25.9.14

EDUCAZIONE E INFORMAZIONE: LE ARMI DEL PRESENTE E DEL FUTURO!



di Gianni Lannes





L

'Italia non è un'isola felice, bensì uno Stivale in declino. Forse dovremmo iniziare a provare una certa angoscia per la perdita del futuro comune, ed attualmente soprattutto dei diritti sociali e personali. 

Quello che non c'è nel Belpaese: salute, lavoro, istruzione, casa, rispetto, etica, dignità, sovranità, giustizia, gioia di vivere, e così via.


Diritti negti: schiavitù assicurata. Comunque, da qualche parte - nel particolare - bisogna pure iniziare a difendersi concretamente, se i poteri dominanti (multinazionali, internazionali, statali, regionali, locali) attentano quotidianamente alla vita, alla libertà e alla democrazia. Senza dubbio, occorre un’efficace strategia di resistenza, quando l'ingiustizia diventa legge di Stato.

La politica è progresso quando realizza esclusivamente il bene comune, e non altro per tornaconto personale o subordinazione telecomandata.
E' fondamentale l'investimento pedagogico: educazione, educazione ancora e sempre educazione, passando dalle parole ragionate alle azioni virtuose.

Allora, per chi ha bisogno di indagini, inchieste, approfondimenti, ricerche, consulenze o semplicemente un consiglio può rivolgersi a

sulatestaitalia@libero.it
 

Nessun commento:

Posta un commento

Gradita firma degli utenti.