5.4.14

MAR JONIO: SOMMERGIBILI NUCLEARI NATO E TERREMOTI. ESPERIMENTO DI GUERRA UNITED STATES OF AMERICA?




di Gianni Lannes

La sismicità naturale è un ottimo paravento per mascherare la guerra ambientale in atto. Chi ha provocato oggi il terremoto con ipocentro superficiale del quinto grado della scala Richter al largo di Crotone? Il piano di sicurezza nucleare - come stabilisce il Decreto 230/1995 - perché non è reso noto alla popolazione locale? Il prefetto di Crotone ha il dovere legislativo di rendere pubblico il piano di emergenza atomica. I sommergibili a propulsione nucleare sono centrali nucleari galleggianti, addirittura meno sicuri degli impianti stazionati a terra. Nello Jonio vivono balenottere comuni e capodogli, creature marine che vengono danneggiate dalle frequentissime attività militari della Nato.

Post scriptum

Gli esperti danno i numeri. Mi limito soltanto a tre dati differenti, per non dire di molti altri che variano anche la magnitudo. Intanto in sismologia da 0 a 70 chilometri di profondità (ipocentro) i terremoti sono classificati come superficiali. Sul posizionamento addirittura il rilevamento differisce di non poco. Infatti l'USGS attesta un ipocentro a 57,5 km (coordinate 38.5854°N - 17.246° E). Il Centro sismologico euromediterraneo, invece, attesta un ipocentro a 64 km (coordinate 38.84° N - 17.18° E). L'Ingv infine: ipocentro 65,7 km (ccordinate 38.7929° N - 17.2603°E).














2 commenti:

  1. Sul sito dell'ansa riportano una profondità di 68 kilometri non si capisce dunque se può essere di origine artificiale o è naturale.
    In ogni caso 5 gradi richter è un terremoto forte, ho letto che hanno evacuato delle scuole, massima solidarietà al popolo calabro.

    RispondiElimina
  2. Gli esperti danno i numeri. Mi limito soltanto a tre dati differenti per non dire di molti altri che variano anche la magnitudo. Intanto in sismologia da 0 a 70 chilometri di profondità (ipocentro) i terremoti sono classificati come superficiali. Sul posizionamento addirittura il rilevamento differisce di non poco. Infatti l'USGS attesta un ipocentro a 57,5 km (coordinate 38.5854°N - 17.246° E). Il Centro sismologico euromediterraneo, invece, attesta un ipocentro a 64 km (coordinate 38.84° N - 17.18° E). L'Ingv infine: ipocentro 65,7 km (ccordinate 38.7929° N - 17.2603°E).

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.