30.11.15

IN ITALIA L'ARIA PIU' INQUINATA D'EUROPA

ALTO CANAVESE (30 NOVEMBRE 2015, ORE 11,20): SCIE CHIMICHE
 

L’Italia è il Paese dell’Unione europea nel quale si registra il maggior numero di morti prematuri a causa dell’inquinamento dell’aria. È quanto si apprende dal rapporto (Air Quality in Europe 2015) appena pubblicato dall’Agenzia europea dell’ambiente. Nel 2012 in Italia si sono registrati 84.400 decessi “prematuri” su un totale di 491 mila a livello Ue.

 ALTO CANAVESE (30 NOVEMBRE 2015, ORE 11,20): SCIE CHIMICHE

Sempre secondo quanto si apprende dai dati diffusi dall’Aea alla base del primato vi sarebbero tre cause: le micro polveri sottili (Pm2.5), il biossido di azoto (NO2) e l’ozono, quello nei bassi strati dell’atmosfera (O3), a cui lo studio attribuisce rispettivamente 59.500, 21.600 e 3.300 morti premature in Italia. Nessuna menzione dell'inquinamento bellico provocato dalla NATO, con l'irrorazione di scie chimiche giorno e notte, anche sui centri abitati.

L’area maggiormente colpita è quella della Pianura Padana: Brescia, Monza, Milano e Torino, infatti, superano ampiamente il limite fissato a livello Ue, di una concentrazione media annua di 25 microgrammi per metro cubo d’aria.

riferimenti:

Nessun commento: