 

Gianni Lannes, TERRA MUTA, Pellegrini editore, Cosenza, 2013. 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=terra+muta 

ENI E MONTEDISON: VELENI NEI MARI ITALIANI!




di Gianni Lannes
  
Arsenico presente, mercurio presente, Stato assente. Ecco il vaso di Pandora nostrano certificato anche dall'Ispra e dal ministero dell'ecologia. Due ex multinazionali tricolore per decenni hanno affondato impunemente, anzi con l’autorizzazione del governo italiano, i loro rifiuti industriali nel Mediterraneo: Mar Adriatico, Mar Jonio e Mar Tirreno. Le navi Isola Celeste ed Irene, ma non solo, hanno scaricato per anni le scorie del petrolchimico Anic-Enichem di Manfredonia, tra il Gargano e le Isole Tremiti, come ha accertato un processo a Foggia, dimenticato in fretta e senza ribalta mediatica. Nel 1979 effettuavo con i miei amici le prime immersioni subacquee alle Diomedee. Proprio in quel luogo meraviglioso, notammo chiazze in mare che allungavano i loro tentacoli per miglia. Eravamo solo dei ragazzi cresciuti troppo in fretta e nessuno ci diede retta. Poi, dopo ho capito che al peggio non sembra esserci fine in una colonia di sudditi e cavie.