16.2.14

ITALIA ANNO 2014: SOTTO DITTATURA


 Il pensiero di Giuseppe Dossetti, un padre della Patria, membro della Costituente:  

"Quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all'oppressione è un diritto e un dovere del cittadino".







 

4 commenti:

  1. la più bella, quella di Machiavelli.

    RispondiElimina
  2. Macchiavelli fu un vero principe del rinascimento, e aveva ragione infatti gli italiani di oggi (salvo rare eccezioni) sono un esempio lamapante di popolo servile.
    La rivoluzione scoppierebbe solo se abolissero il campionato di calcio, solo allora forse qualcuno inizerebbe ad accorgersi di qualcosa e alzerebbe la testa.
    Ma forse il sonnambulismo italico è amio avviso anche peggiore giacchè pure il campionato calcistico è falsato e non poco.

    P.S.: Alle citazioni aggiungerei anche questa: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta non donna di province, ma bordello?" Dante Alighieri

    RispondiElimina
  3. assolutamente d'accordo,ma siccome non ho fatto le scuole, non usero termini affinati: per me questi sono dittatori e basta e noi tutti salvo qualche ecc. rappresentiamo un popolo di vigliacchi i primi nel mondo il primato e nostro e purtroppo credo che lo sara' sempre, la classe dirigente ormai ha preso potere in tutte le sue forme gli italiani siamo un popolo di opportunisti da sempre senza dignita' senza scrupoli ne coscienza, che schifo di paese, spero per me che non moriro' da italiano. GRAZIE

    RispondiElimina
  4. perfettamente d'accordo, un popolo di frustati che sfogano le loro corna sullo stadio, se poi devono difendere i loro diritti per un abuso ricevuto da questo stato dittatorio neanche a pensarlo, un popolo di vigliacchi che conserva stretto il primato nel mondo. spero soltanto per me che non muoio da ITALIANO.

    RispondiElimina

Gradita firma degli utenti.