2.5.14

FANTASCIENZA A UN PASSO DALLA REALTA'



Preg.mo Dott. Gianni Lannes, quando e se  avrà tempo e sopratutto voglia mi piacerebbe avere una sua obbiettiva opinione in merito a quanto di seguito brevemente le scrivo , visto la complessità dell'argomento. E' possibile che anche le chemtrails, ormai continue sulle nostre teste , con la diffusione di sostanze trattate dalla nanotecnologia e geoinegneria , ben documentate  dalla ricercatrice Sofia Smallstorm, rientrino in qualche modo nel programma descritto nel suo libro dall'ingegnere futurista e transumanista Kurzweil nel 2005. Quindi non solo cambiamenti climatici ma tanto altro. O è solo cospirazione e fantasia ? Grazie per la scelta che ha fatto nella Sua vita di mettersi al servizo della conoscenza, della verità e della giustizia.
Franco Giusto

FANTASCIENZA A UN PASSO DALLA REALTA'

Ray Kurzweil, ingegnere transumanista, nel 2005 pubblicava il libro " The singularity is near " nel quale affermava che entro il 2020 la ricerca scientifica avvalendosi della geoingegneria ,della nanotecnologia e della biologia sintetica consentirà la creazione di un'intelligenza ibrida ed entro il 2045 il primo essere vivente transumano , cioè mezzo uomo e mezza macchina, con globuli rossi in parte robotici e cervello collegabile a computer e a tutti i suoi comandi. Nel febbraio 2011 la rivista Time dedicava la copertina all'uomo che diventerà immortale nel 2045. Ultimamente la cinematografia ha cominciato a produrre storie con personaggi transumani, come rappresentati nelle foto riportate, e cioè di persone con il cervello collegabile a macchinari che ne potenziano la funzionalità. Purtroppo tutto quanto predetto da Kurzweil si sta non tanto lentamente avverando nel campo della ricerca e contemporaneamente i produttori dei movies, fiutando quanto stia accadendo, cercano di abituarci all'idea del transumano e delle sue potenzialità, traendone cospicui benefici economici .. Ma da quanto riportato da altri scienziati la finalità della creazione del transumano sarebbe quella di una creatura instancabile, che non si riproduce e non si ammala e verrebbe programmata per lavorare quasi ininterrottamente per un'elite ristretta di umani. Ma a loro dire esiste un pericolo reale e cioè che queste intelligenze artificiali possano crescere ed evolversi autonomamente in modo esponenziale, anzichè lineare come programmate, e quindi prendere il sopravvento sull'uomo.

2 commenti:

  1. C'è ancora molto di più in questo articolo che ho tradotto.

    in un futuro Trans-umano ci sono tutti questi ingredienti:
    La stampa in 3-D anche di parti del corpo e non solo in plastica ma anche in metallo
    Bioingegneria, le nanotecnologie convergono tutte nel campo della bio-ingegneria ..
    Cellule staminali e bioprinting, la ricrescita di arti e organi interni al corpo
    Genetica, vita sintetica, e esseri umani geneticamente modificati.

    Tutto questo è noto come Transumanesimo, non tra cent'anni ma adesso, previsione accettabile entro il 2030/2040

    RispondiElimina
  2. Il transumanesimo nel film "The Machine", dove non manca nemmeno la farfalla Monark. Lo stanno faccendo, ce lo fanno vedere, non li fermeremo. Buona visione...

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.