28.6.17

IL DELIRANTE VACCINISTA ROBERTO BURIONI




Informo tutti che, siccome non tollero questi comportamenti denigranti e deliranti da parte dei colleghi, ho provveduto a scrivere tramite PEC istituzionale alla FNOMCeO ufficio deontologia, segnalando questi comportamenti poco decorosi del prof. Burioni, qui di seguito trovate quanto da me inviato:

“Buongiorno,

con la presente vorrei segnalare il comportamento poco decoroso che il prof. Burioni Roberto (professore ordinario e direttore della scuola di specialità in immunologia clinica ed allergologia all’Università di Milano Vita-Salute San Raffaele, iscritto al numero 0000001909 dell’Ordine provinciale dei medici chirurghi di Pesaro-Urbino) tiene in maniera costante e sistematica ormai da mesi, insultando e denigrando senza motivo liberi cittadini e colleghi medici.

A parer mio il prof. Burioni viola in maniera costante e sistematica gli artt. 1,3,5,7,13,32,58 del nuovo codice di deontologia medica, non mantenendo quindi il decoro e il comportamento che un medico (a maggior ragione se professore universitario), dovrebbe tenere soprattutto in pubblico..

In allegato uno screenshot come esempio di comunicazione, ma nel suo profilo social di facebook potete trovare decine di post denigranti e direi a volte anche “deliranti”.

Sicuro di un Vostro riscontro e di una Vostra decisa presa di posizione in merito, ringrazio e porgo distinti saluti.

Dott. Diego Tomassone M.D.”

8 commenti:

  1. Non è la scienza che deve essere democratica! Intanto bisognerebbe cercare di capire che contenuti diamo alla parola scienza; che cosa è scientifico e che cosa non lo è; e attraverso quali convenzioni parliamo di scientifico e non scientifico. Le convenzioni le stabilisce l'uomo e l'uomo le può rivedere e modificare. Ma è chi utilizza la scienza che può sicuramente essere democratico ( altra parola molto abusata o usata male, oggi ) oppure no, in buona fede oppure no!

    Giuseppe

    RispondiElimina
  2. Ma poi di quale scienza vogliamo parlare?
    L'asilo nido di 50 anni fa era molto piu' scientifico delle laure odierne (del nuovo ordinamento).

    RispondiElimina
  3. Ma dai è facilissimo la scienza è quella approvata dalla politica.

    RispondiElimina
  4. ...quindi una parodia della scienza.

    RispondiElimina
  5. Approvo tutti i commenti specialmente il primo. Non è la vera scienza ad essere in questione bensì le persone e i loro errori umani. Quello che contestiamo è che la diplomata Lorenzin abbia calpestato la democrazia basandosi su dati errati, fatti inesistenti, e vaccini non GMP, che sono inefficaci sulle età indicate e quindi tendenzialmente, solo pericolosi. Una legge da abortire dall'inizio alla fine, compreso la sua firmataria e i suoi sostenitori, troppo spesso Burini.

    RispondiElimina
  6. "scienza"
    Una massa di cerobrelesi tremendamente pieni di se impara a pappagallo dei gran libroni scritti (o comunque finanziati) dalle fabbriche di veleni ...
    E voi sareste scienziati?
    Un registratore è molto più efficiente di voi, siete solo degli automi senza cervello che applicano acriticamente regolette scritte sui manuali delle big pahrma
    ... e ancora avete il coraggio di parlare di scienza???

    Il povero Galileo si starà ribaltando nella tomba

    RispondiElimina
  7. Bella "scienza": una "scienza" che ha portato tumori, autismo, ictus, infarti, malattie neurodegenerative al picco massimo di tutta la storia umana. Complimenti a questa scienza!

    RispondiElimina
  8. La medicina NON è UNA SCIENZA! Fisica, chimica, astronomia, sono scienze.

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.