17.1.16

DDL CIRINNA’: COMMERCIO DI DONNE E BAMBINI

 Renzi & Cirinnà

di Gianni Lannes

‪Unione incivile targata piddì & soci. Siamo alla totale mercificazione della vita: l’utero in affitto, l’omosessualizzazione istituzionalizzata, la famiglia artificiale e così via. Insomma, perversioni legalizzate. Stepchild ‪Adoption che vuol dire? Significa che si può adottare il "figlio biologico" del partner dello stesso sesso. Ma perché usare l’inglese quando la lingua italiana è più significativa e completa? Banale esterofilia? O forse, perché la gente comune non deve capire cosa bolle in pentola?

Cosa accadrà di fatto? Un gay va all'estero,come ha fatto un senatore della repubblichetta delle banane italidiote, con annessa campagna pubblicitaria per accelerare l’approvazione delle unioni civili, feconda col suo seme un ovulo donato, che viene impiantato nell'utero di una donna, cioè un ‪‎utero ‪‎in ‪‎affitto: nasce un bimbo, che poi in Italia potrà essere adottato per legge dal partner e si costituirà una ‪‎famiglia con due papà, negando ai bambini il diritto ad avere una mamma.

Nel caso di una coppia formata da due uomini, il bambino, che nell'utero aveva anche instaurato un intenso legame psico-affettivo con la donna donatrice, subirà il trauma di un distacco drastico subito dopo la nascita dalla mamma che non avrà neanche il diritto di allattarlo al seno.

Monica Cirinnà dixit: 

"Il testo che l'aula del Senato ha incardinato oggi risponde a pieno al programma e gli impegni presi da Matteo Renzi. Il Pd ha sostenuto con coraggio un disegno di legge, oggi il 2081 a mia prima firma, che punta finalmente a riconoscere anche in Italia diritti e doveri importanti per la vita di migliaia di persone. Un coraggio sostenuto da una volontà ferma e da un impegno costante che ha permesso di affrontare e superare i mesi di ostruzionismo in Commissione per poi arrivare a portare il testo in aula. Il testo sulle unioni civili che ora è in aula è stato sottoscritto da oltre 70 senatori del Pd... Vi aggiorno in tempo reale del colloquio che ho avuto pochi minuti fa in Senato con il presidente Renzi, e a seguire con la ministra Boschi. Vi confermo che entrambi mi hanno chiesto di andare avanti rapidamente sull'esame del testo".

Il DDL Cirinnà, è un cavallo di troia, infatti, contiene fino ad approvazione avvenuta, una piccola, per il momento necessaria, ipocrisia: è infatti una legge che di fatto introduce il matrimonio tra cittadini dello stesso sesso, ma senza dichiararlo esplicitamente. La legge in discussione può essere considerata una specie di ‘cuscinetto’, un ponte: serve cioè a far capire che due persone dello stesso sesso possono essere benissimo considerate una famiglia. Una volta sperimentato che le unioni omosessuali sono ‘famiglia’, poi queste unioni vengono chiamate ‘matrimonio’. Ergo: il ddl Cirinnà introduce il matrimonio gay e di conseguenza apre le porte alle adozioni e a tutti i contenuti propri delle famiglie.

Ma come si fa a proclamare un diritto che non esiste in natura? Tutti possono amarsi come desiderano e due gay hanno già tutti i diritti garantiti dall'ordinamento vigente. Con questa legge chiedono il diritto ad avere figli, ma i figli non sono oggetto dei diritti degli adulti, il loro pur legittimo desiderio non può mai essere trasformato in diritto. Questo vale per le coppie omosessuali come per le coppie eterosessuali. Un figlio è un dono. Ecco cosa cambia: la trasformazione del figlio in un oggetto, addirittura in un oggetto di compravendita. Ma quale civiltà: questa è una porcata. L'Europa non può imporre alcunché, tantomeno il diritto di famiglia. 

riferimenti:

Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.