9.7.14

EXTRACOMUNITARI: EXTRATERRESTRI IN MEZZO A NOI

Bambino Rom alla ricerca di acqua da bere - foto Gianni Lannes (tutti i i diritti riservati)

di Gianni Lannes

Le parole hanno il potere di distorcere la realtà. Prendete il termine extracomunitario: ha ormai un'accezione negativa che marchia soltanto i popoli zingari e africani, circoscrivendo e delimitando al contempo, il nostro insano pregiudizio. Anche gli statunitensi allora dovrebbero essere bollati così. Invece...

Provate di questi tempi a girare per il Sud d'Italia, e troverete un'umanità invisibile, oltraggiata. Non sono diversi da noi, non sono degli appestati. Soprattutto: non è in atto alcuna invasione dell'Italia. A proposito: mostratemi un italiano puro da almeno sette generazioni.


"Milena": la Rom centenaria - foto O. Deriu
 Bambino Rom - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

Migranti afghani assetati - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
Bracciante Rom - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)
 Bambini e Donne Rom - foto Gianni Lannes (tutti i diritti riservati)

1 commento:

  1. La legge morale deve essere parte fondante dell'azione politica e, a mio avviso, una efficace politica di controllo dell'immigrazione non sarebbe per nulla in contraddizione con la legge morale della solidarietà e il rispetto dell'altrui condizione umana, aldila' della razza, del colore della pelle e della professione religiosa.
    Purtroppo ciò che accade oggi in Italia è l'esatto contrario.In nessuno Stato del pianeta al pari dell'Italia, si è mai vista un abisso assoluto nella politica ed, in particolar modo, di una politica di controllo dell'immigrazione.
    L'operazione Mare Nostrum, pagata dai cobtribuenti italiani, il cui obiettivo doveva essere una riduzione degli sbarchi sulle coste italiane, sta ottendendo i risultati opposti. Aumento degli arrivi e nessuna riduzione della mortalità degli ex clandestini; anche su questo punto, non esiste al mondo uno Stato in cui venga abolito il reato di clandestinità.
    Sarei curioso di vedere i risultati di un ipotetico referendum, in cui i cittadini italiani fossero chiamati a esprimersi sull'abolizione di un'operazione stile "Mare Nostrum",sull'abolizione del reato di clandestinità oppure sulla limitazione del numero di immigrati nello Stato Italiano. Io credo che la politica attuale sarebbe demolita; ovviamente questo se fossimo in una repubblica ancora democratica ( ma inizio a chiedermi se lo sia mai stata).Penso che molti di coloro puramente antifascisti, si esprimerebbero contro la politica "disintegratoria" attuale in tale campo.
    Concludo dicendo che se anche non esistesse nemmeno un solo italiano puro da almeno sette generazioni, ciò non autorizza una minoranza ad avere maggior diritti di una maggioranza; questa è la base di una democrazia. In Italia sta accadendo l'esatto opposto, ovvero il trionfo del diritto individuale e delle minoranze contro la maggioranza. Questa non è solidarietà, questo è solo l'antiStato portato alla luce del sole.
    Infine, mi sembra che si stiano usando due pesi e due misure quando si parla di diritti del cittadino italiano. Ci stracciamo le vesti nel dare del traditore a Napolitano, Renzi e compagnia "rossa" bella, ma non si fiata quando si attuano aberrazioni politiche, a spese del contribuente italiano, come questa assurdo favoreggiamento legalizzato del traffico di esseri umani.

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.