20.3.17

LA COMICA MARCIA SU ROMA DI GRILLO & DI MAIO




di Gianni Lannes

Sono un uomo libero e scrivo da sempre quello che penso sulla base di riscontri documentati ed oggettivi. Gli ultimi arrivati dovevano squarciare il Parlamento come una scatoletta. Invece hanno mandato in scena un'opposizione di carta velina. Nel dicembre 2008 quando partecipai ad uno spettacolo di Grillo a San Severo, ed il comico mi chiese di salire sul palco per parlare di inceneritori di rifiuti e mafie, pensavo che lo showman fosse genuino. E gli credevo ancora nel 2010 quando tenni a Genova in municipio, su invito del meetup locale, una conferenza. Invece, poi ho letto nel 2012 il rapporto declassificato del dipartimento di Stato nordamericano, relativo ad un incontro segreto - avvenuto nel 2008 - a Roma, presso la sede della rappresentanza diplomatica Usa, con l’allora ambasciatore Spogli. Un appuntamento celato ai grillini, propedeutico alla nascita del cooptato movimento 5 stelle.  

Nel 2013 chiamai direttamente al telefono Grillo, poi gli inviai una e-mail, personale con richiesta di spiegazioni. Infine, pubblicai su questo diario internautico gli interrogativi girati al padrone di m5s. Dopo 4 anni non è giunto uno straccio di risposta. Nel frattempo, ho visto un’opposizione parlamentare decisamente sterile, anzi parolaia ed inconcludente, con onorevoli che si danno arie da divetti.

 

Addirittura, una delegazione di onorevoli pentastelluti ha fatto una gita premio al MUOS di Niscemi su invito del Pentagono, mentre anche in Italia va in onda la guerra ambientale. Non hanno alcuna capacità e competenza di governo e non sono un modello di democrazia, allergici evidentemente al dissenso critico. 
  

Ho sentito su youtube le dichiarazioni del non laureato Di Maio a Manfredonia, sull’Energas. Minacciava sfracelli, ma poi non ha concluso niente per impedire la realizzazione di un gigantesco impianto a gas di petrolio liquefatto. Ma per fortuna ben 1389 cittadine e cittadini hanno diffidato il capo dello Stato Mattarella, il primo ministro pro tempore Gentiloni e il presidente della regione Puglia, tale Michele Emiliano. Altro che chiacchiere al vento. Si atteggiano a primi della classe ma non hanno la stoffa, la preparazione, la cultura, i titoli di studio e gli attributi. A Strasburgo e Bruxelles va anche peggio. Insomma, una delusione nazionale e internazionale.

La Stampa, 15 marzo  1985


Il loro compito stabilito a priori era quello di incanalare, o meglio cloroformizzare la protesta popolare in un vicolo cieco. Ce ne eravamo accorti con la vicenda del sindaco di Parma, Pizzarotti, poi con la telenovelas della sindaca di Roma Raggi lasciata al suo cadreghino, nonostante i ripetuti infortuni e gli avvisi di garanzia. Ora l’esempio di quanto vale la democrazia per Grillo e la Casaleggio associati, viene offerta dalla vicenda di Genova. Infatti, la consultazione pentastelluta si è risolta con la vittoria trasparente di Marika Cassimatis. Un risultato che il pluriomicida Giuseppe Piero Grillo (lo attesta una sentenza della Cassazione), non ha gradito e ha imposto una nuova consultazione a cui hanno potuto votare anche non liguri; e al posto della Cassimatis è stato indicato un personaggio gradito da Grillo. Se questa è la “democrazia diretta” c’è poco da stare allegri. A decidere è sempre il vertice. I pentastelluti non raccontino balle, il loro partito (proprietà di Grillo & soci come da atto notarile) è come tutti gli altri sodalizi accaparra-poltrone istituzionali, dove c’è un vertice che decide e una base che si adegua. La differenza sta nel fatto che negli alti partiti ci si confronta, si litiga, ci sono i congressi e il vertice è legittimato perché è eletto. Nei pentastellati invece, il vertice si autoproclama e si identifica con il solo Grillo, con l’assistenza tecnica della Casaleggio e da alcuni altrettanto servizievoli yesman. Insomma, un’anomalia che in democrazia non lascia per niente tranquilli. E la cena dall'ambasciatore inglese e il party dall'ambasciatore Phillips in via Veneto per la festa del 4 luglio? E Farage dove lo mettiamo? Con il 25 per cento dei voti cos'ha combinato Grillo dal 2013 ad oggi? Allora grillini non siate grullini. Deputati e senatori prendete le distanze da Grillo.  


riferimenti:

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=grillo 

https://www.youtube.com/watch?v=98j9TL8zY2o 

https://www.youtube.com/watch?v=TT6PTHNKKEw 

https://www.youtube.com/watch?v=BTHY-qODmCw 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=muos%2Bm5s 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/03/guerra-nato-in-sicilia.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/03/energas-kuwait-petroleum-1100-diffide.html 

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/11/beppe-grillo-domande-zitto-e-muto.html#more 

https://www.youtube.com/watch?v=uohP2QvjrW4 

https://www.youtube.com/watch?v=PKRKL4nEip4 

https://www.youtube.com/watch?v=OTMqFMo_gnA 










Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.