23.6.16

EUROPA SOTTO DITTATURA: SU LA TESTA!

di Gianni Lannes

La tecnocrazia ha rimpiazzato la democrazia nel vecchio continente. Il principio di legalità è soltanto una foglia di fico, in ambito nazionale e internazionale.

Tema del giorno: brexit. Ma quale caos? Sia chiaro: l'Inghilterra, mica stupida, non ha mai accettato l'unione monetaria del vecchio continente sotto il marchio del signoraggio bancario targato BCE. L'Inghilterra è da sempre fuori dalla cosiddetta “unione europea”, o meglio, non è mai entrata in questa trappola sotto il tallone delle corporation.  

Anche la farsa dell’unione dei popoli sta franando miseramente. Infatti, ora i fantocci di Bruxelles, dall'ineletto lussemburghese Juncker in testa, hanno inventato le “guardie di frontiere europee”. L'Italia deve dialogare soprattutto con i paesi del Mediterraneo, altro che Ue, ma soprattutto acquisire la sovranità perduta. Progresso e benessere per tutti: la vita non si misura sullo striminzito prodotto interno lordo. Vi invito ad ascoltare o a leggere il discorso di Robert Kennedy del 18 marzo 1968.


Non c’è niente di più distruttivo di una guerra e anche noi occidentali ci siamo già dentro, schiacciati dai guerrafondai di Washington, che mantengono in Europa il controllo militare, e dunque, seguitano ad ipotecare libertà e indipendenza. A cosa pensate che servano gli arsenali nucleari stanziati in violazione del TNP in Italia, Germania, Belgio, Olanda e Turchia?

Se la pace non è dentro di noi, non sarà mai da nessuna parte. Il risveglio della coscienza e della consapevolezza è il primo passo imprescindibile per un mutamento di paradigma: dall’economia all’etica. Un passaggio, insomma, che consenta all’umanità di evolversi e abbandonare il materialismo spingendosi verso un punto di equilibrio che faccia leva sulla nostra spiritualità. La coscienza umana è un valore universale, al di sopra delle leggi codificate dagli uomini per interessi di parte.

Che fare? Dare vita a campi di comprensione, invece che a campi di battaglia. Il futuro dell’umanità sta nell’inclusione, non nell’esclusione. Bisogna abbattere muri e costruire ponti di fratellanza. La prima rivoluzione è interiore. 


riferimenti:







1 commento:

  1. Terremoto a santo stefano di magra (sp)...nessuna nuvola, neppure sul mare, cielo bianco rogna...ipocentro 8,8 km: una firma!

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.