14.7.16

SCHIAVI IN ITALIA SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI!

di Gianni Lannes


Ecco il terzo mondo dell'Europa. Nell'estate dell'anno 2016 basta mettersi in viaggio da Foggia a Reggio Calabria, per notare ad occhio nudo le masse di schiavi nelle campagne italiane, vittime predestinate delle nuove forme di caporalato. Al contempo è facile accorgersi delle torme di ragazze, spesso minorenni, costrette a prostituirsi nelle città tricolori, gestite anch’esse a livello schiavistico dalla criminalità organizzata, sotto lo sguardo benevolo delle forze dell’ordine, grazie non di rado all’omertà giudiziaria di toghe ed ermellini.

Senza dimenticare i migranti minori non accompagnati, sfruttati a sangue nei mercati ortofrutticoli o abusati dove capita, sotto gli occhi di migliaia di individui adulti, ma comunque indifferenti alla pietà umana.

1 commento:

  1. A dispetto di quel che le autorità massime ci propinano quotidianamente attraverso i mass media, l'Italia è semplicemente un paese da terzo mondo, leggermente avanzato. Ma di poco eh...

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.