3.5.17

L'ITALIA BOCCIA LA RISOLUZIONE PRO PALESTINA DELL'UNESCO





L’Unesco presenta ed approva la seconda risoluzione sulla Palestina e sul controllo di Gerusalemme, ma l’Italia vota no e si schiera con Israele per decisione del ministro pro tempore Alfano.
L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura ha adottato a Parigi, una risoluzione denominata “Palestina Occupata“. L’Italia priva di effettiva sovranità, nonché in affari bellici con Tel Aviv (il primo memorandum fu siglato sotto Berlusconi), si è espressa contro questa risoluzione, giudicata pro Palestina.

I Paesi che si sono espressi in modo favorevole sono 22, tra cui anche la Russia. Tra i 10 votanti che hanno detto “no” ci sono gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Germania e la Grecia, oltre che l’Italia. Gli Stati che hanno scelto di astenersi sono 23, di cui Francia e Spagna. L’Unesco si è espresso in modo critico nei confronti di Israele e delle sue politiche contro la Palestina, come i progetti che prevedono l’insediamento nella Città Vecchia di Gerusalemme, dichiarando nulla ogni decisione delle autorità israeliane sulla città sacra. Si chiede anche la fine del blocco israeliano su Gaza.

 riferimenti:
  





1 commento:

Gradita firma degli utenti.